ripresa-parita-di-genere-sinergie-il-cinema-secondo-berset
In piazza (ma senza panama) foto: Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
4 ore

Giornate di Soletta, ‘Wet Sand’ e gli altri vincitori

Un festival di storie intime, autentiche, raccontate nei tanti documentari in gara, e i premi hanno confermato questo trend.
La recensione
6 ore

Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’

Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.
Jazz Cat Club
11 ore

Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz

Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
11 ore

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
19 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
1 gior

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
1 gior

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
1 gior

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
1 gior

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
1 gior

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
1 gior

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
Società
1 gior

Scagionata dopo aver baciato Richard Gere

L’attrice di Bollywood era accusata di oscenità e indecenza. Il gesto aveva scatenato la furia di gruppi radicali indù.
Spettacoli
1 gior

Premi del cinema svizzero, favorito ‘Soul of a Beast’

Otto candidature per il film di Lorenz Merz, in concorso al Festival di Locarno. Sei nomination per ‘La Mif’ di Frédéric Baillif
05.08.2021 - 14:390
Aggiornamento : 17:25

Ripresa, parità di genere, sinergie: il cinema secondo Berset

Parentesi festivaliera per il consigliere federale, a Locarno per lodare un Festival tornato nella sua piazza e per parlare del futuro del settore cinematografico

di B.D.

Nella Locarno74 glamour del tappeto rosso, il panama di Alain Berset fa la sua parte. Con l’amato copricapo, lasciato in custodia poco prima di cominciare, il consigliere federale si presenta di giovedì mattina al Palacinema per parlare di ripresa, collaborazioni internazionali e parità di genere nel cinema svizzero. Con lui, Isabelle Chassot, direttrice dell’Ufficio federale della cultura (Ufc) e Ivo Kummer, a capo della divisione cinema dell’Ufc. E le prime parole di Berset sono «flessibilità», «reattività», «abnegazione, in un settore toccato più di altri dalla pandemia», con riferimento a un evento, il Locarno Film Festival, la cui piazza ritrovata è un segnale al quale tutti guardano, ma che non nasconde il problema: «Non so voi come l’avete vissuta – sottolinea – ma abbiamo perduto l’abitudine di frequentare regolarmente le sale. Ora è necessario riprendere il passo. Le sale ma anche i festival, che l’emergenza ha reso sempre più diversificati nella propria offerta». Compito della Confederazione, in questo senso, «vegliare sull’evoluzione, farsi garante della conservazione del valore culturale e responsabile nel garantire forza e diversità». Ma «compito anche delle regioni e delle città», per una ripresa che sarà «una questione non da poco» per tutto il settore cinematografico.

‘Inshallah’

Berset e Chassot condividono il riepilogo di un anno e mezzo d’incertezza, così come quello delle misure economiche messe in atto, e insieme l’auspicio per un sostegno che possa proseguire al di là del 31 dicembre 2021, laddove è attualmente fissato il termine. Chassot, in particolare, ricorda le 25mila richieste di sostegno evase su 30mila ricevute, pagate con parte di quei 360 milioni di franchi destinati alla cultura, «la prima a essere stata colpita dalla crisi e l’ultima che dalla crisi uscirà», ricorda la direttrice dell’Ufc. Da Kummer, l’auspicio per un consolidamento del cinema sui canali digitali, a integrazione di un cinema in presenza. Digitalizzazione come sfida per il settore cinematografico svizzero che dovrà ritagliarsi un posto in ambiti di grande concorrenza internazionale, derivante da film la cui uscita è stata posticipata. In quest’ottica è da vedersi il sostegno da parte dell’Ufc a dieci film svizzeri in sala e su piattaforme on demand, e la campagna ‘Back to the Cinema’, finanziata insieme a Pro Cinema. L’evoluzione digitale sottolinea l’importanza di estendere alle piattaforme di diffusione online l’obbligo d'investire nella produzione nazionale, così come vale per le emittenti regionali. In questo senso, Kummer annuncia che il dossier tornerà in Parlamento in autunno, per risultati da attendersi entro un anno. Il conclusivo suo «Inshallah» riassume l'auspicio. 

Sfide, internazionali e di genere

Ulteriore oggetto dell’incontro, la sfida delle collaborazioni internazionali, da consolidare malgrado il mancato accordo quadro con l’Unione Europea nella direzione del programma Media. Da Berset, le rassicurazioni per il disporre, la Svizzera, di un sistema efficace grazie alle misure compensative in essere dal 2014, e di una strategia internazionale retta su accordi bilaterali di coproduzione (quella con il Canada è in fase di sottoscrizione).

La parità di genere, infine, con i risultati dello studio commissionato dall’Ufc, ora disponibili, dai quali emerge che rispetto al 2014, ne donne non sono più svantaggiate nella promozione cinematografica, fermo restando che in alcuni settori primari – regia, sceneggiatura, recitazione – ricevono salari inferiori ai colleghi uomini. A colpire è il dato dei protagonisti di fiction, che nella fascia oltre i 40 anni vede gli attori in numero quasi doppio rispetto alle attrici. Lo studio rileva, ma propone anche soluzioni: migliorare le condizioni di lavoro, affrontare il problema della disparità salariale, agevolare la conciliabilità tra lavoro e famiglia, oltre a dare atto compiuto alle misure di sensibilizzazione già introdotte.


Al Palacinema, con Isabelle Chassot, direttrice dell’Ufficio federale della cultura (Ufc) e Ivo Kummer, a capo della divisione cinema dell’Ufc (Keystone)

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved