ULTIME NOTIZIE Culture
Nobel per la Letteratura 2022
6 ore

L’autobiografia universale di Annie Ernaux

Il riconoscimento è andato alla scrittrice francese ‘per coraggio e acutezza’ dei suoi libri: indagini cliniche su vita, memoria e scrittura
Musica
9 ore

L’Osi come non l’avete mai vista (anche a pranzo)

Al posto della palestra, ‘Lunch With Osi’, mercoledì 19 ottobre dalle 12.30 alle 13.30 al Lac; e poi, con ‘Back to school’, l’Orchestra entra nelle scuole
Scienze
10 ore

Discorsi d’odio, notizie false, metaversi al Möbius Lugano

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre si svolgerà la 26esima edizione dei Premi con una serie di conferenze e dibattiti. Novità: Grand Prix per l’Ai
Archeologia
10 ore

Archeologi egiziani: ‘Londra restituisca la Stele di Rosetta’

Una petizione su internet ha raccolto finora 2’500 firme e punta più che altro a ‘spiegare agli egiziani cosa è stato loro sottratto’
Spazio Elle
13 ore

Carovana091, frequenze sempre più libere

Musica improvvisata e sperimentale, da domenica 9 ottobre a Locarno
Culture
15 ore

Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura

L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Culture
16 ore

Massimo Daviddi presenta ‘Il volto di Pasolini’

Nuove poesie nel volume edito da La Vita Felice, che verrà presentato alla libreria Dal libraio di Mendrisio sabato 8 ottobre dalle 16.30
Distopie
17 ore

Mi chiamo Montag, brucio libri

Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
Sostiene Morace
laR
 
09.08.2022 - 15:40

Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film

I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna

di Mariano Morace
per-fortuna-c-e-ancora-chi-spende-soldi-per-guardare-i-film
Keystone
Lo spettatore anfibio (cit. Lorenzo Buccella)

Siamo al famoso e famigerato ‘giro di boa’ e possiamo tentare un primo bilancio dei 17 film nel concorso. Ne abbiamo visti circa la metà e lo stesso per quanto riguarda la piazza. Non ci sono ancora dei dati ufficiali sul numero di spettatori, ma pensando alla quasi totale sospensione dell’edizione 2020 e il dimezzamento di posti disponibili per l’edizione 2021, il fatto che secondo l’ufficio stampa stiamo eguagliando le cifre del 2019, e questo è sicuramente un successo confortante, vuol dire che il Festival continua a essere amato dal suo pubblico, vuol dire che ci sono ancora migliaia di persone disposte a spendere 20/30 franchi per vedere un film di cui magari non sanno nulla!

Ma torniamo al mezzo bilancio, un conto sono le cifre e un altro la qualità, e cominciamo dal concorso, che devo dire fino a ora non mi ha entusiasmato: della decina di titoli visti ne salvo due o tre, mettendo al primo posto un piccolo film, senza pretese, ma ricco di emozioni e di voglia di comunicarle, parliamo di ‘Gigi la legge’, di Alessandro Comodin (Italia), che mi ha colpito per la capacità di raccontare una storia comune, la bellezza delle immagini e la bravura del suo interprete, un attore non professionista. Voglio citare anche ‘Tengo Suenos eléctricos’, di Valentina Maurel (Belgio, Francia e Costarica), anche questo per la capacità di raccontarci rapporti complessi di una famiglia disgregate, e soprattutto tra padre e figlia, un ragazza sedicenne che deve affrontare oltre alla crisi familiare anche la scoperta della sessualità, e anche in questo caso sottolineiamo la bravura degli interpreti. Lascio per ultimo ‘Skazka’, di Alexander Sokurov, sicuramente uno dei grandi registi del nostro tempo, che mi ha colpito molto per l’originale idea (animare immagini famose di quattro protagonisti della storia del ‘900 e farli dialogare fra loro) e le scelte tecnologiche, ma mi hanno lasciato perplesso alcune superficialità. Gli altri titoli mi hanno lasciato indifferente o infastidito, ma il mio è un giudizio soggettivo, poi ognuno ha il diritto e il piacere di fare la propria classifica.

Chiudiamo con la piazza, che secondo me ha presentato una selezione variata e interessante. Non è mancata la grande produzione americana, ma non sono manche anche proposte meno facili ma molto stimolanti. Personalmente ho apprezzato – a parte il divertente ed esagerato ‘Bullet Train’ – ‘Last Dance’ di Delphine lehericey e ‘My Neighbor Adolf’.

Ma come detto siamo solo a metà, speriamo che le sorprese non manchino e rinviamo un vero giudizio a fine settimana.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved