ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
1 ora

L’Osi come non l’avete mai vista (anche a pranzo)

Al posto della palestra, ‘Lunch With Osi’, mercoledì 19 ottobre dalle 12.30 alle 13.30 al Lac; e poi, con ‘Back to school’, l’Orchestra entra nelle scuole
Scienze
1 ora

Discorsi d’odio, notizie false, metaversi al Möbius Lugano

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre si svolgerà la 26esima edizione dei Premi con una serie di conferenze e dibattiti. Novità: Grand Prix per l’Ai
Archeologia
2 ore

Archeologi egiziani: ‘Londra restituisca la Stele di Rosetta’

Una petizione su internet ha raccolto finora 2’500 firme e punta più che altro a ‘spiegare agli egiziani cosa è stato loro sottratto’
Spazio Elle
4 ore

Carovana091, frequenze sempre più libere

Musica improvvisata e sperimentale, da domenica 9 ottobre a Locarno
Culture
7 ore

Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura

L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Culture
8 ore

Massimo Daviddi presenta ‘Il volto di Pasolini’

Nuove poesie nel volume edito da La Vita Felice, che verrà presentato alla libreria Dal libraio di Mendrisio sabato 8 ottobre dalle 16.30
Distopie
8 ore

Mi chiamo Montag, brucio libri

Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
Spettacoli
9 ore

Decamerone/1 di Emanuele Santoro al Foce

Martedì 11 ottobre a Lugano il primo appuntamento di SOLOconBoccaccio; seguiranno, in novembre e dicembre, Decamerone/2 e Decamerone/3
Spettacoli
20 ore

Rivoluzione Scooby-Doo: Velma è ufficialmente gay

Lo rivela una clip del nuovo film ‘Trick or Treat Scooby-Doo!’
Culture
22 ore

Case protagoniste di Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo

Dal 7 al 9 ottobre seconda edizione del festival interamente dedicato alla produzione letteraria nelle quattro lingue nazionali
Scienze
1 gior

Endometriosi, da una ricerca bernese un test non invasivo

La patologia colpisce il 10-15% di donne in età fertile. Scoperte alcune cellule nelle donne afflitte da essa che dovrebbero servire da biomarcatore
Scienze
1 gior

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
1 gior

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
1 gior

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
09.08.2022 - 13:21
Aggiornamento: 14:06

Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione

Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach

di Ivo Silvestro
una-conferenza-di-24-ore-per-parlare-di-attenzione
‘24h long talk’

Dalle 12 di mercoledì 10 agosto alle 12 del giorno successivo: 24 ore durante le quali 24 relatori discuteranno, all’Istituto Sant’Eugenio e in diretta streaming su Twitch (twitch.tv/basecamplocarno), del futuro dell’attenzione. Sembra una provocazione ma Rafael Dernbach – ricercatore all’Università della Svizzera italiana e organizzatore di questa iniziativa che rientra tra le attività della cattedra congiunta Usi e Festival – ci ha spiegato i motivi di questo curioso appuntamento che «vuole rendere le persone maggiormente consapevoli delle logiche dell’attenzione». Il fatto che verosimilmente nessuno seguirà integralmente l’incontro «riflette la nostra esperienza nell’economia dell’attenzione: ci sono sempre più cose da fare, da guardare, da sperimentare». Anche la durata di 24 non è casuale: «In 24 ore il nostro corpo ha di solito completato un ritmo circadiano, un ciclo completo di sonno, con tutti i diversi stati di attenzione, sonno e tutto ciò che sta in mezzo». Su questo punto Dernbach cita come ispirazione un saggio del critico Jonathan Crary intitolato ‘24/7. Il capitalismo all’assalto del sonno’.

In pratica come sarà strutturato questo ‘24h long talk’? «Ogni ora un nuovo oratore si unisce alla conversazione, prende il comando per un’ora e rimane per tutto il tempo che desidera» ci spiega Dernbach. E questo per introdurre un po’ di sorpresa, favorendo incontri inaspettati che contrastino con i contenuti fortemente strutturati ai quali siamo abituati. Per quanto riguarda gli oratori, «abbiamo invitato artisti, registi, accademici e professionisti dell’attenzione: crediamo che il cambiamento nell’attenzione che viviamo necessiti di una discussione ampia e aperta».

Tra i relatori inviatati abbiamo Kevin B. Lee, titolare della cattedra sul futuro del cinema all’Usi, la vincitrice del Vision Award Laurie Anderson, la cineasta Hito Steyerl e poi ancora esperti sull’attenzione come Carolin Duttlinger, docente all’Università di Oxford e autrice di ‘Attention and Distraction in Modern German Literature’, e Aris Komporozos-Athanasiou, professore all’University College di Londra. Ci saranno anche una serie di interventi sperimentali di collettivi in streaming, tra cui il collettivo ucraino con sede a Cracovia. A moderare l’incontro ci saranno Devika Girish, Khesrau Behroz e Milosz Paul Rosinski.

L’economia della distrazione e il ruolo del cinema

Dernbach parla di "cambiamento nell’attenzione" e il termine non è casuale: quello che sta accadendo è un fenomeno più complesso di una semplice riduzione dell’attenzione. «Certamente molte piattaforme digitali sono ottimizzate per la massima distrazione» precisa Dernbach. Si tratta, prosegue, «di una realtà che tutti conosciamo molto bene, ma stanno anche emergendo nuove forme che invece puntano sull’attenzione: l’Asmr (Autonomous sensory meridian response, una tecnica di rilassamento utilizzata per favorire la concentrazione, ndr) ne è un buon esempio come lo sono i live stream di Twitch che incoraggiano un’attenzione profonda».

Nella presentazione dell’incontro si citano, come conseguenze della mancanza di attenzione, le fake news, il negazionismo del cambiamento climatico, l’erosione della fiducia del pubblico. «La questione dell’attenzione è un tema profondamente politico» precisa Dernbach aggiungendo un nuovo esempio all’elenco: l’invasione russa dell’Ucraina che «ha mostrato chiaramente come anche sui social media sia in corso una battaglia per l’attenzione». Ma il tema solleva anche altre domande, iniziando da quelle sulla responsabilità: «Chi è responsabile dello stato di attenzione in cui viviamo? Siamo tutti individualmente responsabili dell’attenzione che dedichiamo? Oppure c’è anche una responsabilità condivisa, ad esempio quando utilizziamo una piattaforma che altri usano per molestie, distrazione o fake news?». Uno degli scopi della conversazione di 24 ore è esaminare le alternative alle piattaforme attuali e allo status quo.

E il cinema? «Credo fermamente che il cinema abbia il potenziale per coltivare un tipo speciale di attenzione. Può essere il luogo delle emozioni profonde e della comprensione profonda. E c’è qualcosa di potente nel guardare un film insieme a persone sconosciute. Sei in Piazza Grande a Locarno e vivi un’esperienza insieme ad altre ottomila persone. Senti l’atmosfera e le reazioni degli altri e per un’ora o due ti lasci tutto alle spalle».

Se tutti andassero al cinema, il mondo sarebbe un posto migliore? «Non sono sicuro che il cinema possa creare mondi migliori, ma a volte può aiutarci a esprimere delle idee prima che abbiamo le parole per farlo».

Il programma:

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved