ULTIME NOTIZIE Culture
Nobel per la Letteratura 2022
6 ore

L’autobiografia universale di Annie Ernaux

Il riconoscimento è andato alla scrittrice francese ‘per coraggio e acutezza’ dei suoi libri: indagini cliniche su vita, memoria e scrittura
Musica
9 ore

L’Osi come non l’avete mai vista (anche a pranzo)

Al posto della palestra, ‘Lunch With Osi’, mercoledì 19 ottobre dalle 12.30 alle 13.30 al Lac; e poi, con ‘Back to school’, l’Orchestra entra nelle scuole
Scienze
10 ore

Discorsi d’odio, notizie false, metaversi al Möbius Lugano

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre si svolgerà la 26esima edizione dei Premi con una serie di conferenze e dibattiti. Novità: Grand Prix per l’Ai
Archeologia
10 ore

Archeologi egiziani: ‘Londra restituisca la Stele di Rosetta’

Una petizione su internet ha raccolto finora 2’500 firme e punta più che altro a ‘spiegare agli egiziani cosa è stato loro sottratto’
Spazio Elle
13 ore

Carovana091, frequenze sempre più libere

Musica improvvisata e sperimentale, da domenica 9 ottobre a Locarno
Culture
15 ore

Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura

L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Culture
16 ore

Massimo Daviddi presenta ‘Il volto di Pasolini’

Nuove poesie nel volume edito da La Vita Felice, che verrà presentato alla libreria Dal libraio di Mendrisio sabato 8 ottobre dalle 16.30
Distopie
17 ore

Mi chiamo Montag, brucio libri

Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
Sostiene Morace
laR
 
11.08.2022 - 18:50

Ma col domenicale in pausa estiva, io con chi faccio polemica?

Mancano gli affondi sulla ‘kultura’ e lo sperpero di soldi pubblici del Festival. Ma restando al cinema, quant’è bello ‘Last Dance’

di Mariano Morace
ma-col-domenicale-in-pausa-estiva-io-con-chi-faccio-polemica
Keystone
‘Cheeese...’

Abbiamo accennato nel nostro ultimo contributo dell’importanza del pubblico pagante, soprattutto quello della piazza, perché è un chiaro segnale del sostegno e dell’interesse che il festival continua ad avere sul pubblico cosiddetto ‘normale’, su coloro che non seguono il festival per motivi professionali (noi giornalisti, registi e tecnici del cinema) che sono appunto disposti a spendere quasi il doppio di un costo normale di un biglietto in sala. Non dimentichiamo che queste entrate sono fondamentali per il bilancio del festival, che ha oramai si aggira attorno ai 15 milioni di franchi, per un terzo circa coperti da sussidi pubblici, per un altro terzo da sponsor privati, ma il resto da biglietti e abbonamenti!

Rimanendo in ambito politico, ieri sera c’è stato come da tradizione l’aperitivo offerto dal festival ai membri del Gran Consiglio, organo decisionale del nostro governo, coloro che sono chiamati ogni tre anni a dimostrare concretamente il loro sostegno alla manifestazione. E sempre parlando di politica, quasi mi dispiace che il noto settimanale domenicale sia in pausa estiva! A un ‘polemista’ come me mancano gli articoli feroci sulla ‘kultura’, sui radical chic che vengono in piazza solo per farsi vedere, sullo sperpero di soldi pubblici invece di utilizzarli per i noss vecc... Da sottolineare che il suddetto settimanale è organo di un partito di governo, anzi del partito di maggioranza, quel governo che sostiene, appoggia ed elogia l’importanza del Festival a livello cantonale e nazionale. Forse, oltre alla sospensione estiva c’è anche un altro motivo: il fatto che anche la Lega ha avuto una rappresentante nel consiglio direttivo; forse era solo una questione di poltrona…

Locarno in questi giorni gode ottima salute, sia per il festival che per turismo; bar e ristoranti scoppiano di salute, come è ‘normale’ i prezzi lievitano, nei bar incontri sempre qualche vecchio locarnese che brontola per la confusione e per il ‘brutto’ film presentato in piazza. Insomma, ‘Things don’t change’, per parafrasare il famoso film di David Mamet. Rimanendo ai film della Piazza, come dicevo, vero termometro del rapporto con il pubblico, le presenze rimangono costanti e le scelte di Giona Nazzaro sono apprezzate, anche se come è normale ci sono titoli più amati e altri meno. Significativo sarà il premio del pubblico: fino a ora ho personalmente molto apprezzato molto ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey per la delicatezza nell’affrontare il tema della vecchiaia e della solitudine, con un grande plauso a tutto il cast.

Ma forse gli ultimi giorni ci riserveranno belle sorprese, spesso i direttori di festival conservano il meglio per la fine, per aumentare la suspense!

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved