laRegione
benedetto-sei-tu-brunori-sas-cip
Brunori tutto bene (Facebook)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
2 ore

La Cina verso la Luna per raccogliere campioni di roccia

Il veicolo spaziale senza pilota è decollato dal Centro spaziale di Wenchang. L'arrivo è previsto per fine novembre.
Cinema
3 ore

Replica dello squalo di Spielberg al Museo dell'Academy

L'unica replica dell'esemplare del film cult del 1975 pesa quasi 550 kg, è lungo 7 metri e ha 45 anni. E si chiama Bruce.
Musica
14 ore

Un po' di Bob Dylan all'asta per mezzo milione di dollari

I documenti erano nelle mani di Tony Glover, bluesman morto lo scorso anno e amico e confidente.
Streaming
14 ore

Amazon Prime e Bbc: black streaming matters

Mentre su Netflix va il mondo molto bianco di 'The Crown', altrove arriva 'Small Axe', miniserie di Steve McQueen sugli afroamericani di Londra
Musica
15 ore

Con Udhai Mazumdar al Paravento per ricordare Ravi Shankar

Venerdì 26 novembre alle 19, il tributo nei cento anni dalla nascita del padrino della world music.
Cinema
15 ore

'Collection Lockdown', la seconda ondata di corti svizzeri

Swiss Filmmakers Frédéric Gonseth, Turnus Films e CinéDokké chiamano a raccolta cineaste e cineasti confederati per un nuovo racconto del virus.
Scienze
15 ore

James Beacham, di buchi neri su Facebook e Youtube

Sui canali ufficiali del MUSE - Museo delle Scienze di Trento, il fisico conduce in un viaggio sui misteri ancora irrisolti della scienza
Teatro Sociale
16 ore

'Zona 30', Saltamacchia e Traversi per ricordare Dürrenmatt

La serie di eventi sotto il label 'Dürrenmatt 30|100' non può tenersi, ma la doppia ricorrenza viene affidata comunque alle giovani attrici ticinesi.
Cinema Teatro Chiasso
16 ore

Giuseppe Albanese, 'Invito alla danza' per 30 e in streaming

La stagione teatrale si apre comunque: saltato l'omaggio dell'Osi ad Arturo Benedetti Michelangeli, il pianista italiano resta, per un recital tutto suo.
Castellinaria
18 ore

Luce, Domenica e le piccole cose di un 'Palazzo di giustizia'

È l'opera prima di Chiara Bellosi, già affermata documentarista, in concorso nella sezione 'Young'. Con due esordienti che strappano applausi.
Figli delle stelle
12.01.2020 - 23:050
Aggiornamento : 23:40

Benedetto sei tu, Brunori Sas ('Cip!')

Brunori Sas, 'Cip!' - ★★★★★ - Non rimpiangeremo 'A casa tutto bene', perché anche l'ultimo album è oro. Bastasse solo 'Per due che come noi'.

Lasciamo riposare Luigi Tenco, lasciamo da parte l’infausta notte del 1967. La decisione più nefasta mai presa da un essere umano nella città di Sanremo non è stata escludere, l’anno prima, ‘Il ragazzo della via Gluck’ dal Festival, bensì non premiare con la Targa Tenco, molti anni dopo, ‘A casa tutto bene’ di Brunori Sas. Tutto l’album, non solo una canzone. E se la giuria dell’Ariston colto (giornalisti che votano da casa) nel 2017 non si spinse oltre il riconoscere la cruda valenza de ‘La verità’, a logica dovrebbe negare il premio anche quest’anno che il cantautore cosentino vola addirittura più leggero – lo dice lui nel degno incipit ‘Il mondo si divide’, che comunque leggera non è – salvandoci da ulteriore autoanalisi. Perché, con tutto il bene che vogliamo al Brunori, c’è chi da ‘La verità’ non si è ancora ripreso e forse mai si riprenderà (e l’ascolta con parsimonia non più di una volta l’anno, non sapendo se sia piacere o masochismo, due cose che a volte coincidono).

Una premessa: visti i chiari di luna, visti cioè gli album che le poche tracce che pompano stanno tutte all’inizio e il resto si spegne come i cerini della piccola fiammiferaia, se anche in ‘Cip!’ di buono ci fosse stato solo ‘Al di là dell’amore’ e nulla più, pompante alla maniera dell'Alan Parson Project e con tutti i suoi significati, non batteremmo i piedini per terra; poi, tra capo e collo, bellissima, è giunta ‘Per due che come noi’, una ‘Your song’ in italiano di chi è ormai un ometto e ha imparato a “non confondere l’amore e l’innamoramento che oramai non è più tempo”, cosa che pare logica, ma soltanto a una certa età. L’autore, alla fine del pezzo, si gioca pure un “ti amo” e soprattutto un “andiamo”, moto a luogo che qualunque sia il luogo è il moto di chi vive insieme da una vita, ovunque si sia andati, ovunque si vada (Reazione-tipo: "Ma è la nostra canzone!". "Sì mia cara, è proprio la nostra canzone").

Nel ‘Cip!’ prodotto con Taketo Gohara c’è il Brunori che suona born tu run in ‘Benedetto sei tu’, c’è (udite udite) un solo di sax in ‘Mio fratello Alessandro’ e c'è anche il bambino che c’è in noi, che qui si chiama Francesco e si chiama Lorenzo (‘Bello appare il mondo’). E si chiama Achille, che dentro una ballad con synth e pianoforte un po’ ignorante (apprezzamento: senza fronzoli, basic) chiude il disco. Achille che “certe notti dentro al letto pensa al mondo come sarà” e si chiede se ‘Quelli che arriveranno’ saranno “più alieni o più umani”. Eccolo, giusto alla fine, il dannato Brunori a far commuovere l’uomo che (fa finta che) non deve chiedere mai. Perché sì, Dario a volte ricorda De Gregori, ma chi se ne frega.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved