Zurigo
0
Young Boys
0
2. tempo
(0-0)
Lucerna
Basilea
16:30
 
Losanna
Servette
16:30
 
Milan
1
Sassuolo
1
1. tempo
(1-1)
Spezia
0
Bologna
0
1. tempo
(0-0)
Lakers
Ajoie
15:45
 
Zugo Academy
Sierre
15:45
 
Winterthur
La Chaux de Fonds
16:00
 
si-ricomincia-dopo-la-pandemia-e-dopo-la-meteora-hinstin
ULTIME NOTIZIE Culture
La recensione
17 min

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
20 min

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
3 ore

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
3 ore

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
5 ore

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Culture
5 ore

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Spettacoli
5 ore

Addio a Stephen Sondheim, leggenda di Broadway

Le parole di ‘West Side Story’, e una pioggia di Tony e Pulitzer. Il compositore più influente nella storia del Musical si è spento nel sonno a 91 anni
Letteratura
20 ore

Addio ad Almudena Grandes, ‘voce degli sconfitti’

La 61enne, che conquistò il pubblico con il suo romanzo ‘Le età di Lulù’, ottenne il Premio Nazionale di Narrativa nel 2018
Teatro Sociale
1 gior

Chi fa la mamma tra ‘Boef & Asen’?

Ferruccio Cainero adatta lo spettacolo natalizio scritto da Norbert Ebel nel ’99, sempre attuale. Domenica 28 novembre, con attori di Barabba’s Clowns.
Società
1 gior

Paesaggi sonori per la cura dei bambini

Al Forum cultura e salute Antti Ikonen racconta il progetto di ‘soundscape’ nel nuovo ospedale pediatrico di Helsinki
bastiancontrario
05.08.2021 - 14:220
Aggiornamento : 14:52

Si ricomincia, dopo la pandemia e dopo la meteora Hinstin

Riuscirà Giona Nazzaro, il direttore artistico scelto da Marco Solari, a coniugare le varie anime del festival?

Si ricomincia! Dopo un anno di quasi pausa in cui abbiamo potuto solo gustare un simil-festival online, senza il piacere di vedere i film in Piazza grande o in sala circondati da altri spettatori, senza poter discutere alla fine della proiezione sulla qualità a meno del film appena visto, senza poter incontrare registi, attori, tecnici, insomma senza poter respirare il vero odore del festival di Locarno, siamo ancora qui, all’appuntamento annuale che ha caratterizzato i miei ultimi 50 anni – seguo il festival come giornalista da 50 anni ma ho iniziato come semplice studente 55 anni fa! – pieno di entusiasmo e di aspettative.

Dopo la meteora della direzione parigina di Lili Hinstin, che non ha lasciato traccia nella storia del festival, il presidente Solari ha preferito una strada più sicura: Giona Nazzaro, un giornalista svizzero che conosce bene Locarno, forse meno giovane di tanti direttori precedenti ma come abbiamo scritto più volte negli scorsi anni non esiste una “scuola di direttore di festival”. È una professione che si impara sul campo con serietà e umiltà, senza rinnegare la storia di una manifestazione ma eventualmente cambiando lentamente se necessario, stando attenti a quello che fanno gli altri, e soprattutto seguendo attentamente quello che succede nel mondo del cinema a livello mondiale, senza pregiudizi e senza occhio di riguardo per certe paesi (come purtroppo fece Lili il primo anno con la Francia…).

Impossibile esprimere un giudizio sul nuovo direttore in base al programma sulla carta: aspettiamo di vedere i film. La difficoltà maggiore è sicuramente quella di coniugare le varie anime del festival, in particolare il desiderio di parte del pubblico di avere il grande cinema, magari anche accompagnati da attori famosi – pensiamo al pubblico della Piazza – con la voglia di scoprire nuovi orizzonti cinematografici che caratterizza il pubblico più cinefilo. Non esiste un solo festival, ma ogni spettatore crea il proprio percorso, mescolando il passato con la retrospettiva, il presente con il Concorso e il programma della Piazza e il futuro con i Cineasti del presente e i corti.

Certo che l’obbligo di riservare in anticipo i posti rende tutto più complicato, una volta si poteva decidere all’ultimo momento di andare a vedere un film di cui si era sentito parlare oppure abbandonare una proiezione di un film non gradito per tuffarsi in un’altra sala, ma oggi tutto questo è complicato… Intanto a Locarno si respira la solita aria, le strade e i portici sono pieni di turisti, e di festivalieri con il loro badge al collo – che non serve a nulla, solo a distinguere i festivalieri dalla gente “normale” quelli che il festival lo sopportano o lo ignorano – la macchina è oramai rodata, la piazza ha visto sorgere per la cinquantesima volta il grande schermo (era il 1971 quando su progetto dell’architetto Vacchini il festival abbandonò il giardino del Grand Hotel per trasferirsi in Piazza Grande), il Palacinema è oramai una realtà le altre sale come Fevi, la Sala sono rinate dal nulla, Gran Rex e Teatro resistono, insomma tutto ricomincia: dopo una serata di prefestival ieri si sono ufficialmente spente le luci e il festival è ufficialmente iniziato.

Voglio concludere con una dedica personale. La Settimana della critica, sezione indipendente del festival gestita dall’Associazione dei critici cinematografici, ha deciso di dedicare l’edizione di quest’anno a Marco Zucchi, il collega scomparso l’anno scorso che l’aveva diretta negli ultimi tre anni. Io vorrei dedicare all’amico Marco tutta l’edizione del festival: ci mancheranno i suoi commenti alla Rsi. Un abbraccio cinematografico.

 



Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved