ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
9 ore

FIT Festival, la seconda settimana

Si parte martedì 4 ottobre al Teatro Foce con ‘From Syria: is this a child?’, si chiude domenica 9 ottobre con ‘Bears’
Spettacoli
10 ore

Altre accuse di plagio per Ed Sheeran

‘Thinking Out Loud’ troppo simile a ‘Let’s Get It On’ di Marvin Gaye
Cinema
10 ore

10 Film Festival al PalaCinema, tocca al Kurzfilmtage Winterthur

Serata dedicata ai corti ticinesi quella del 6 ottobre alle 20.30, ospite, da Winterthur, il direttore artistico John Canciani
Culture
11 ore

Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury

Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Spettacoli
12 ore

Phil Collins vende il catalogo da solista e con i Genesis

L’intesa con l’americana Concord vale 300 milioni. Sono esclusi gli album con Peter Gabriel
Ticino7
19 ore

‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli

Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
1 gior

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
1 gior

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
1 gior

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
1 gior

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
07.08.2022 - 21:08
Aggiornamento: 21:27

Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare

Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’

di Ivo Silvestro
cineasti-del-presente-voglia-di-raccontare-e-sperimentare
‘Petites’, di Julie Lerat-Gersant

Come vanno le cose tra i Cineasti del presente? Se il Concorso internazionale e la Piazza scorrono senza particolari sussulti, nella sezione dedicata ai talenti emergenti abbiamo trovato alcuni lavori interessanti, ricordandoci che registe e registi al loro primo (o secondo) lungometraggio forse mancano di esperienza ma non di idee e di voglia di raccontare.

Dell’ucraino ‘How Is Katia?’ abbiamo già accennato sull’edizione di sabato: il film di Christina Tynkevych colpisce con una storia dura e una non banale riflessione sulla giustizia. Quando un’auto investe la piccola Katia mentre attraversa la strada sulle strisce, la madre Anna potrebbe riconoscere, in cambio di un ricco e utile risarcimento dalla potente famiglia dell’investitrice, che si sia trattato di una fatalità e che nessuno ha colpa. Ma Anna – una brava Anastasia Karpenko – non cede neppure quando il resto della famiglia le volta le spalle e l’unica possibilità per ottenere una qualche forma di giustizia sembra essere una facile vendetta. Christina Tynkevych fa un buon lavoro di regia, con primi e primissimi piani quasi claustrofobici e un uso sapiente della camera a mano. La regista ha saputo dare sostanza a una denuncia sociale che – ad esempio in momenti come il confronto tra Anna e la madre dell’investitrice – sa scavare in profondità mettendo allo scoperto responsabilità individuali e collettive: il problema non sono le forze dell’ordine incapaci, i tribunali corrotti, l’avidità delle banche che non esitano a togliere la casa a chi rimane paga in ritardo le rate del mutuo; il problema è una società incapace di pensare al futuro e di credere in qualcosa che non sia il proprio tornaconto.

Interessante, anche se incompleto, ‘Petrol’ dell’australiana Alena Lodkina: si racconta della relazione tra due ragazze, la timida studentessa di cinema Eva e la carismatica artista Mia. L’intento è forse raccontare il disorientamento di una generazione, ma la narrazione risulta confusa e nonostante alcuni momenti divertenti rimane un esercizio fine a se stesso. Discorso simile per ‘Love Dog’ di Bianca Lucas, una coproduzione tra Polonia, Messico e Usa che prova a indagare la solitudine umana partendo da John e dal suo tentativo – tra lunghe e bizzarre sessioni di chat online e tristemente surreali incontri di persone – di elaborare il lutto per l’improvvisa morte della fidanzata Ambientazione interessante – siamo nel Mississippi rurale e postpandemico –, personaggi a tratti intriganti ma il gioco di rimandi tra la solitudine del protagonista e quella della società regge fino a un certo punto, con il coinvolgimento del cane che dà da titolo al film. Si sente la mancanza di una sceneggiatura solida.

Nel fine settimana è arrivato anche ‘Petites’, esordio cinematografico di Julie Lerat-Gersant, regista che però ha una solida esperienza teatrale e si vede, soprattutto per come coordina il cast di giovani attrici dalla parlata adolescenzialmente veloce. Protagonista del film è Camille (l’eccezionale Pili Groyne), una sedicenne incinta che un tribunale decide, dopo un tentativo di aborto, di allontanare dalla madre – che a sua volta ha i suoi problemi – per portare avanti la gravidanza in una casa famiglia. Qui conosce Alison, un’altra ragazza madre, e si confronta con l’educatrice Nadine: scontato che alla fine arrivi a conoscere meglio se stessa, ma Lerat-Gersant si impegna a non fare il solito film sull’aborto o sulle ragazze madri e certamente ci riesce, per quanto ‘Petites’ ceda leggermente al facile moralismo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved