ULTIME NOTIZIE Culture
Nobel per la Letteratura 2022
7 ore

L’autobiografia universale di Annie Ernaux

Il riconoscimento è andato alla scrittrice francese ‘per coraggio e acutezza’ dei suoi libri: indagini cliniche su vita, memoria e scrittura
Musica
9 ore

L’Osi come non l’avete mai vista (anche a pranzo)

Al posto della palestra, ‘Lunch With Osi’, mercoledì 19 ottobre dalle 12.30 alle 13.30 al Lac; e poi, con ‘Back to school’, l’Orchestra entra nelle scuole
Scienze
10 ore

Discorsi d’odio, notizie false, metaversi al Möbius Lugano

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre si svolgerà la 26esima edizione dei Premi con una serie di conferenze e dibattiti. Novità: Grand Prix per l’Ai
Archeologia
10 ore

Archeologi egiziani: ‘Londra restituisca la Stele di Rosetta’

Una petizione su internet ha raccolto finora 2’500 firme e punta più che altro a ‘spiegare agli egiziani cosa è stato loro sottratto’
Spazio Elle
13 ore

Carovana091, frequenze sempre più libere

Musica improvvisata e sperimentale, da domenica 9 ottobre a Locarno
Culture
15 ore

Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura

L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Culture
16 ore

Massimo Daviddi presenta ‘Il volto di Pasolini’

Nuove poesie nel volume edito da La Vita Felice, che verrà presentato alla libreria Dal libraio di Mendrisio sabato 8 ottobre dalle 16.30
Distopie
17 ore

Mi chiamo Montag, brucio libri

Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
Spettacoli
18 ore

Decamerone/1 di Emanuele Santoro al Foce

Martedì 11 ottobre a Lugano il primo appuntamento di SOLOconBoccaccio; seguiranno, in novembre e dicembre, Decamerone/2 e Decamerone/3
09.08.2022 - 22:30

In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’

Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso

di Ugo Brusaporco
in-piazza-grande-la-fine-del-tempo-delle-mele
©Locarno Film Festival
Jean Paul Civeyrac e Sophie Marceau

‘Une femme de notre temps’ (del francese Jean Paul Civeyrac) è il film che questa sera ha portato in Piazza grande tanti fan del ‘Tempo delle mele’ e della sua protagonista di allora – di quarantadue anni fa – Sophie Marceau. Nel 1980 era una ragazzina alle prime armi, cui sorrideva la vita interpretando quella Vic, guidata da Claude Pinoteau, innamorata e felice e giovane, che tanti e tante ha fatto sognare.

Oggi, Marceau è una signora, dalla linea perfetta, sobria. Ed è così che l’abbiamo vista sul grandissimo schermo di Piazza Grande, lei nella parte di Juliane, commissario di polizia e scrittrice di fama a Parigi, che si trova a vivere l’autunno della sua vita scoprendo che la sua famiglia – che credeva perfetta – aveva il tarlo di un marito (Johan Heldenbergh) che amava la compagnia di altre donne, compresa la sorella di lei, che per quell’uomo si era suicidata.

Lei che aveva fatto della sua integrità morale il senso del vivere a casa e nel lavoro si ritrova, nel più disperante vuoto umano, a barcollare. Le mele sono diventate marce, nulla ha più senso. Decide di farla pagare all’uomo: carica in macchina arco e frecce (è una provetta arciera) e corre a infilzare lui e la sua amante, nascosti in una bella villa di campagna. Lungo la strada però il caso si diverte a complicare ancor di più la sua vita. Juliane incontra una giovane madre (Cristina Flutur) con la sua bambina, che le chiede aiuto per sfuggire alla violenza del marito che le minaccia di morte. Presa dai suoi problemi, la protagonista subito si nega; poi però il senso del dovere la spinge ad aiutarle. Le accompagna in un hotel lontano da dove le aveva trovate, paga per loro l’albergo e dà del denaro alla donna. Poi riparte. Ma si accorge che il marito della donna le ha seguite, raggiungendole all’hotel dove seguita a minacciarle.

Juliane torna quindi all’albergo e in un drammatico confronto spara all’uomo, ammazzandolo; con sorpresa scopre che la donna che prima fuggiva da quell’uomo violento ora piange la sua morte e vuole vendicarlo, ammazzandola. La giovane madre, armata della pistola della commissaria, fugge con la figlia. A Juliane, ferita, non resta che aspettare la polizia.

Finalmente ripartita verso la casa che ripara suo marito con l’amante, di notte si improvvisa Guglielmo Tell, pur non avendone la mira. Ferisce i due e se ne va. Raggiunta dalla polizia si consegna tranquillamente. Ora ha un’altra vita da provare a vivere.

Il regista fa autocritica

Civeyrac insegna presso la principale scuola di cinema francese, la Fémis, e ha fama di regista straordinariamente intransigente, i cui film spesso rifiutano di distinguere tra fantasia e realtà diegetica. Qui però i giochi si complicano, non sembra funzionare l’alchimia tra lui e la sua protagonista e sembra che talvolta perda di mano il film soprattutto nel rapporto anche con gli altri protagonisti che avanzano a ritmo sparso. In conferenza stampa, il regista ha detto che molto dipende dal fatto che non aveva tempo, che i 96 minuti della durata del film non erano abbastanza, e anche lui è stato critico verso il suo film da buon intransigente. Civeyrac ha ancora aggiunto che una scena del suo film è stata rubata proprio a un’opera di Douglas Sirk, cui è dedicata la retrospettiva qui a Locarno. L’insegnante di Cinema!

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved