GOLUBIC V. (SUI)
ZHANG S. (CHN)
06:15
 
STL Blues
5
NAS Predators
3
fine
(2-2 : 2-0 : 1-1)
VEGAS Knights
3
PIT Penguins
2
2. tempo
(3-0 : 0-2)
filosofia-senza-dio-e-senza-supercazzole
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
9 ore

Scoperto il primo pianeta ovale come una palla da rugby

’Scovato’ grazie al satellite Cheops dell’Esa. Si chiama Wasp-103b, è a 1’800 anni luce da noi e compie un’orbita in meno di un giorno.
Culture
10 ore

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi triennali

Prolungato li sostegno per il periodo 2022-24 per le associazioni culturali attive nei sei principali comuni e per i Circoli del cinema
Culture
11 ore

‘Traditi dagli ebrei’, disse Otto Frank: un libro lo conferma

Il padre di Anna lo affermò nel 1948. In ‘Chi ha tradito Anne Frank’ di Rosemary Sullivan, l’indagine che ha portato a questa conclusione
Covid e cultura
11 ore

Scuole musica e federazione bandistica chiedono deroga al Decs

Nella lettera indirizzata a Manuele Bertoli ‘l’inaccettabile discriminazione tra giovani ticinesi impegnati nella formazione musicale e coetanei svizzeri’
Cinema Teatro Chiasso
11 ore

Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show: si recupera il 10 aprile

Riprogrammato il concerto con i due mattatori annullato lo scorso 8 gennaio
Cinema
12 ore

Visions du Réel, Marco Bellocchio ospite d’onore

L’omaggio di Nyon al regista, sceneggiatore e produttore italiano prevede una retrospettiva e la presentazione di un nuovo documentario.
Musica
12 ore

Raggiunto accordo sull’eredità di Prince: vale il doppio

Il lascito del ‘folletto’ è di 156,4 milioni di dollari, quasi il doppio della stima precedente. Gli eredi potrebbero sfruttare la vendita del catalogo
Scienze
15 ore

In 500 anni si è estinto il 10% delle specie conosciute

Lo dice uno studio coordinato tra università delle Hawaii e Museo di storia naturale di Parigi pubblicato su Biological Reviews
Jazz in Bess
17 ore

Suisse Diagonales Jazz, Lombardi & Salis prima dei Mohs

Secondo appuntamento ticinese del festival svizzero: alle 20.30 i 30 anni di sodalizio dei due ticinesi; alle 22 il quartetto capitanato da Kysk e Valazza
Culture
18 ore

‘Shoah, tempo e memoria’, concerto-lettura per non dimenticare

Mercoledì 26 gennaio alle 19.15 alla Biblioteca di Bellinzona, pianoforte e voce narrante aspettando la giornata della memoria
Musica
18 ore

Riccardo Minasi guida l’Osi in Auditorio

Giovedì 20 gennaio alle 20.30 allo Stelio Molo, il violinista e direttore d’orchestra in un concerto incentrato sul romanticismo tedesco
Società
1 gior

È morto Monsieur Pigeon, clochard dal grande cuore

Il senzatetto Giuseppe Belvedere, protagonsita del bel documentario di Antonio Prata, è stato trovato senza vita a Parigi
La recensione
1 gior

‘Una famiglia vincente’, Will Smith nel regno di King Richard

Alla ricerca dell’Oscar, imbolsito quel che serve, è il megapapà di Venus e Serena in un film in cui tutti (o quasi) sanno tenere in mano una racchetta
Spettacoli
1 gior

L’Osi, Kowalski e la musica dalla Polonia bigotta

Primo concerto della stagione in Auditorio dell’Orchestra della Svizzera italiana. Alla guida dell’Osi, il Konzertmeister Robert Kowalski
Culture
1 gior

È morto lo stilista italiano Nino Cerruti

Tra i protagonisti della moda del Novecento, negli anni Sessanta arruolò Armani
Musica
3 gior

La versione di Fiorella spiegata a Locarno

Sabato 2 aprile al Palaexpo Fevi, la tappa ticinese del tour di Fiorella Mannoia che prende il nome dal programma Rai.
Spettacoli
3 gior

Santoro SOLOinscena al Foce per ‘Edgar Allan Horror Poe’

Mercoledì 19 gennaio alle 19, con musiche dal vivo di Claudia Klinzing, Emanuele Santoro nel recital dedicato al grande autore statunitense
Culture
3 gior

‘Novecento’ di Baricco è la prima opera letteraria Nft

L’Nft (Non-Fungibile Token) è un certificato che attesta la proprietà e la provenienza di un asset digitale.
L'intervista
28.04.2018 - 08:350

Filosofia senza Dio. E senza supercazzole

Una visione positiva dell'ateismo e della filosofia, racconta Giovanni Gaetani, autore di ‘Come se Dio fosse Antani’ che sarà presentato lunedì a Bellinzona

a cura de laRegione

Un percorso filosofico che parte dalle fallaci dimostrazioni dell’esistenza di Dio per arrivare a una visione non solo e non tanto atea, ma umanista. È il percorso in cinque capitoli di ‘Come se Dio fosse Antani. Ateismo e filosofia senza supercazzole’ (edizioni Nessun dogma), ma anche quello personale dell’autore, Giovanni Gaetani – che dopo un dottorato in filosofia lavora a Londra per l’International Humanist and Ethical Union, Ong che difende i diritti dei non credenti –, lunedì 30 aprile alle 20.15 ospite dei Liberi pensatori a Bellinzona, alla Casa del popolo, per presentare il suo libro.


Giovanni Gaetani, il libro non tratta solo di Dio e di religione, ma è anche una critica a un certo modo di fare filosofia. Qual è il tema principale?
Mettiamola così: ho studiato filosofia all’università per nove anni, sviluppando pian piano degli anticorpi per un certo modo di filosofare, oscuro, aristocratico, incomprensibile. La prima esigenza è stata quella di fare un testo di filosofia accessibile anche ai non filosofi, scritto in maniera chiara, breve e ironica. Focalizzandomi su una filosofia in particolare, quella dell’ateismo. I cinque temi che ho preso di mira infatti riguardano tutti la visione atea e umanista del mondo, facendo attenzione a non farne un’ideologia, una sorta di “religione rovesciata”.

Eppure tra molti atei la filosofia non gode di grande popolarità: meglio la scienza, per sostenere la propria visione del mondo.
C’è effettivamente nel movimento del ‘New atheism’ una corrente “scientista”: scienziati che diffondono l’ateismo tramite la scienza e criticando la filosofia, vista come una perdita di tempo. Per me ovviamente non è così, anche se riconosco la fondatezza di alcune loro critiche: troppo spesso la filosofia si è occupata di temi astratti, senza ricadute pratiche, con un linguaggio estremamente criptico. Ma c’è un modo alternativo di fare filosofia, come ho cercato di mostrare nel mio libro. E non ci sono solo i “nuovi atei”: tra gli umanisti la filosofia ha tutta un’altra considerazione. Ci sono molti filosofi umanisti che sostengono la causa proprio attraverso la filosofia. Penso fra tutti a A.C. Grayling, il cui ‘Ragionando su Dio. Argomenti contro la religione e a favore dell’umanismo’ è stato tradotto in italiano. Del resto è tipico del movimento ateo essere molto frammentato.

Quindi, nella scala di Dawkins, che valuta da 1 a 7 l’ateismo di una persona, dove si colloca?
Sul 6, un gradino prima dell’ateo definitivo. Vivo come se Dio non esistesse e soprattutto affermo che anche se esistesse non crederei in esso, perché farlo significa accettare tutta una serie di contraddizioni sia logiche che morali. E proprio queste ultime rendono per me impossibile credere in Dio: come potremmo giustificare la sua esistenza di fronte al male, ed in particolare di fronte al male innocente? Quello di bambini che nascono con un tumore prenatale, ad esempio. Rifiuto dunque l’esistenza di un Dio onnipotente e benevolente, ma per onestà intellettuale sono agnostico nei confronti dell’esistenza di Dio, la quale resta un’ipotesi possibile, per quanto estremamente improbabile e irrazionale. Detto ciò, a livello pratico vivo totalmente senza Dio. Il che non vuol dire contro Dio.

Quindi, che tipo di filosofia c’è senza Dio? Il nichilismo, oppure possiamo avere comunque dei valori oggettivi?
Il nichilismo è un punto di partenza imprescindibile dopo la morte di Dio. Secondo me una filosofia che, facendo finta di niente, fondasse i valori morali in una qualche trascendenza divina o in una natura umana immutabile, sarebbe ingenua. Ma sarebbe altrettanto ingenuo quello che Nietzsche chiamava “nichilismo passivo”, che si arrende al nulla e concepisce l’esistenza come infondata e inutile. La soluzione è, per me, l’umanismo: una visione che pone al centro dell’esistenza l’uomo, con tutte le sue debolezze, con la sua ragione, la sua empatia. Una filosofia positiva e propositiva che ritrova i valori nella comunità umana in tutta la sua contingenza. Una scommessa sull’umanità, insomma.

Un liberale prima che un ateo

Niente paroloni incomprensibili, nel saggio di Giovanni Gaetani. Come del resto promette il titolo, con quella citazione da ‘Amici miei’ di Monicelli – «che tuttavia è un’arma a doppio taglio, perché forse per un fatto generazionale non tutti colgono il riferimento» ci spiega l’autore – che mette al bando sia il linguaggio specialistico spesso incomprensibile ai non filosofi, sia quegli arzigogoli con cui teologi e credenti sono soliti ribattere alle obiezioni di atei e agnostici.

Il che porta necessariamente a qualche semplificazione – e chi conosce la raffinatezza del ragionamento kantiano su Dio come postulato etico ed estetico rimane un po’ deluso da come il tutto venga liquidato con un sintetico “#epicfail” – ma il risultato è una lettura gradevole anche per l’esperto. Una lettura, precisa Gaetani, che mira a «fornire una sorta di cassetta degli attrezzi per affrontare le discussioni su Dio», pensando in particolare a ragazze e ragazzi che prendono in esame per la prima volta questi argomenti. «Per dargli una versione alternativa del racconto su Dio, perché ripensando alla mia esperienza personale – condivisa da molti – manca una alternativa alla voce cattolica, soprattutto in Italia: quando un ragazzo comincia ad avere i propri dubbi, sente sempre e solo una campana, vede l’ateismo con gli occhi di un cattolico e comprensibilmente ha paura di esprimersi apertamente». L’obiettivo è quindi «fornire una visione positiva dell’ateismo, che non faccia paura».

Nessuna ambizione di “deconvertire i credenti”, quindi. E questo innanzitutto perché «sono uno strenuo difensore del diritto alla libertà di credo e di religione: sono un liberale, prima che un ateo, e detesto provare a convertire le persone, perché ogni tentativo del genere è una violazione della libertà altrui». Inoltre, «anche avessi voluto, non ci sarei riuscito, perché una delle tesi implicite del libro è che chi crede in Dio non crede su base razionale bensì su base emozionale». La fede «è per definizione agli antipodi della razionalità e fa a meno di essa». Se poi questo sia un voltare le spalle alla ragione o un andare oltre la ragione, è questione filosofica aperta. Con rischio di supercazzola.

© Regiopress, All rights reserved