Musica
20.06.2022 - 16:10
Aggiornamento: 17:02

L’Orchestra della Svizzera italiana con i giovani Solisti Csi

Torna la collaborazione annuale. Con Mark Kissóczy a dirigere, il 30 giugno alle 20.30 presso l’Auditorio Stelio Molo Rsi a Lugano

l-orchestra-della-svizzera-italiana-con-i-giovani-solisti-csi
L’Osi sul Monte Tamaro

Come da tradizione, anche quest’anno l’Orchestra della Svizzera italiana (Osi) guiderà i giovani Solisti del Conservatorio della Svizzera italiana intenti a completare il Master of Arts in Specialized Music Performance. Il prossimo 30 giugno alle 20.30 presso l’Auditorio Stelio Molo Rsi a Lugano, l’Osi verrà diretta da Marc Kissóczy, che accompagnerà i solisti del Csi Sara Capone (pianoforte), Irenè Fiorito (violino), Lorenzo Guida (violoncello) e Jonas Morkunas (clarinetto). Il programma propone musiche di Čajkovskij, Saint-Saëns, Penderecki e Hartmann.

Sara Capone, pianista italiana, frequenta il Master of Arts in Specialized Music Performance nella classe di Sandro D’Onofrio alla Scuola universitaria di Musica del Csi.
Si è classificata prima assoluta in diversi concorsi italiani e internazionali. Irenè Fiorito, violinista italiana, diplomatasi al Conservatorio Santa Cecilia di Roma, dopo il Master of Arts in Music Performance al Csi ha proseguito con il Master of Arts in Specialized Music Performance nella classe di Pavel Berman. È stata premiata in numerosi concorsi nazionali e internazionali. Lorenzo Guida violoncellista italiano, si è diplomato presso il Conservatorio di Torino con Dario Destefano. Sotto la guida di Johannes Goritzki ottiene poi il Master of Arts in Music Performance al Csi, dove attualmente si accinge a ultimare il Master of Arts in Specialized Music Performance con Asier Polo. Jonas Morkunas, clarinettista lituano, è studente al Master of Arts in Specialized Music Performance nella classe di François Benda alla Scuola universitaria di Musica del Csi. Cresciuto in una famiglia di musicisti, ha vinto molteplici premi in concorsi nazionali e internazionali.

Entrata libera. Informazioni: www.osi.swiss, www.conservatorio.ch

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved