ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
58 min

Raffaella Carrà diventa un’opera lirica

Debutterà al teatro Donizetti di Bergamo il prossimo settembre, nell’ambito delle iniziative per Brescia Bergamo capitale italiana della Cultura
Culture
1 ora

Nuova nomina per Franco Gervasoni

Il direttore generale della Supsi è stato nominato presidente della Camera delle scuole universitarie professionali di swissuniversities
Spettacoli
1 ora

Addio a Cindy Williams, protagonista di ‘Laverne & Shirley’

Fu Shirley assieme a Penny Marshall nella popolare sitcom. È morta a Los Angeles a 75 anni dopo una breve malattia
cinema
2 ore

‘I nuovi mostri’ al Palacinema di Locarno

Ospite del ciclo ‘10 Film Festival’, il direttore artistico del Fiff propone, giovedì 2 febbraio, la commedia satirica firmata da Monicelli, Risi e Scola
Spettacoli
2 ore

‘Dimenticando Gaber’ alla Cambusa di Locarno

L’attore e regista Emanuele Santoro, accompagnato dalla musica di Yara Mennel, propone un recital dei testi del cantautore meneghino, sabato 4 febbraio
Spettacoli
4 ore

Ai ‘Margini’ del mondo con Vischer, Lepori e Mourtzakis

La performance fra poesia e musica verrà interpretata dai tre protagonisti domenica 5 febbraio, alle 17, al Teatro San Materno di Ascona
Spettacoli
5 ore

Il futuro apocalittico di ghiacci sciolti con ‘Ulisse Artico’

Lo spettacolo scritto da Lina Prosa e diretto da Carmelo Rifici verrà rappresentato in prima nazionale martedì 7 febbraio (in replica l’8) al Lac
Locarno Film Festival
8 ore

Successione Marco Solari, c’è la commissione

Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
14 ore

Le Donne, la musica e Ornella Vanoni

Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
1 gior

Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson

È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Musica
1 gior

L’Orchestra della Svizzera romanda suonerà i Led Zeppelin

A curare gli arrangiamenti sarà il cantautore e produttore neozelandese Jaz Coleman, cantante della band britannica Killing Joke
Scienze
1 gior

San Francisco tassa le bibite zuccherate, calano i consumi

L’intento della ‘Soda Tax’ è quello di ridurre i casi di diabete e ipertensione e ha generato 15 milioni di entrate, impiegati in programmi salutari
Spettacoli
1 gior

Addio all’attrice Annie Wershing, star di ‘24’

Recitò anche in ‘Bosch’ e fu la regina dei Borg in ‘Star Trek’. È morta a soli 45 anni dopo due anni di battaglia contro il cancro
laR
 
05.03.2022 - 10:36

Marcel Proust e la sua Parigi

In mostra fino al 10 aprile ‘Un roman parisien’, a Parigi al Musée Carnavalet

di Ugo Brusaporco
marcel-proust-e-la-sua-parigi
Jacques-Emile Blanche, Portrait de Marcel Proust, 1892 Musée d’Orsay © RMN-Grand Palais (Musée d’Orsay) / Hervé Lewandowski

Parigi, la Parigi oggi armata e blindata, da Covid e guerra putiniana, oggi divisa tra una borghesia arroccata tra i suoi arrondissement e le vivaci banlieue. La Parigi dove gli storici ristoranti hanno tradito la tradizione, rimasta trionfante nelle brasserie lontane dai centri turistici, in nome di gusti internazionali che mal sopporterebbero la cassoulet o anche semplicemente un oeuf à la russe. Ebbene questa Parigi non poteva non celebrare uno dei suoi figli più amati, quel Marcel Proust che ne cantò gli ultimi fasti, già con una malinconia sottolineata, infine, con il primo conflitto mondiale, ma ancor prima con la nascita del Cinématographe.

‘Marcel Proust, un roman parisien’ è il titolo della mostra che raccoglie a Parigi, al Musée Carnavalet fino al 10 aprile di questo già fatale 2022, i segni del profondo rapporto tra l’autore de ‘À la recherche du temps perdu’, immenso romanzo che scrisse, dopo vari tentativi, a partire dal 1909 fino all’anno della morte, e la città con cui compenetrò insieme al suo dire il suo vivere. Non esistono altri autori come Proust capaci di partire dal profumo e dal sapore di una madeleine per raccontare insieme a città incredibile la sua inconfondibile essenza. Eravamo passati, prima di affrontare la mostra, al cimitero di Père-Lachaise dove tra tante tombe illustri – ci sono anche Chopin e Rossini e Moliere e Jim Morrison e Edith Piaf – si trova anche la sua, semplice lapide nera, sporca, con quattro fiori secchi. Mette tristezza, mentre quella di Simone Signoret e Yves Montand racconta d’amore tra fiori curati. Inutile dire della bellezza del museo Carnavalet e delle raccolte della vita parigina che qui sono con ordine mostrate, persino le fantasiose insegne di antichi locali di commercio.

Un sentiero luminoso da percorrere

Ecco che passati antichi manufatti che raccontano i secoli di Parigi, entrare nella mostra che ci porta a come Marcel Proust la visse e narrò, e un sentiero luminoso da percorrere. Qui, nella capitale francese, lui era nato il 10 luglio 1871, nel ricco ed esclusivo quartiere di Neuilly-Auteuil-Passy, per morirvi invece, in pieno centro, il 18 novembre 1922, ed ecco che la mostra, essendo stata aperta in dicembre 2021, raccoglie insieme i centocinquant’anni dalla nascita e i cento anni della morte. Cinquant’anni di vita, dalle prime foto di bambino insieme al fratello Robert alla fotografia del suo cadavere, in mezzo una vita e Parigi, e i suoi oggetti cari: il bastone, l’ombrello, il cilindro, il mantello e la sua ultima stanza, quella in cui si era recluso per scrivere quel libro ossessione/testamento che è ‘La recherche’. E sorprende ancora il théâtrophone con cui dalla camera ascoltava malamente il suo amato Wagner e nel febbraio del 1911 il ‘Pelléas et Mélisande’ di Claude Debussy. Il théâtrophone era stato presentato all’Esposizione Universale di Parigi nel 1889, in contemporanea al fonografo di Edison e alla Torre Eiffel. Lo usò anche Victor Hugo che scrisse: "È molto curioso. Ti metti due cuffie che corrispondono al muro e ascolti lo spettacolo dell’Opera, cambi le cuffie e senti il Théâtre-Français, Coquelin ecc. Cambiamo di nuovo e sentiamo l’Opéra-Comique. I bambini sono rimasti incantati e anche io." (di Victor Hugo in Choses vues, in Œuvres complètes, édition du Club Français du livre, tome XVI, 1970, p. 911). Per la solitudine di Proust era un sollievo soprattutto ascoltare Tristan und Isolde et Parsifal.

Caduca umanità

Nella mostra si vedono i quadri che raccontano quell’epoca tra il XIX e il XX secolo che cantava il trionfo del mondo borghese e il tramonto di quella nobiltà che aprendo i suoi salotti regalava i piaceri del ballo, della musica e di quella sessualità senza limiti che Proust ben racconta nel quarto libro de ‘La recherche‘, ‘Sodome et Gomorrhe’. Il suo vivere tra amanti femminili e maschili, che ben viene raccontato da Raul Ruiz nel suo film capolavoro ‘Le Temps retrouvé’ (1999), trova tracce ben sottolineate nella mostra del Carnavalet, qui con gran rispetto e con malinconico amore, determinato dai tanti quadri che raccontano quegli anni vissuti, i pittori dei salotti Louis Beraud, Joseph de Nittis, Pierre-Georges Jeanniot, René-Xavier Prinet e altri e altre, ma proprio un quadro di Jean Béraud: ‘La Sortie du salon, au Palais de l’Industrie’ del 1890 è un punto emozionante di fine partita, quei nobili e ricchi borghesi che escono da un rendez-vous mondano, rimanda l’immagine a ‘La Sortie de l’usine’ dei Lumière, quelle operaie, era il 1895, regalate all’eternità dal cinema, quando tutto stava cambiando, anche il mondo di Proust. E la mostra regala anche il senso di quel tempo, caduca umanità in cerca di sé stessa, perennemente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved