ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
12 ore

‘Il sergente dell’Altopiano’ sbarca a Venezia

Per l’edizione invernale del Cinema svizzero a Venezia, il 29 novembre doppia proposta Imagofilm Lugano
Letteratura
13 ore

Addio allo scrittore francese Christian Bobin

Le sue opere, tradotte in numerose lingue, annullano i confini tra prosa e poesia, narrazione e contemplazione
Culture
14 ore

I musei pubblicano la ‘Lista rossa d’emergenza’ per l’Ucraina

Per il Consiglio internazionale dei musei, uno strumento essenziale per la lotta contro il traffico illecito e per la protezione del patrimonio culturale
Culture
14 ore

Addio a Hans Magnus Enzensberger, faro del dopoguerra tedesco

La Germania piange l’intellettuale onnivoro che “impersonava libertà d’espressione”
Castellinaria
14 ore

Il sabato di Castellinaria (vademecum)

Aspettando il palmarès, gli appuntamenti conclusivi. Chiude ‘L’ombra del giorno’ di Giuseppe Piccioni, con Riccardo Scamarcio e Benedetta Porcaroli
Spettacoli
17 ore

Gospel & Spirituals, fra chiese e teatri della Svizzera italiana

La rassegna torna da giovedì 8 a venerdì 30 dicembre. Si parte con la Gospel Voices Family, nella chiesa di San Lorenzo a Losone
Concorso
18 ore

La più bella pubblicità è ‘Fortezza di Bellinzona’ di Variante

Premiata l’agenzia bellinzonese, che ha partecipato insieme a lucasdesign di Giubiasco, Newdeco Agency di Sant’Antonino e Visiva di Camorino
Scienze
20 ore

In pandemia prima volta con la depressione per una persona su 8

Il 13% degli over 50 durante la crisi del Covid ha sperimentato per la prima volta la patologia, soprattutto le persone a reddito più basso
Culture
21 ore

‘Musica come cura’, musicoterapia al centro del sesto incontro

‘Musicoterapia per le demenze e la riabilitazione neurologica’ è il titolo dell’incontro in programma lunedì 28 novembre alle 18 al Campus Est dell’Usi
piazza grande
05.08.2021 - 14:02
Aggiornamento: 15:55

‘Beckett’, lo 007 con John David Washington apre il Festival

Se non fosse tutto visto e previsto avrebbe potuto essere un buon film

di Ugo Brusaporco
beckett-lo-007-con-john-david-washington-apre-il-festival
Yannis Drakoulidis-Netflix

Ha piovuto tutto il giorno e in una Locarno umida si è consumata la prima serata di un festival atteso da tutti con gran sospiri: dopo un anno di dura pandemia che ha segnato in modo troppo significativo l’edizione 2020, si riparte con la Piazza e tutte le sale a disposizione e con un nuovo direttore, Giona Nazzaro, chiamato a rimettere in tranquilla navigazione quello che, non bisogna dimenticarlo, è uno dei grandi festival mondiali. Una delle principali difficoltà che il neodirettore ha dovuto affrontare è stata quella di trovarsi stretto tra Cannes – che per Covid è scivolato da maggio al luglio – da poco passato e con Venezia e Toronto alle porte, in tre mesi una batteria di film in straordinaria successione e tutti a cercare di portarli a casa propria. Ma torniamo alla Piazza riaperta. Il film scelto è stato ‘Beckett’, opera seconda del regista Ferdinando Cito Filomarino che lo ha sceneggiato insieme a Kevin A. Rice, quello che si dice un film da grande pubblico e la presenza di Netflix, tra gli altri distributori e produttori certamente lo certifica. Protagonista del film, nel ruolo del titolo, John David Washington, un tranquillo americano di colore che si trova in vacanza in Grecia con la moglie. Siamo in un periodo molto critico per il Paese ellenico sottoposto al ferreo giogo economico europeo, un ieri che tutti ricordiamo bene per il dolore che ha causato al popolo greco. Succede che il nostro Beckett, una notte addormentandosi al volante si ritrovi con l’auto in una scarpata finendo con lo sfondare un casolare. Prima di perdere i sensi scopre la morte della moglie a causa dell’incidente e la presenza di un ragazzo dai capelli rossi. Inutile dire che tra le due cose a segnare da quel momento la sua vita non è il dolore della perdita ma il peso d’aver visto il ragazzo. Questo fatto lo porta a essere al centro di un complotto politico ordito dalla estrema destra appoggiata dalla polizia e dall’ambasciata americana, in quanto il ragazzo è il figlio del più potente esponente della sinistra pronta a andare al governo. Beckett diventa naturalmente un bersaglio per tutti e il suo sopravvivere si trasforma in una continua e rocambolesca fuga in cui dimostra, nonostante la goffaggine del corpo (voluta dal regista), di essere un perfetto 007, saltando anche da tre piani per cadere sull’auto del cattivo, tirarlo fuori e picchiarlo a sangue. Naturalmente non manca il lieto fine ed è inutile dire che persa la moglie il nostro eroe trova delle nuove ginocchia su cui posare la sua testa.

Se non fosse tutto visto e previsto avrebbe potuto essere un buon spettacolo perché il regista mostra di avere una buona mano per i film d’azione. Interessanti le musiche di Ryuichi Sakamoto, tra i produttori troviamo anche il nome anche del regista Luca Guadagnino, il tutto comunque si ferma sul grande schermo senza prendere il volo nel mondo di quel sogno stupendo che è il Cinema. Sarà per un’altra volta. E ora attendiamo l’inizio del Concorso, oggi si apre la caccia ai Pardi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved