ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
12 ore

Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.

Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Spettacoli
12 ore

È San Valentino anche a teatro, ecco gli eventi al Foce

Dall’omaggio a Gaber ai balli caraibici, dagli spettacoli sulle e con le donne alla Riviera adriatica in foto
Culture
13 ore

‘Leggere Lolita a Teheran’, voce (e sostegno) alle donne

Al Lac una riflessione sulla situazione in Medioriente con brani dal libro di Azar Nafisi; ma anche la danza de ‘Gli anni’ con Marta Ciappina
Sanremo
14 ore

Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)

Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
14 ore

La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi

A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
15 ore

‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità

A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
16 ore

La solitudine di Ulisse e la cecità umana

Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
01.12.2022 - 16:59
Aggiornamento: 17:43

Oltre mezzo milione di visitatori per i musei ticinesi

Pubblicati i dati 2021 relativi al settore della cultura nel Rapporto statistico cantonale dell’Osservatorio culturale ticinese

oltre-mezzo-milione-di-visitatori-per-i-musei-ticinesi
Ti-Press
In attesa alle porte del m.a.x. museo di Chiasso

Oltre mezzo milione di persone hanno visitato un museo in Ticino lo scorso anno. Questo è uno dei tanti dati di #culturainticino, il Rapporto statistico sul settore culturale nel Cantone Ticino pubblicato oggi dall’Osservatorio culturale cantonale e a renderlo noto è stato il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs). Un documento, si legge nel comunicato stampa, "che permette di avere una visione d’insieme delle principali tendenze registrate nel corso dell’anno all’interno della filiera culturale".

I dati 2021 della cultura, quelli dati (si perdoni il bisticcio) a colpo d’occhio nelle prime pagine del volume, considerano per esempio il sostegno finanziario al settore culturale (di 30,7 milioni di franchi), così come i concerti tenuti dall’Orchestra della Svizzera italiana (63), oppure le entrate registrate alla 74esima edizione del Locarno Film Festival (78’600). Fra i dati interessanti, quello della fruizione museale (545’512 i visitatori di musei ticinesi), ma anche gli 86,3 minuti di fruizione radiofonica media pro capite nella Svizzera italiana oppure i 210 beni culturali di interesse nazionale in Ticino e le 11’093 persone attive nel settore culturale ticinese.

I dati vanno però contestualizzati e confrontati, si prenda per esempio quello relativo alla Mediazione culturale: dal 2020 al 2021, l’aumento di operatori sul territorio – da 152 a 168 – è stato importante, soprattutto, si legge nelle pagine iniziali del rapporto, l’andamento "testimonia la sempre crescente necessità di lavorare nel contesto della mediazione per favorire e facilitare la fruizione dei prodotti culturali".

Nel corso degli anni "anche nel settore culturale le dimensioni dei numeri hanno assunto una rilevanza crescente. La cultura si vuole o si deve misurare", scrive nella prefazione Roland Hochstrasser, capoufficio dell’analisi del patrimonio culturale digitale. Tuttavia, commenta ancora Hochstrasser, "nel corso degli anni, gli enti preposti all’analisi del fenomeno culturale hanno evidenziato la necessità di aprirsi anche ad approcci complementari, in grado di valorizzare, oltre al dato matematico, anche l’aspetto qualitativo e la dimensione umanistica", che ha significato – aggiunge – "l’instaurazione di un dialogo più diretto con e tra gli operatori culturali".

Il rapporto, pubblicato nella collana Quaderni della Divisione della cultura e degli studi universitari, presenta i dati su offerta e fruizione culturale, basandosi sulle cifre date dall’Ufficio federale di statistica (Ustat).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved