ULTIME NOTIZIE Culture
Società
7 ore

Pensi di leggere il giornale, ti trovi a far propaganda russa

Facebook blocca profili di una rete fra le più complesse mai individuata attivi soprattutto in Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Ucraina
cinema
7 ore

Ruggini per l’attore Alec Baldwin a rischio incriminazione

Possibili guai giudiziari per l’attore statunitense che sul set di ‘Rust’ esplose un colpo vero di pistola che uccise Halyna Hutchins
Spettacoli
8 ore

Riposo vocale per Anastacia, rinviato il concerto di Locarno

Imposizioni mediche impongono la riprogrammazione del live del 29 settembre al Fevi. I biglietti restano validi per la nuova data, di prossimo annuncio
Spettacoli
9 ore

Vita da pornostar: Rocco Siffredi diventa una serie tivù

Netflix annuncia ‘Supersex’, di cui sono iniziate le riprese a Roma: ‘È la storia di un uomo che ci mette 7 puntate e 350 minuti a dire ti amo’
Spettacoli
10 ore

I ‘Sogni’ dei Legnanesi a Locarno

Sabato 19 novembre al PalaExpo Fevi tornano Antonio Provasio, Enrico Dalceri, Lorenzo Cordare con uno spettacolo onirico
Culture
10 ore

‘Emergenza Terra’ a Mendrisio, al via con Marco Paolini

La minaccia climatica che incombe sul pianeta, aggravata dalla guerra in Ucraina, in un ciclo d’incontri che inizia mercoledì 28 settembre
Spettacoli
14 ore

Shakira va alla sbarra, chiesti otto anni e due mesi

La cantante colombiana rinviata a giudizio per frode ai danni del fisco iberico. Dovrà pagare anche una multa di oltre 23 milioni di euro.
Letteratura
16 ore

La continua ricerca di Siddhartha

L’opera di Hermann Hesse compie il secolo di vita e conta innumerevoli ripubblicazioni, merito del carattere universale della figura protagonista
Piazza Grande
laR
 
13.08.2022 - 13:55
Aggiornamento: 14:58

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato

di Ugo Brusaporco
il-dolore-per-il-bataclan-si-rinnova

"Salman Rushdie accoltellato a Chautauqua, New York, a un evento pubblico: è vivo. Lo scrittore e saggista indiano, naturalizzato britannico, è stato accoltellato prima di un suo intervento sul palco". La notizia come fulmine a ciel sereno mentre stiamo scrivendo di un film passato in Piazza Grande ieri sera, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ (Non avrete mai il mio odio), riferendosi al massacro islamico al Bataclan di Parigi il 13 novembre 2015. La coincidenza fa pensare: viviamo in un mondo fragile, segnato non da rotte migratorie, ma da precisi disegni criminali, il Bataclan come gli 11 settembre a New York e prima in Cile, non casuali; non si va ad accoltellare uno scrittore 75enne perché ha scritto nel 1988 ‘I versi satanici’, ma cosa possiamo rispondere noi, Occidente, se non tagliare tutte le disuguaglianze, togliendo a irriducibili criminali ogni possibilità di fare accoliti. Ma a chi interessa questo?

Ecco, un film come ‘Vous n’aurez pas ma haine’ non s’interessa a questo problema, neppure lo sfiora pur parlando del Bataclan e delle sue novanta vittime; il regista tedesco Kilian Riedhof riduce un attentato sanguinoso a un fatto privato, all’elaborazione del lutto di un uomo, un padre, che nell’attentato ha perso l’amata moglie. Al film non interessa approfondire l’evento storico che resta molto a lato di un romantico racconto d’amore funereo. Il protagonista è Antoine Leiris (qui interpretato in modo monocorde da Pierre Deladonchamps), la vicenda è quella di un vero giornalista che si era allontanato momentaneamente dal lavoro per finire un romanzo; succede che la sera dell’attentato saluti la moglie, Hélène Muyal-Leiris (nel film Camélia Jordana) che con un amico va a sentire un concerto al Bataclan; nella classica divisione dei compiti, lui tiene il bambino, tanto quella sera in tv c’era Francia-Germania. A una certa ora lui sente della confusione, accende la tv scopre che c’è stato un attentato al Bataclan; comincia per lui un calvario che inizia a chiudersi con la scoperta di lei morta. Ed ecco l’alcool ed ecco i litigi con i parenti per quella bara che non gli interessa ed ecco che scrive su facebook un lungo messaggio in cui dichiara che non concederà il suo odio a chi ha ucciso sua moglie: a milioni commentano il suo scritto e il giornale per cui lavora lo pubblica in prima pagina. Concede interviste a radio e tv. Ma questo non basta a pacificarlo, è solo l’amore per il figlio che lo porta ad affrontare la nuova realtà della sua vita.

Purtroppo, il film resta in superficie, la regia non convince come la recita, tutto resta sospeso in un inutile limbo, e il Bataclan poteva essere qualsiasi altra cosa, anche un incidente in auto. Nel tentativo di raccontare una storia universale, il regista affonda in un mare profondo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved