ULTIME NOTIZIE Culture
Nobel per la Letteratura 2022
5 ore

L’autobiografia universale di Annie Ernaux

Il riconoscimento è andato alla scrittrice francese ‘per coraggio e acutezza’ dei suoi libri: indagini cliniche su vita, memoria e scrittura
Musica
8 ore

L’Osi come non l’avete mai vista (anche a pranzo)

Al posto della palestra, ‘Lunch With Osi’, mercoledì 19 ottobre dalle 12.30 alle 13.30 al Lac; e poi, con ‘Back to school’, l’Orchestra entra nelle scuole
Scienze
9 ore

Discorsi d’odio, notizie false, metaversi al Möbius Lugano

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre si svolgerà la 26esima edizione dei Premi con una serie di conferenze e dibattiti. Novità: Grand Prix per l’Ai
Archeologia
9 ore

Archeologi egiziani: ‘Londra restituisca la Stele di Rosetta’

Una petizione su internet ha raccolto finora 2’500 firme e punta più che altro a ‘spiegare agli egiziani cosa è stato loro sottratto’
Spazio Elle
12 ore

Carovana091, frequenze sempre più libere

Musica improvvisata e sperimentale, da domenica 9 ottobre a Locarno
Culture
14 ore

Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura

L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Culture
15 ore

Massimo Daviddi presenta ‘Il volto di Pasolini’

Nuove poesie nel volume edito da La Vita Felice, che verrà presentato alla libreria Dal libraio di Mendrisio sabato 8 ottobre dalle 16.30
Distopie
16 ore

Mi chiamo Montag, brucio libri

Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
Spettacoli
17 ore

Decamerone/1 di Emanuele Santoro al Foce

Martedì 11 ottobre a Lugano il primo appuntamento di SOLOconBoccaccio; seguiranno, in novembre e dicembre, Decamerone/2 e Decamerone/3
Spettacoli
1 gior

Rivoluzione Scooby-Doo: Velma è ufficialmente gay

Lo rivela una clip del nuovo film ‘Trick or Treat Scooby-Doo!’
Culture
1 gior

Case protagoniste di Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo

Dal 7 al 9 ottobre seconda edizione del festival interamente dedicato alla produzione letteraria nelle quattro lingue nazionali
Scienze
1 gior

Endometriosi, da una ricerca bernese un test non invasivo

La patologia colpisce il 10-15% di donne in età fertile. Scoperte alcune cellule nelle donne afflitte da essa che dovrebbero servire da biomarcatore
laR
 
12.08.2022 - 16:58
Aggiornamento: 17:40

Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana

Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica

di Ivo Silvestro
il-deserto-di-adnane-baraka-tra-mistero-e-complessita-umana
‘Fragments from Heaven’

Aveva sorpreso, ‘Fragments From Heaven’ di Adnane Baraka, per la capacità del giovane regista marocchino di unire mondi lontani come quello dei pastori nomadi del deserto e degli scienziati che cercano tracce sull’origine della vita. Sulla carta il suo è un documentario sulla ricerca, da parte appunto dei nomadi del deserto, di meteoriti che permettano di scoprire dettagli sulla formazione del cosmo, ma con un interessante lavoro cinematografico Baraka trasforma il tutto in un’esperienza poetica e metafisica.

In competizione nella sezione Cineasti del presente, il film è stato selezionato per ‘Le vie dei pardi’ con una proiezione speciale, seguita da un incontro con il regista, sabato 20 agosto alle 17 nell’aula magna dell’Università della Svizzera italiana, nell’ambito dell’Usi Mem Summer Summit 2022. Alla proiezione parteciperà anche Baraka, che ci ha spiegato come è nato questo film «che possiamo considerare un documentario, un film di finzione o un’opera ibrida, perché alla fine credo che l’espressione cinematografica trascenda queste distinzioni». Quando questo progetto è iniziato, nel 2014, «l’idea era fare un documentario sulla ricerca di meteoriti dispersi nel deserto, abbinato a una testimonianza degli scienziati che analizzato questi oggetti celesti per vedere come due universi distinti e separati fossero accomunati dall’interesse verso lo stesso oggetto». Poi «in fase di scrittura e soprattutto durante le riprese mi sono lasciato andare a questi aspetti ‘organici’ della storia: il processo creativo ha preso il sopravvento e non mi sono più chiesto se questo film è un documentario, se è realtà o funzione». E alla fine, ha concluso il regista, «quello che più mi ha ispirato maggiormente è stato cercare un linguaggio cinematografico che mi permettesse di esplorare i temi del film e i personaggi».

‘Non siamo noi a vivere nel deserto, è il deserto che vive in noi’

Abbiamo accennato alle riprese: Baraka si è occupato di tutto, facendo da operatore e fonico. «Ero solo: avevo ovviamente delle guide che mi hanno aiutato ma più dal punto di vista logistico, come ‘équipe tecnica’ del film ero solo io». Che cosa ha significato? «È stata una scelta naturale: volevo esserci io dietro la cinepresa, per riuscire a catturare il momento prima di perderlo mentre spiego all’operatore cosa deve fare». A volte, ha proseguito Baraka, sono passate intere settimane senza filmare nulla, «ma la cinepresa deve essere sempre lì, pronta». Quanto sono durate le riprese? «Due anni a mezzo in tutto, su più periodi ovviamente perché è stato necessario tornare più volte: alla fine, e questo forse fa la differenza tra un documentario e un film di finzione, puoi cercare di provocare un evento o una situazione ma alla fine dipendi da quello che accade davanti a te».

Uno dei punti di forza del film è l’apparente paradosso di cercare tracce dell’origine della vita in un luogo arido e inospitale. «Sì, il deserto è sempre stato un luogo mistico, misterioso, metaforico: alla fine siamo andati in un deserto alla ricerca di meteoriti oppure alla ricerca di risposte che sono irraggiungibili?». E qui Baraka ci ricorda la frase di uno dei personaggi del film: "Non siamo noi a vivere nel deserto, è il deserto che vive in noi".

Nel film incontriamo pastori e scienziati, ma le domande sull’origine della vita sconfinano nella religione. Possiamo dire che la prospettiva scientifica e quella religiosa coincidono, nel film? «Non è un tema affrontato esplicitamente, ma credo che se nel film è possibile trovare una connessione tra scienza e religione, questa è nel fatto che nessuna delle due possiede una verità: la scienza perché è una ricerca continua, la religione perché secondo me lascia spazio al dubbio». E la politica? Uno dei contrasti del film è tra le difficili condizioni di vita dei pastori nomadi e il relativo benessere di chi, come gli scienziati, vive in città, un tema che ha un valore politico e sociale. «Sociale può essere, politico non saprei. Per me, quello che mi ha spinto a realizzare questo film è l’umano nella sua complessità, è l’umanità di fronte alla perdizione, al dubbio, al desiderio di cambiare vita».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved