ULTIME NOTIZIE Culture
Nobel per la Letteratura 2022
6 ore

L’autobiografia universale di Annie Ernaux

Il riconoscimento è andato alla scrittrice francese ‘per coraggio e acutezza’ dei suoi libri: indagini cliniche su vita, memoria e scrittura
Musica
9 ore

L’Osi come non l’avete mai vista (anche a pranzo)

Al posto della palestra, ‘Lunch With Osi’, mercoledì 19 ottobre dalle 12.30 alle 13.30 al Lac; e poi, con ‘Back to school’, l’Orchestra entra nelle scuole
Scienze
9 ore

Discorsi d’odio, notizie false, metaversi al Möbius Lugano

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre si svolgerà la 26esima edizione dei Premi con una serie di conferenze e dibattiti. Novità: Grand Prix per l’Ai
Archeologia
9 ore

Archeologi egiziani: ‘Londra restituisca la Stele di Rosetta’

Una petizione su internet ha raccolto finora 2’500 firme e punta più che altro a ‘spiegare agli egiziani cosa è stato loro sottratto’
Spazio Elle
12 ore

Carovana091, frequenze sempre più libere

Musica improvvisata e sperimentale, da domenica 9 ottobre a Locarno
Culture
14 ore

Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura

L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Culture
15 ore

Massimo Daviddi presenta ‘Il volto di Pasolini’

Nuove poesie nel volume edito da La Vita Felice, che verrà presentato alla libreria Dal libraio di Mendrisio sabato 8 ottobre dalle 16.30
Distopie
16 ore

Mi chiamo Montag, brucio libri

Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
Spettacoli
17 ore

Decamerone/1 di Emanuele Santoro al Foce

Martedì 11 ottobre a Lugano il primo appuntamento di SOLOconBoccaccio; seguiranno, in novembre e dicembre, Decamerone/2 e Decamerone/3
Spettacoli
1 gior

Rivoluzione Scooby-Doo: Velma è ufficialmente gay

Lo rivela una clip del nuovo film ‘Trick or Treat Scooby-Doo!’
Culture
1 gior

Case protagoniste di Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo

Dal 7 al 9 ottobre seconda edizione del festival interamente dedicato alla produzione letteraria nelle quattro lingue nazionali
Scienze
1 gior

Endometriosi, da una ricerca bernese un test non invasivo

La patologia colpisce il 10-15% di donne in età fertile. Scoperte alcune cellule nelle donne afflitte da essa che dovrebbero servire da biomarcatore
Scienze
1 gior

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
1 gior

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
12.08.2022 - 22:22

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici

di Ugo Brusaporco
il-boccalino-per-il-miglior-film-a-petites-di-lerat-gersant
Foto di gruppo

È ormai diventata una tradizione del Festival di Locarno la consegna del Premio Boccalino d’Oro, voluto dalla critica indipendente presente al 75° Festival Internazionale del Film Locarno. Un premio voluto da Marco Müller e portato avanti per 22 anni sempre con l’intento di celebrare i film presenti al festival capaci di toccare temi etici, morali e politici legati al nostro tempo.

La premiazione di quest’anno, aperta da Padre Abramo della comunità ortodossa, si è svolta davanti al presidente del Festival Marco Solari e al direttore artistico Giona Nazzaro, nonché davanti a un folto pubblico raccolto alla pasticceria Marnin, che ha promosso l’evento.

I momenti carichi di emozione non sono mancati, come l’intervento sul perché raccontare le bambine preadolescenti incinte della regista Julie Lerat-Gersant autrice di ‘Petites’ – miglior film per la Giuria del Boccalino guidata dal giornalista e documentarista tedesco Rüdiger Suchsland –. Oppure, Elwira Niewiera che – con Piotr Rosołowski ha diretto ‘The Hamlet Syndrome’ – ha letto una lettera inviatale da un soldato ucraino. E ancora, Deborah Viegas – premio per il miglior montaggio per "É Noite na América" di Ana Vaz – che ha letto un messaggio della regista; mentre Vaughan Murrae, protagonista di ‘Before I Change My Mind’ di Trevor Anderson, ha sentitamente ringraziato il suo regista e il pubblico presente per il premio alla Miglior performance attoriale. Emozionato anche Max Belotti che ha accolto il premio Boccalino d’Oro in memoria al Francone, mitico personaggio della vecchia Locarno. Un premio per la produzione è andato anche a Nicolas Brevière e Charlotte Vincent per l’intenso ‘Annie Colère’ di Blandine Lenoir.

Il palmarès

  • Miglior film ‘Petites’ di Julie Lerat-Gersant

Con una sensibilità e una bravura eccezionale nella direzione delle sue giovani attrici, la regista Julie Lerat-Gersant riesce a creare un’opera piena di vitalità, forte e struggente su un soggetto delicato come quello della gravidanza in giovane età, tratteggiando con arguzia la complessità del microcosmo della struttura sociale che accoglie le ragazze-madri.

  • Miglior documentario ‘The Hamlet Syndrome’ diretto da Elwira Niewiera, Piotr Rosołowski

Questo premio è un premio artistico! Non è un premio per una nazione, ma per registi d’autore. Questo non è un premio per la guerra, ma per l’arte. Nel loro splendido documentario i registi ci mostrano, con una grande macchina da presa, ingegno e un approccio intimo e personale, che ogni conflitto è individuale, così come tutti noi abbiamo sempre la possibilità di decidere personalmente. Come diceva Sartre: solo in catene siamo liberi.

  • Miglior Produzione a Nicolas Brevière e Charlotte Vincent per ‘Annie Colère’ di Blandine Lenoir

Perché il cinema resta l’arma più forte per incidere sulla società, perché il vero cinema non nasconde i problemi, sa scovarli e metterli in vista per risolverli. E in questo film tutto canta la poesia del vivere, del poter vivere.

  • Miglior montaggio To Ana Vaz, Deborah Viegas per ‘É Noite na América’ di Ana Vaz

Il blu è il colore chiave di questo viaggio affascinante nel regno degli animali selvaggi che invadono di notte la città. Ipnotico e profondamente toccante, il film di Ana Vaz abbraccia il punto di vista degli animali esplorando la loro vita ‘notturna’ nella vastità di Brasilia. Fondendo una colonna sonora estremamente suggestiva con immagini realizzate usando vecchie pellicole in 16mm, la regista crea un universo inquietante e un’ode struggente alla fauna selvaggia la cui esistenza è seriamente minacciata dal fare degli uomini.

  • Miglior performance attoriale a Vaughan Murrae per ‘Before I Change My Mind’ di Trevor Anderson

L’essenza di essere attore è concentrata nel suo essere superbo interprete nelle magiche mani di un Maestro in un film che ti chiede "sei un ragazzo o una ragazza?". Riuscire a rispondere è vera magia

Il Boccalino d’Oro all’artista la cui presenza ha illuminato il Festival: Hito Steyerl dalla Germania, Installazione ‘SocialSim’, premio assegnatogli per lo spirito innovativo e una visione del cinema del futuro attraverso nuove tecniche immersive generatrici di attenzione in spazi anti-convenzionali.

Boccalino d’Oro Ricordando ‘Il Francone’ a Max Belotti: per la sua estrema e rara sensibilità, capace di creare e crescere amicizie in nome della qualità di stare insieme in una città come Locarno, dove tenere i fili della tradizione e quelli del crescere come comunità è sempre più difficile. Per un impegno personale che coinvolge generazioni sempre giovani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved