dieci-festival-al-palacinema-una-finestra-sulla-svizzera
Ti-Press
Ora, per il Palacinema inizia la fase della promozione culturale
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
3 ore

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
4 ore

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
5 ore

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
6 ore

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
6 ore

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
6 ore

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
Spettacoli
6 ore

Cinquant’anni dopo, l’Academy chiede scusa a ‘Piccola piuma’

Sacheen Littlefeather ritirò l’Oscar al posto di Marlon Brando. Fece un discorso in difesa dei Nativi americani e fu fischiata
La recensione
6 ore

Lucerne Festival, ‘in quell’aura sanza tempo tinta’

Luzerner Saal al completo per le ‘prime’ assolute (e assai lunghe) di Liza Lim e Tyshawn Sorey
Scienze
6 ore

Una start-up biotech per far rinascere la tigre della Tasmania

Colossal Bioscience intende ricreare geneticamente il tilacino, estinto dal 1930, per riequilibrare l’ecosistema australiano
L'intervista
8 ore

Locarno75 e il futuro, also sprach Rapahël Brunschwig

La governance futura non è di competenza del managing director’, che sul nuovo presidente rimanda al Cda. E sui numeri del 75esimo...
06.08.2022 - 17:53
Aggiornamento: 07.08.2022 - 18:20

Dieci festival al Palacinema: una finestra sulla Svizzera

Presentata oggi l’iniziativa che propone da settembre ’22 a giugno ’23 una rassegna di film realizzata con le direzioni artistiche di vari festival

«Questo non è solo un palazzo. Il Palacinema è una realtà viva, che vive di cinema e interconnessioni». Così Roberto Pomari, direttore dell’istituzione, ha definito quest’oggi in conferenza stampa la casa, fortemente voluta, della settima arte a Locarno in occasione della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa 10 Festival al PalaCinema. La rassegna, coinvolgendo dieci direzioni artistiche, intende aprire una finestra sui festival cinematografici svizzeri e ridare voglia al pubblico di tornare nelle sale. «Ora inizia per il Palacinema la fase della promozione culturale e l’iniziativa che siamo qui a presentare oggi si inserisce in questo contesto. Ne è il punto di partenza».

La presentazione alla stampa, lo scriviamo subito rendendo il discorso di ciascuno corale, è stata permeata dall’entusiasmo di tutte le entità coinvolte, che si sono espresse con interventi che hanno mescolato tre delle quattro lingue nazionali. L’idea l’ha lanciata Nadia Dresti, membro del consiglio di amministrazione della Palacinema Sa, e prenderà vita da settembre 2022 fino a giugno 2023: «Omaggiando i festival celebriamo il cinema e chi lo fa. Si tratta di un unicum. Poi chissà, magari qualcuno prenderà in mano il testimone…». «La Svizzera è il treffpunkt della discussione sul cinema» e questa iniziativa – «assolutamente pregevole» – è «una gran prova di amicizia» e «un ponte fra le regioni, dandoci la possibilità di conoscerci reciprocamente». Soprattutto l’intento di ideatori, ospiti e partecipanti è quello di «ridare voglia al pubblico di tornare nelle sale cinema» che, a dispetto dei festival, sono sofferenti.

Scrivevamo, da settembre 2022 a giugno 2023, a cadenza mensile, la casa del Cinema e dell’Audiovisivo apre le sue porte ai festival cinematografici svizzeri, invitando a Locarno dieci direttrici e direttori a presentare un’opera della storia della loro manifestazione e a discutere con il pubblico della Svizzera italiana. Quindi, ad aprire la serie di eventi, il 15 settembre, sarà il Locarno Film Festival, padrone di casa, con una serata completamente dedicata al pubblico locale, poche settimane dopo la fine della sua 75esima edizione. E in onore dell’importante anniversario della kermesse locarnese si torna alla primissima edizione, quella del 1946, con la proiezione di ‘Roma città aperta’ di Roberto Rossellini, introdotta da Giona A. Nazzaro.

Dopo settembre, da ottobre il Palacinema ospiterà quindi le direttrici e i direttori di altri nove grandi festival svizzeri di fama internazionale: Kurzfilmtage Winterthur (John Canciani) Zurich Film Festival (Christian Jungen), Castellinaria – Festival del cinema giovane (Giancarlo Zappoli), Fantoche International Animation Film Festival (Ivana Kvesić), Festival International de Films de Fribourg (Thierry Jobin), Giornate di Soletta (Niccolò Castelli), Neuchâtel International Fantastic Film Festival (Pierre-Yves Walder), Geneva International Film Festival (Anaïs Emery), Visions du Réel (Emilie Bujès).

Dalle varie declinazioni del fantastico a quelle del cinema documentario, dai film d’animazione a quelli destinati al pubblico più giovane, passando uno sguardo d’insieme sul cinema, è un viaggio all’insegna della cinefilia e della diversità dell’offerta cinematografica dei festival, spesso al di fuori del circuito tradizionale.

Il progetto è reso possibile con la collaborazione di Rsi - Radiotelevisione svizzera, l’organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli (Otlmv) e Enjoy Arena. La serata dedicata al Kurzfilmtage Winterthur è in collaborazione con la Ticino Film Commission.

L’entrata alle proiezioni, precedute da una conversazione con le direttrici e i direttori dei festival, saranno proposte a un prezzo ridotto di 10 franchi. L’abbonamento generale, che permette di accedere a tutte le proiezioni, è disponibile a 70 franchi. I film saranno mostrati in italiano o con sottotitoli in italiano.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cisa film festival locarno75 palacinema
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved