COL Avalanche
4
BOS Bruins
3
fine
(1-0 : 0-3 : 2-0 : 1-0)
i-pesci-sotto-the-bridge-e-il-pescatore-sting
Gordon Matthew Thomas Sumner (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
L'intervista
1 ora

Ambrogio Sparagna, la taranta come terapia di gruppo

‘La musica è l’antidoto al male che viviamo’: sabato al Sociale, il virtuoso dell’organetto, musicista ed etnomusicologo con l’Orchestra Popolare Italiana
Cinema
10 ore

Giornate di Soletta, ‘Wet Sand’ e gli altri vincitori

Un festival di storie intime, autentiche, raccontate nei tanti documentari in gara, e i premi hanno confermato questo trend.
La recensione
12 ore

Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’

Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.
Jazz Cat Club
17 ore

Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz

Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
18 ore

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
1 gior

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
1 gior

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
1 gior

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
1 gior

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
1 gior

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
28.11.2021 - 10:290
Aggiornamento : 15:17

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’

Fermato dalla pandemia a San Francisco, con il musical ‘The Last Ship’ in town, Sting fa le valigie e se ne torna in Inghilterra con tutto il suo staff. “E ora che diavolo faccio?”, dice raccontando la genesi del suo 15esimo e non previsto album uscito lo scorso 19 novembre; “Entravo in studio alle 10 di mattina e ne uscivo per cena, fortunato di poterlo fare”. Le 10 canzoni del nuovo disco – più le due della versione deluxe e una ‘(Sitting on) The Dock Of The Bay’ – sono nate “come si pesca”, ovvero “butti un verso nell’acqua e non viene su niente per giorni; poi, quando meno te l’aspetti, abbocca un pesce, o qualcosa che gli somiglia, e dopo un anno, se sei fortunato te ne ritrovi 12 da cucinare”. Poi il pescatore guarda i suoi pesci e a partire da quello intitolato ‘Captain Bateman’ – adattamento di un brano del XII secolo che sta dentro un libro sul pianoforte di casa Sting – capisce che hanno tutti qualcosa in comune e scrive ‘The Bridge’, pesce che dà il titolo al disco, perché i personaggi ivi contenuti “stanno tutti cercando un ponte sul futuro” (grazie a Billboard per i virgolettati e a Sting per la parentesi ittica).

Forzando noi stessi oltre l’effetto del già sentito che porta dall’orecchiabile ‘If It’s Love’ dritti a ‘All This Time’ (perché l’ostinato del sempreverde Dominique Miller alla chitarra è, gradevolmente, il medesimo) e da ‘For Her Love’ dritti uguali a ‘Shape Of My Heart’, per la quale ogni tentativo di avvicinamento diventa repulsione, aperto da ‘Rushing Water’ – bella traccia n.1 con un piede negli Ottanta (la strofa) e uno nei Novanta (il riff) – ‘The Bridge’ è un alternarsi di Sting (plurale) vissuto anche in ‘57th & 9th’. Nemmeno qui il primo ascolto premia (a volte è un bene), meglio tentare il secondo (che non significa garanzia d’innamoramento). Eccezion fatta per la spazzolata ‘The Bells of St. Thomas’, il nuovo che in questo disco avanza grazie ai suoni antichi del jazz, aperta da curiose visioni oniriche belghe che valgono il prezzo del biglietto (“Mi sveglio ad Anversa / Nel letto di una qualche donna ricca / C’è un uomo con un martello nella mia testa / Lei dice ‘Non riuscivo a svegliarti / Pensavo fossi morto / Ma parlavi nel sonno / E non capivo quello che dicevi’”). Ed eccezion fatta per la ‘The Bridge’ canzone, scarna come un messaggio dentro la bottiglia (non era voluto, ndr), lei e il suo flusso di anime in transito in cerca di meglio.

Pistolotto conclusivo: “La gente pensa sempre in termini di successi passati. I musicisti no”, diceva Freddie Mercury. E dunque un nuovo disco di Sting è sempre un regalo, quasi una benedizione. Poi, se l’innamoramento proprio non scatta come accadeva un tempo, si può provare ad ascoltarlo partendo dalla fine.

© Regiopress, All rights reserved