ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
8 min

L’Osi come non l’avete mai vista (anche a pranzo)

Al posto della palestra, ‘Lunch With Osi’, mercoledì 19 ottobre dalle 12.30 alle 13.30 al Lac; e poi, con ‘Back to school’, l’Orchestra entra nelle scuole
Scienze
32 min

Discorsi d’odio, notizie false, metaversi al Möbius Lugano

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre si svolgerà la 26esima edizione dei Premi con una serie di conferenze e dibattiti. Novità: Grand Prix per l’Ai
Archeologia
59 min

Archeologi egiziani: ‘Londra restituisca la Stele di Rosetta’

Una petizione su internet ha raccolto finora 2’500 firme e punta più che altro a ‘spiegare agli egiziani cosa è stato loro sottratto’
Spazio Elle
3 ore

Carovana091, frequenze sempre più libere

Musica improvvisata e sperimentale, da domenica 9 ottobre a Locarno
Culture
5 ore

Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura

L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Culture
6 ore

Massimo Daviddi presenta ‘Il volto di Pasolini’

Nuove poesie nel volume edito da La Vita Felice, che verrà presentato alla libreria Dal libraio di Mendrisio sabato 8 ottobre dalle 16.30
Distopie
7 ore

Mi chiamo Montag, brucio libri

Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
Spettacoli
8 ore

Decamerone/1 di Emanuele Santoro al Foce

Martedì 11 ottobre a Lugano il primo appuntamento di SOLOconBoccaccio; seguiranno, in novembre e dicembre, Decamerone/2 e Decamerone/3
Spettacoli
19 ore

Rivoluzione Scooby-Doo: Velma è ufficialmente gay

Lo rivela una clip del nuovo film ‘Trick or Treat Scooby-Doo!’
Culture
21 ore

Case protagoniste di Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo

Dal 7 al 9 ottobre seconda edizione del festival interamente dedicato alla produzione letteraria nelle quattro lingue nazionali
Scienze
1 gior

Endometriosi, da una ricerca bernese un test non invasivo

La patologia colpisce il 10-15% di donne in età fertile. Scoperte alcune cellule nelle donne afflitte da essa che dovrebbero servire da biomarcatore
Scienze
1 gior

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
1 gior

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
1 gior

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
1 gior

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
2 gior

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
2 gior

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
08.08.2022 - 15:59

Universi paralleli a fianco della Piazza

Horror, fantascienza, erotismo: la realtà virtuale trova spazio anche al Locarno Film Festival e regala emozioni estreme

di Mattia Lento
universi-paralleli-a-fianco-della-piazza
Da ‘I Saw the Future’, di François Vautier

Non passa certo inosservata la vecchia cabina di proiezione dei film di Piazza Grande situata in Largo Zorzi, a due passi dalla Piazza Grande. È qui che il pubblico del Locarno Film Festival ha la possibilità di essere catapultato in mondi paralleli che spaziano dall’horror, alla fantascienza, passando anche per il cinema erotico d’autore. Il cinema VR trova spazio soprattutto in festival dedicati o in sezioni particolari dei maggiori festival tradizionali. Uno di questi è il Geneva International Film Festival che co-organizza il miniprogramma VR, composto da sei opere, presente quest’anno a Locarno.

Sempre più accessibile

Ad accompagnarci all’interno della cabina prima della proiezione, limitata a otto spettatori, c’è Simone Guida, impegnato come maschera al festival e grande appassionato di tecnologia VR. Approfittando delle sue competenze, cerchiamo di saperne di più su questo tipo di cinema e sul suo pubblico: «Si tratta di una forma espressiva ancora di nicchia, ma il suo pubblico sta aumentando. La tecnologia è diventata negli anni sempre più accessibile. Oggi con 200-300 franchi è già possibile acquistare prodotti dignitosi che permettono di vivere esperienze VR emozionanti anche in ambito domestico». Siamo in attesa dell’inizio della sessione serale, vietata ai minori di 18 anni, e apprendiamo che andremo a vedere un’opera dal forte contenuto erotico. Simone Guida ci spiega: «L’erotismo VR ha un buon successo e ha permesso in questi anni di sviluppare ulteriormente questa tecnologia».

L’opera in questione è ‘The Mist’ che ci porta nell’universo di una sauna destinata a soli uomini. Siamo letteralmente immersi in un ambiente buio e offuscato dai vapori della sauna, esplorabile a 360° grazie a delle sedie girevoli, abitato da uomini intenti a fare sesso di gruppo. Si tratta di un’esperienza forte, estrema, tuttavia il suo autore Chou Tung-yen riesce a far vivere allo spettatore atmosfere sospese tra sogno e realtà, prive delle volgarità e degli stereotipi della pornografia più triviale. La seconda opera, di Mali Arune, s’intitola ‘Mutatis’ e ci porta invece all’interno di una scena del crimine molto suggestiva, situata in un giardino botanico. Durante tutto il film abbiamo la sensazione di un pericolo incombente, ma la sorpresa finale ci fa capire di non essere nei territori dell’horror. Con ‘Saturnism’ invece, ultimo film della sezione serale, ci troviamo a pieno titolo nel genere horror. L’opera di Mihai Grecu ci catapulta a poca distanza dall’abominio del Saturno goyesco che divora i propri figli per contrastare la profezia che lo vede detronizzato proprio da uno di loro. Con ‘Saturnism’ siamo immersi in uno dei dipinti più sconvolgenti della storia dell’arte occidentale, dipinto da Goya sulle pareti della sua casa poco fuori Madrid e oggi conservato al Museo del Prado della capitale spagnola.

Scenari dal futuro

Durante il giorno è possibile vedere tre titoli tratti dalla filmografia di François Vautier, autore francese presente già in numerosi festival internazionali con le sue opere visionarie. ‘I Saw the Future’, ‘Odyssey 1.4.9’ e ‘Recoding Entropia’ ci fanno entrare in tre universi che hanno a che fare con la tecnologia, la fantascienza e la materia. Nel primo assistiamo alla visualizzazione del discorso profetico di Arthur C. Clarke, autore del romanzo ‘2001: A Space Odyssey’, sul futuro tecnologico che già stiamo vivendo. Il testo di Arthur C. Clarke, le cui immagini sono riprese nell’opera, prende vita grazie alla tecnologia VR e diventa ancora più suggestivo, grondante di ottimismo nei confronti del futuro e del progresso umano. Il secondo titolo è un omaggio a chi ha adattato il romanzo di Clarke per il cinema, Stanley Kubrick ovviamente. In questo lavoro le immagini più celebri di ‘2001: A Space Odyssey’ si trasformano in un mosaico digitale assai suggestivo. Il terzo titolo ha le sembianze di un viaggio, libero e visionario allo stesso tempo, all’interno dei tumulti della materia. Non è difficile prevedere che la tecnologia VR diventerà presto un medium estremamente popolare e non più confinato a nicchie di appassionati.

Questo il programma, tra diurno e notturno:

Day program (22 minuti)

‘I Saw the Future’

François Vautier
France | 2017 | 6 min
Experimental, Animation, VR | ov en/fr

‘Odyssey 1.4.9’

François Vautier
France | 2019 | 8 min
Docu-fiction, VR | No dialogue

‘Recoding Entropia’

François Vautier
France | 2021 | 8 min
Fiction, VR | No dialogue

Night program (34 minuti, per adulti)

‘In the Mist’

Chou Tung-yen
Taiwan | 2020 | 15 min
Experimental, VR, Erotic | No dialogue

‘Mutatis’

Mali Arun
France | 2020 | 12 min
Thriller, VR | No dialogue

‘Saturnism’

Mihai Grecu
France | 2020 | 4 min
Fiction, VR | No dialogue

Domani, martedì 9 agosto alle 17.30, nel BaseCamp Pop-Up all’Istituto Sant’Eugenio di Locarno, incontro con il regista Francçois Vautier e Kevin B. Lee, Locarno Film Festival Professor for the Future of Cinema and Audiovisual Arts all’Università della Svizzera italiana (Usi)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved