laRegione
Nuovo abbonamento
filosofia-senza-dio-e-senza-supercazzole
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
13 ore

'Maestra e donna franca'

Un ritratto di Franca Valeri, spentasi oggi all'età di cent'anni. E il ricordo di Ippolita Baldini, che è anche un po' figlia sua.
Spettacoli
16 ore

Buon viaggio a due Grandi della scena

Renato Reichlin, ex direttore del Teatro Sociale di Bellinzona, ricorda Franca Valeri e Gianrico Tedeschi
Pensiero
20 ore

Cliocast, la storia si ascolta (per ora non in italiano)

Nasce il podcast del portale professionale elvetico per scienze storiche, con contenuti in francese e tedesco, "ma pronti al trilinguismo"
Spettacoli
21 ore

Gli Usa vogliono copiare Eurosong

Mentre l'Eurovision Song Contest attende Rotterdam, negli Stati Uniti ci si prepara per The American song contest
Spettacoli
23 ore

È morta Franca Valeri, sora Cecioni e signorina snob

Aveva da poco compiuto cent'anni. È celebre per le sue caricature intelligenti e critiche, e fu tra le prime donne della commedia italiana
Culture
1 gior

Brevi cronache notturne, tra territori e poesia

Microcosmi: sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone, tra passato, presente e futuro
Spettacoli
1 gior

Da Brahms a Morricone, le musiche del sestetto Linz

Intervista a Nikolay Shugaev, violoncellista e fondatore dell’ensemble in concerto sabato a Gentilino
Locarno 2020
1 gior

Donne, voi siete il cinema

'Made in Bangladesh' della regista Rubaiyat Hossain, prodotto grazie agli Open Doors. E poi 'Aparisyon' di Isabel Sandoval. Peccato che online non fiocchino gli applausi.
Locarno 2020
1 gior

La malinconia della vita cavalca i pardi

Ci si alza con un ghiacciaio che frana nelle Alpi, con una pandemia senza spiragli, con la Beirut distrutta: cosa deve fare allora chi scrive con il cinema? 
Società
1 gior

Raccontò gli abusi su Netflix: Daisy Coleman si è uccisa

Nel 2016, in ‘Audrie & Daisy’, il destino oggi perfettamente identico di due vittime di stupro: “Mi credevo invincibile. Era un pensiero stupido”.
Classica
1 gior

Settimane Musicali, la tre giorni di 'Piemontesi & Friends'

Versione Covid-compatibile ricca di stelle, dal 18 al 20 settembre nella chiesa del Papio di Ascona
Spettacoli
2 gior

Una storia d’amore di fine regime ai Secret Screening

La seconda proiezione segreta della direttrice artistica è una prima mondiale: ‘Walden’ di Bojena Horackova
Culture
3 gior

Il giro del mondo dei Pardi di domani

CInque cortometraggi per trovare il cinema in questa insolita edizione del Festival di Locarno
Locarno 2020
3 gior

E Marcello Mastroianni chiese a Franco Piavoli...

A colloquio con l'attore Primo Gaburri, nella Locarno che l'applaudì nel 2002 in un film profetico: 'Sì, in anticipo sull'emergenza migranti offre una soluzione'.
Scienze
3 gior

Svelato mistero rettile con supercollo del Monte San Giorgio

Il tanistrofeo, trovato come fossile sul Monte San Giorgio, era un animale acquatico: è la conclusione cui giunge una ricerca dell'Università di Zurigo
Culture
3 gior

Covid-19, la crisi colpisce i musei statunitensi

Buchi milionari nei bilanci e forti tagli al personale per le più importanti istituzioni museali degli Usa
Scienze
3 gior

Il coronavirus si trasmetterebbe poco nelle scuole

La conferma arriva da una ricerca pubblicata sulla rivista The Lancet Child and Adolescent Health. Lo studio è stato svolto in Australia
Scienze
3 gior

Nell'uomo moderno tracce di Dna di un ignoto progenitore

Lo affermano ricercatori americani. ‘Vari rami dell'albero genealogico umano si sono incrociati più volte, e prima di quanto ipotizzato finora’.....
L'intervista
28.04.2018 - 08:350

Filosofia senza Dio. E senza supercazzole

Una visione positiva dell'ateismo e della filosofia, racconta Giovanni Gaetani, autore di ‘Come se Dio fosse Antani’ che sarà presentato lunedì a Bellinzona

Un percorso filosofico che parte dalle fallaci dimostrazioni dell’esistenza di Dio per arrivare a una visione non solo e non tanto atea, ma umanista. È il percorso in cinque capitoli di ‘Come se Dio fosse Antani. Ateismo e filosofia senza supercazzole’ (edizioni Nessun dogma), ma anche quello personale dell’autore, Giovanni Gaetani – che dopo un dottorato in filosofia lavora a Londra per l’International Humanist and Ethical Union, Ong che difende i diritti dei non credenti –, lunedì 30 aprile alle 20.15 ospite dei Liberi pensatori a Bellinzona, alla Casa del popolo, per presentare il suo libro.


Giovanni Gaetani, il libro non tratta solo di Dio e di religione, ma è anche una critica a un certo modo di fare filosofia. Qual è il tema principale?
Mettiamola così: ho studiato filosofia all’università per nove anni, sviluppando pian piano degli anticorpi per un certo modo di filosofare, oscuro, aristocratico, incomprensibile. La prima esigenza è stata quella di fare un testo di filosofia accessibile anche ai non filosofi, scritto in maniera chiara, breve e ironica. Focalizzandomi su una filosofia in particolare, quella dell’ateismo. I cinque temi che ho preso di mira infatti riguardano tutti la visione atea e umanista del mondo, facendo attenzione a non farne un’ideologia, una sorta di “religione rovesciata”.

Eppure tra molti atei la filosofia non gode di grande popolarità: meglio la scienza, per sostenere la propria visione del mondo.
C’è effettivamente nel movimento del ‘New atheism’ una corrente “scientista”: scienziati che diffondono l’ateismo tramite la scienza e criticando la filosofia, vista come una perdita di tempo. Per me ovviamente non è così, anche se riconosco la fondatezza di alcune loro critiche: troppo spesso la filosofia si è occupata di temi astratti, senza ricadute pratiche, con un linguaggio estremamente criptico. Ma c’è un modo alternativo di fare filosofia, come ho cercato di mostrare nel mio libro. E non ci sono solo i “nuovi atei”: tra gli umanisti la filosofia ha tutta un’altra considerazione. Ci sono molti filosofi umanisti che sostengono la causa proprio attraverso la filosofia. Penso fra tutti a A.C. Grayling, il cui ‘Ragionando su Dio. Argomenti contro la religione e a favore dell’umanismo’ è stato tradotto in italiano. Del resto è tipico del movimento ateo essere molto frammentato.

Quindi, nella scala di Dawkins, che valuta da 1 a 7 l’ateismo di una persona, dove si colloca?
Sul 6, un gradino prima dell’ateo definitivo. Vivo come se Dio non esistesse e soprattutto affermo che anche se esistesse non crederei in esso, perché farlo significa accettare tutta una serie di contraddizioni sia logiche che morali. E proprio queste ultime rendono per me impossibile credere in Dio: come potremmo giustificare la sua esistenza di fronte al male, ed in particolare di fronte al male innocente? Quello di bambini che nascono con un tumore prenatale, ad esempio. Rifiuto dunque l’esistenza di un Dio onnipotente e benevolente, ma per onestà intellettuale sono agnostico nei confronti dell’esistenza di Dio, la quale resta un’ipotesi possibile, per quanto estremamente improbabile e irrazionale. Detto ciò, a livello pratico vivo totalmente senza Dio. Il che non vuol dire contro Dio.

Quindi, che tipo di filosofia c’è senza Dio? Il nichilismo, oppure possiamo avere comunque dei valori oggettivi?
Il nichilismo è un punto di partenza imprescindibile dopo la morte di Dio. Secondo me una filosofia che, facendo finta di niente, fondasse i valori morali in una qualche trascendenza divina o in una natura umana immutabile, sarebbe ingenua. Ma sarebbe altrettanto ingenuo quello che Nietzsche chiamava “nichilismo passivo”, che si arrende al nulla e concepisce l’esistenza come infondata e inutile. La soluzione è, per me, l’umanismo: una visione che pone al centro dell’esistenza l’uomo, con tutte le sue debolezze, con la sua ragione, la sua empatia. Una filosofia positiva e propositiva che ritrova i valori nella comunità umana in tutta la sua contingenza. Una scommessa sull’umanità, insomma.

Un liberale prima che un ateo

Niente paroloni incomprensibili, nel saggio di Giovanni Gaetani. Come del resto promette il titolo, con quella citazione da ‘Amici miei’ di Monicelli – «che tuttavia è un’arma a doppio taglio, perché forse per un fatto generazionale non tutti colgono il riferimento» ci spiega l’autore – che mette al bando sia il linguaggio specialistico spesso incomprensibile ai non filosofi, sia quegli arzigogoli con cui teologi e credenti sono soliti ribattere alle obiezioni di atei e agnostici.

Il che porta necessariamente a qualche semplificazione – e chi conosce la raffinatezza del ragionamento kantiano su Dio come postulato etico ed estetico rimane un po’ deluso da come il tutto venga liquidato con un sintetico “#epicfail” – ma il risultato è una lettura gradevole anche per l’esperto. Una lettura, precisa Gaetani, che mira a «fornire una sorta di cassetta degli attrezzi per affrontare le discussioni su Dio», pensando in particolare a ragazze e ragazzi che prendono in esame per la prima volta questi argomenti. «Per dargli una versione alternativa del racconto su Dio, perché ripensando alla mia esperienza personale – condivisa da molti – manca una alternativa alla voce cattolica, soprattutto in Italia: quando un ragazzo comincia ad avere i propri dubbi, sente sempre e solo una campana, vede l’ateismo con gli occhi di un cattolico e comprensibilmente ha paura di esprimersi apertamente». L’obiettivo è quindi «fornire una visione positiva dell’ateismo, che non faccia paura».

Nessuna ambizione di “deconvertire i credenti”, quindi. E questo innanzitutto perché «sono uno strenuo difensore del diritto alla libertà di credo e di religione: sono un liberale, prima che un ateo, e detesto provare a convertire le persone, perché ogni tentativo del genere è una violazione della libertà altrui». Inoltre, «anche avessi voluto, non ci sarei riuscito, perché una delle tesi implicite del libro è che chi crede in Dio non crede su base razionale bensì su base emozionale». La fede «è per definizione agli antipodi della razionalità e fa a meno di essa». Se poi questo sia un voltare le spalle alla ragione o un andare oltre la ragione, è questione filosofica aperta. Con rischio di supercazzola.

© Regiopress, All rights reserved