daisy-edgar-jones-c-e-un-po-di-kya-in-ognuno-di-noi
Keystone
Daisy Edgar-Jones, Leopard Club Award a Locarno75
+2
ULTIME NOTIZIE Culture
Castellinaria
2 ore

Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione

Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
8 ore

Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico

Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
10 ore

A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps

In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
10 ore

‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’

Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
20 ore

Man! I Feel Like Shania Twain

Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
Scienze
21 ore

In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua

Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza
Locarno 75
23 ore

‘Where the Crawdads Sing’ e ‘Piano Piano’ sono panna inacidita

I due film proposti ieri in Piazza Grande sono il trionfo della banalità, dove tutto è in superficie: poca emozione, poca indagine
Locarno 75
23 ore

Dieci festival al Palacinema: una finestra sulla Svizzera

Presentata oggi l’iniziativa che propone da settembre ’22 a giugno ’23 una rassegna di film realizzata con le direzioni artistiche di vari festival
Estate giallo-nera
1 gior

‘Soldi bruciati’, la versione argentina di una tragedia greca

‘Plata guemada’ (1997) è il romanzo più riuscito di Ricardo Piglia. Tratto da vicende accadute nel 1965, è il suo più noto e il più duro
Open Doors
1 gior

Poetica dell’eterogeneo: Caraibi e America Latina

Narrazioni, contesti, storie, generi differenti mappano contesti cinematografici unici. A colloquio con Zsuzsi Bànkuti, responsabile Open Doors.
Locarno 75
1 gior

Cineasti del presente, la storia di Katia e Anna

Una vicenda minore che ci ricorda però l’importanza di non retrocedere dai nostri principi. Oggi al Palacinema alle 18.
Spettacoli
1 gior

Compleanno con sorpresa per Tony Bennett: candidatura agli Emmy

Per lo speciale con Lady Gaga trasmesso da Cbs. Il crooner festeggia 96 anni
Spettacoli
1 gior

Jane Fonda confessa, sono pentita del lifting

L’attrice a Vogue: ‘Ho smesso per non apparire deformata’
laR
 
06.08.2022 - 11:37

Daisy Edgar-Jones: ‘C’è un po’ di Kya in ognuno di noi’

La 24enne attrice britannica, protagonista di ‘Where the Crawdads Sing’ (La ragazza della palude), si è raccontata prima della proiezione in Piazza Grande

Il set di riprese non era il North Carolina, dove la storia originale è ambientata. Era la Louisiana, ma la palude di ‘Where the Crawdads Sing’ (La ragazza della palude), film basato sull’omonimo libro della zoologa Delia Owens, non è stata meno emozionante per Daisy Edgar-Jones, 24enne attrice brittannica giunta a Locarno a ritirare il suo Leopard Club Awarde e che nel pomeriggio di ieri si è raccontata alla stampa, prima della proiezione del film in Piazza Grande. «Ho amato quel posto. L’ambientazione nelle paludi mi aveva colpito già al momento della lettura del libro. La palude è essa stessa uno dei personaggi del film».

Previo ampio utilizzo di fazzolettini, la storia di Kya, abbandonata da tutti e cresciuta da sola in mezzo alla natura, potrebbe piacere al pubblico europeo, che ‘Where the Crawdads Sing’ l’ha visto per la prima volta a Locarno75. Protagonista di una storia di emarginazione e riscatto, e di buoni sentimenti, Kya si apre al mondo grazie a due giovani che, in modi radicalmente opposti, sono attratti dal suo mondo; quando uno di essi viene trovato cadavere, la comunità non trova di meglio che addossare le colpe su di lei, ragazza della palude degli anni ’70, vittima sacrificale del pregiudizio.


Keystone
Daisy Edgar-Jones, Leopard Club Award a Locarno75

Diventata popolare nel ruolo di Marianne Sheridan nella miniserie inglese ‘Normal People’, Daisy Edgar-Jones non è figlia d’arte. Però: «Prima di aspettare me, mia madre è stata una video editor, aveva un’idea precisa di come usare una telecamera e dei processi di post produzione. Sono cresciuta con l’amore per il cinema in casa». Daisy ha la sua prima esperienza attoriale importante in ‘Cold Feet’, serie televisiva di ITV Network, «un piccolo ruolo ma fondamentale per imparare, anche semplicemente restando in disparte a guardare come gli attori si muovevano, recitavano, senza la pressione di dover sopportare l’intero progetto. Prima di ‘Cold Feet’ non ero in grado nemmeno di camminare davanti a una telecamera senza sentirmi terribilmente in imbarazzo». Televisione a parte, ‘Where the Crawdads Sing’ è la sua terza esperienza cinematografica: «Riferimenti? Ne ho molti: Tilda Swinton, per esempio, per il suo fare scelte sempre interessanti, in ruoli non sempre da protagonista, una qualità che la distingue dalle altre. Si trasforma, è imprevedibile. Come Frances McDormand d’altra parte, scelte sempre da registi importantissimi».

Per ‘Where the Crawdads Sing’, fologorata dal libro, Taylor Swift ha scritto appositamente per il film ‘Carolina’: «È bello che sia successa la stessa cosa», commenta Daisy, folgorata anch’ella. «È una bella storia e in Kya, per quanto attraversi mille difficoltà, credo ci si possa identificare». Quanto di Kya dunque c’è in Daisy e quanto di Daisy c’è in Kia? «La gentilezza, prima di tutto; io mi considero una persona gentile. La curiosità è un’altra delle sue caratteristiche, e io lo sono nell’ambito del mio lavoro, e nei confronti della gente, del mondo e dell’ambiente». In generale, «penso ci sia un poco di Kya in ognuno di noi. Il modo in cui è costretta a crescere, le circostanze, credo possano essere d’ispirazione per le donne ma anche per le persone in generale, per combattere, per se stessi e per quello in cui credere». La cosa vale anche per gli uomini, che da ‘Where the Crawdads Sing’ non escono certo dalla palude puliti come un giglio: «Sì, credo che il film possa essere un invito anche ad essi, a non lasciarsi sopraffare dall’aggressività e dalla codardia».


Keystone
Daisy Edgar-Jones, Leopard Club Award a Locarno75

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
daisy edgar-jones locarno 75 locarno film festival
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved