ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
2 ore

‘Nostalgia’ di Mario Martone rappresenterà l’Italia agli Oscar

Scritto dallo stesso Martone con Ippolita di Majo, presentato a Cannes 2022, il film è ambientato nel rione Sanità a Napoli
Sconfinare Festival
2 ore

Capire il Metaverso con il professor Silvano Tagliagambe

La conferenza del filosofo della scienza si terrà venerdì 30 settembre alle 18, in Piazza del Sole a Bellinzona
Culture
2 ore

Dieci anni di Studio Foce, la nuova stagione artistica

Illustrata a Lugano la prima parte del cartellone 2022-2023. È affidata alla musica la festa del decennale: sabato 15 ottobre, Tre allegri ragazzi morti
Biografia
4 ore

Volevo una vita esagerata, cit. Axl Rose

In uscita le oltre trecento pagine aggiornate che raccontano la vita dei Guns n’ Roses e del loro frontman, dagli esordi fino al 2021
Classica
5 ore

Michele Mariotti e Marc Bouchkov aprono il ciclo Osi al Lac

Il direttore d’orchestra italiano e il violinista franco-belga si esibiranno su pagine di Brahms e Prokof’ev giovedì 29 settembre alle 20.30
Classica
5 ore

Skrjabin, Chopin e Beethoven suonati da Beatrice Rana

Il debutto alla 77esima edizione delle Settimane musicali della pianista salentina si svolgerà nella chiesa del Collegio Papio il 28 settembre, alle 19.30
Spettacoli
5 ore

Miss Behave al Murrayfield Pub di Chiasso

È il trio formato da Paola Caridi (batteria), Silvia Wakte (chitarra e voce), Camilla Missio (basso elettrico), venerdì 30 settembre dalle 22
Crisi energetica
6 ore

Misure di risparmio energetico alla Ssr

L’azienda al fine di garantire il mandato di servizio pubblico attuerà gli accorgimenti da subito per risparmiare il 13-15 per cento
Spettacoli
6 ore

I 50 anni? ‘Uno straordinario aggiornamento di software’

L’attrice Gwyneth Paltrow il 27 settembre spegnerà le candeline felice di essere così com’è e accettando tutti gli effetti che l’invecchiamento comporta
Conferenza
9 ore

Crisi energetica, progetti concreti e sostenibili per superarla

Il Comune di Morcote propone un dibattito pubblico con esperti del settore, venerdì 30 settembre, dalle 19.30, nella sala Maspoli
Teatro
9 ore

Connessioni fra poesia e musica con Piscazzi e Godard

‘Ferma l’ali’ è lo spettacolo inaugurale della stagione del San Materno di Ascona, domenica 2 ottobre alle 17
Spettacoli
10 ore

Robbie Williams torna a Zurigo dopo oltre cinque anni

Il tour dell’album che celebra i 25 anni di carriera toccherà anche la Svizzera
Musica
13 ore

Abul Mogard nella cattedrale del suono

Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
Culture
1 gior

Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura

Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Culture
1 gior

‘Il Sentiero della Gioia’ di Thomas Morelli, anteprima Ticino

Alla presenza del regista, il film sarà proiettato sabato primo ottobre a Locarno-Muralto, il giorno dopo a Lugano-Paradiso
laR
 
11.08.2022 - 10:57
Aggiornamento: 15:00

La normalità non binaria dell’adolescente Robin

A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione

di Ivo Silvestro
la-normalita-non-binaria-dell-adolescente-robin
© Locarno Film Festival
Da sinistra: Vaughan Murrae, il regista Trevor Anderson e Dominic Lippa

Un film con protagonista Vaughan Murrae, giovane interprete non binario – vale a dire che non si riconosce nello schema binario maschile-femminile – che interpreta un personaggio, l’adolescente Robin, del quale ignoriamo l’identità di genere, grazie anche a una sceneggiatura che evita il ricorso ai pronomi di genere per descrivere Robin. Bastano queste poche righe dalla presentazione di ‘Before I Change My Mind’ di Trevor Anderson, in competizione nei Cineasti del presente, per aspettarsi uno dei film più provocatori di questa 75ª edizione.

Poi le luci si spengono, il film inizia e quello che più colpisce è la sfavillante e colorata estetica degli anni Ottanta – ‘Before I Change My Mind’ è ambientato nel 1987 in Canada –, lontana dalla rassicurante nostalgia di certe serie tv. Tra capelli cotonati, videocassette e un’improbabile versione trash di Jesus Christ Superstar (che da sola vale la visione del film), ci ritroviamo immersi in un’intelligente rivisitazione di racconti di formazione e commedie ambientati in una scuola. Robin (l’eccezionale Vaughan Murrae) arriva in Canada insieme al padre: un trasferimento che, scopriamo nel corso del film, è in realtà una fuga da un evento traumatico che aiuta a intuire i motivi del comportamento di Robin, alle prese con le prevedibili difficoltà nell’inserirsi in un ambiente nuovo. Dopo i primi scontri, Robin si avvicina a Carter (il bravo Dominic Lippa) che, semplificando un po’ un personaggio complesso e interessante, è il bullo della scuola. Il legame tra i due è ambiguo ma intenso, finché l’arrivo di Izzy (Lacey Oake), non incrina il fragile equilibrio che si era creato.

‘Ho diretto la commedia che avrei voluto vedere’

Incontro il regista in una saletta della Sopracenerina; l’intervista si svolge in inglese, ma è inevitabile accennare ad altre lingue passando in rassegna varie soluzioni di linguaggio inclusivo. «È stata una sfida anche per noi e grazie al cielo non abbiamo dovuto scrivere la sceneggiatura in italiano!» ci ha spiegato con un sorriso. Perché se in inglese è stato relativamente semplice evitare di usare ‘he’ (lui) e ‘she’ (lei) – negli anni Ottanta il ‘singular they’ non era utilizzato per le persone non binarie –, in italiano hai anche il problema di aggettivi e verbi. «Nel film ci siamo presi il tempo di costruire frasi "naturali" che non contenessero ‘he’ o ‘she’, in modo che il pubblico non ci facesse subito caso» ha aggiunto. «E adesso che il film è finito, ci siamo chiesti come riferirci a Robin e a Vaughan Murrae: posso scrivere un copione senza pronomi, ma non ho la prontezza di farlo parlando col pubblico o con i giornalisti per cui abbiamo deciso di usare ‘they’ e ‘them’, perché ne stiamo parlando adesso, nel 2022».

Questa discussione terminologica ci porta, quasi inaspettatamente, a parlare degli anni Ottanta. «Ambientare il film nel 1987 ci ha permesso di raccontare la storia di un personaggio non binario prima che un termine così utile esistesse. Volevo catturare la sensazione di sapere che c’è qualcosa di differente in te senza avere le parole per dirlo perché nel 1987 "non binario" faceva pensare ai computer. Che è il motivo per cui il padre di Robin lavora nell’informatica, un piccolo ‘inside joke’ che ho messo nel film».

Negli anni Ottanta non c’erano le parole, ma forse era un’epoca più fluida e aperta di oggi? Prima di rispondere Anderson ci pensa un po’: «Non so rispondere: avevo solo 13 anni all’epoca! Ma so che le esperienze e le sensazioni esistono anche quando le parole per esprimerle non ci sono». E qui Anderson cita una delle prime scene del film: l’arrivo di Robin nella nuova scuola. «Ho voluto che la prima lezione fosse quella di ginnastica, dove le differenze di genere sono particolarmente esplicite con i ragazzi seduti da una parte e le ragazze dall’altra. Non conosciamo ancora la parola "non binario", ma visivamente vediamo Robin camminare e sedersi in mezzo alla palestra: anche senza parole, abbiamo il linguaggio visivo del cinema».

Quanto è stato importante che a interpretare Robin ci fosse una persona non binaria? «Sapevamo che il successo del film sarebbe dipeso interamente da chi avremmo trovato per interpretare Robin e siamo stati veramente fortunati a trovare Vaughan che non è solo una persona non binaria, e quindi in grado di portare la propria esperienza, ma è anche un grande interprete, anche se non credo si renda ancora conto della sua bravura». E se non ci fosse stata questa fortuna? «Avremmo potuto scegliere una persona transgender, ma sarebbe stato un film diverso, ci sarebbe stata un’energia diversa. Una persona cisgender no, perché non avrebbe saputo portare l’inesprimibile, l’ineffabile. E il cinema è tutto sull’ineffabile».

Abbiamo parlato soprattutto di Robin e Vaughan Murrae, ma nel film sono ben costruiti, e interpretati, anche gli altri personaggi. Più che un film su un personaggio non binario, ‘Before I Change My Mind’ è un film che quasi per caso ha un personaggio non binario. È corretto? «Esatto. Volevo fare un film ‘coming to age’ degli anni Ottanta ma con una differenza: un personaggio non binario nel ruolo principale. Diciamo che volevo fare il film ‘coming to age’ che negli anni Ottanta non ho avuto occasione di vedere».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved