PIGOSSI L./STEFANI L.
0
BENCIC B./GOLUBIC V.
1
2 set
(5-7 : 2-4)
SIEGEMUND L./KRAWIETZ K.
0
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
0
1 set
(1-5)
il-viaggio-di-un-giovane-ticinese-in-unione-sovietica
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
2 ore

Fiabe, leggende e racconti del Grigionitaliano in un calendario

È il ‘Calendario d’Artista 2022’, mostra che s'inaugura sabato 31 luglio alle 16 alla Galleria Spazio28 arte contemporanea di San Bernardino
Culture
3 ore

Fazioli e Bernasconi dietro le vetrine di Paradeplatz

Per un anno i due autori sono andati a Zurigo per raccontare di un luogo andando al di là della faccia abusata delle cose
Culture
3 ore

Addio a Roberto Calasso, l'editore di Adelphi

Nato a Firenze nel 1941, lo scrittore ed editore aveva da poco compiuto ottant'anni ed era malato da tempo
Società
17 ore

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Culture
20 ore

Andri Snær Magnason ospite di ChiassoLetteraria

È l'ospite d'eccezione che completa la programmazione della 15esima edizione, in programma dal primo al 5 settembre 2021 e dal titolo ‘Pianeta Proibito’. 
Società
20 ore

Fine risorse naturali: il 29 luglio è l'Earth Overshoot Day

L'anno scorso fu il 22 agosto; nel 1970, il 29 dicembre. Da domani, giovedì 29 luglio, il pianeta va in credito sulle risorse dell'anno successivo
Cinema
21 ore

Festival Film Friburgo post-pandemia: 'Più forti: ora il futuro'

È l'attitudine che accomuna il presidente Mathieu Fleury e il direttore artistico Thierry Jobin, con gli occhi alla 36esima edizione, dal 18 al 27 marzo 2022
Società
23 ore

Linguaggio di genere: alla Srf segni speciali solo per giovani

Formulazioni quali "Parlamentarier:innen" e "Politiker:innen" saranno usate solo laddove ci si rivolga a un pubblico giovane, più abituato al linguaggio di genere
Musica
1 gior

Addio a Joey Jordison, co-fondatore degli Slipknot

Nel 2013, batterista e band presero strade diverse. Dopo la separazione, Jordison annunciò di avere un disturbo del sistema nervoso
Cinema
1 gior

Da Universal 400 milioni di dollari per un nuovo 'Esorcista'

Ellen Burstyn, candidata all'Oscar nel 1973, torna nel ruolo di Chris MacNeil. Non è un remake, piuttosto un seguito. E nessuno ha chiamato Linda Blair...
LongLake Festival
1 gior

Zappa Quartet, Through Sound, Broggini & Friends. E anche Dante

Da stasera con la BandaDante, spettacolo-omaggio al Sommo Poeta, fino a una domenica primo agosto di classica e musica irish
Ticino Musica
1 gior

Il 'Concerto al tramonto', la prima di Massagno (e il resto)

Venticinquesima edizione al rush finale: Animato Kwartet a Monte Carasso; a Massagno l'omaggio a Sofia Gubaidulina
Culture
12.06.2021 - 12:550

Il viaggio di un giovane ticinese in Unione Sovietica

Lo scrittore Marco Fantuzzi ripercorre, partendo da un suo diario ritrovato, un soggiorno di gioventù nella Russia comunista

A inseguire l'utopico miraggio, negli anni caldi della sua prima gioventù, è lo scrittore ticinese Marco Fantuzzi, laureatosi in letteratura italiana a Friborgo e per lunghi anni docente all'École de traduction et d'interprétation dell'Università di Ginevra. Autore di diverse opere di narrativa, scopre tra gli scaffali della sua cantina un vecchio quaderno nel quale aveva annotato gli appunti di un viaggio in Russia. Ne nasce l'ultimo suo libro, nel luglio scorso, dal titolo ‘Diario d'aldilà -URSS 1976’ (Armando Dadò editore, prefazione di Alessandro Martini).

A prima vista potrebbe anche apparire come il ricupero nostalgico di un'epoca lontana, un uscire tardivamente allo scoperto con la pretesa che un vissuto cosi personale e datato potesse in qualche modo suscitare interesse ai giorni nostri. Mettersi poi nell'impresa di farne un libro, peggio che andar di notte. Eppure, la determinazione e le indubbie qualità letterarie del Fantuzzi hanno avuto ragione: il libro è uscito e ha colto nel segno. Quelle 28 paginette di diario, altrettanti sono stati i giorni di permanenza in Russia, da un lato danno prova di una grande autenticità e trasparenza nel riferire, dall'altra permettono all'autore di fare il punto sulle scelte esistenziali e politiche di tutta una vita. Il soggiorno moscovita, per il trentenne militante comunista, è stato, come ne accenna lui stesso, una sorta di apprendistato, di insegnamento e di addestramento alla vita sociale, ma nello stesso tempo un'occasione unica per evidenziare problematiche e dinamiche che poi hanno visto implodere l'intero sistema sovietico.Ah quei compagni di viaggio culturalmente sprovveduti che guardavano alla realtà sovietica in modo acritico e fideistico… un rimprovero indiretto di Fantuzzi a coloro che non avevano avvertito “l'atroce afrore di cavolo bollito, aleggiante ovunque o l'arrogante dirigenza sovietica di allora, o le certezze granitiche sbandierate nei corsi di marxismo-leninismo o ancora, la visita alla fabbrica di automobili moscovita, dove gli operai bevevano, fumavano e giocavano tranquillamente a carte“. Sono solo alcune delle esternazioni divertite di qualcuno che, nelle note scarne di un quaderno di appunti, ha voluto passare al setaccio le proprie convinzioni politiche per provarne la consistenza, così in contro-tendenza rispetto a quell'individualismo piccolo borghese in cui era cresciuto. Non a caso il nostro amerà definirsi, nei suoi commenti alle note raccolte, un giovane esploratore che decide di andare nell'aldilà per una missione politico-formativa comandata. Probabilmente più comandata da sè stesso che dal partito.

Nel riportare fatti e situazioni in un documento di prima mano, Fantuzzi non esita a riconoscere in quel misterioso universo ancora molto da scoprire. Forse perché mosso da una sorta di infatuazione del momento cui dare consistenza ? O forse perché, dall'intera parabola sovietica vissuta allora in preda a troppo facili entusiasmi giovanili, un giudizio negativo a posteriori sarebbe risultato fin troppo incoerente? Di certo, come riconoscerà lo stesso autore, da allora “sono successe tante cose, grandi e piccole, personali e collettive, che hanno contribuito a far scivolare in secondo piano il ricordo di quella nostra lontana estate moscovita”. Guardandola a distanza di anni e sottoponendola a una “revisione“ critica, si può ben dire che fosse l'avventura di una credenza che si pretendeva scientifica, razionale e laica e fu infatti, Lenin permettendo, la grande religione moderna della salvezza terrestre a fare da sfondo. Quanto può apparire significativa, in questo contesto, la descrizione della Piazza Rossa, per l'appunto rossa, e la rituale enfatica sfilata davanti alla teca di vetro con le spoglie mortali del “grand embaumé“, il grande imbalsamato Lenin, con ironia dissacratoria! Nell'arrogante dirigenza sovietica di allora che ha finito per perdere il treno, si riflette, purtroppo, la Russia putiniana di oggi, con spazi di vera partecipazione sempre più ridotti, con una manipolazione scientifica di massa e una lotta di classe che non è scomparsa ma ha solo cambiato nome. Nel capitolo conclusivo del suo Aldilà, Fantuzzi stigmatizza con forza e con altrettanto palpabile sconforto, l'imbarbarimento culturale, la volgarità, la cultura dell'odio e la sopraffazione diventati, purtroppo, fattori di scollamento comuni tanto all'aldilà che all'aldiqua di quella che un tempo era chiamata cortina di ferro.

© Regiopress, All rights reserved