paolo-di-stefano-noi-capriccioso-melange-di-tante-vite
Paolo Di Stefano (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
3 ore

Bernasconi e Fazioli a Paradeplatz, tra narrazione e poesia

‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli), Yari Bernasconi e Andrea Fazioli nelle 'piazze delle banche'. Dal 12 aprile
Cinema
4 ore

‘Nomadland’ di Chloe Zhao premiato dai registi americani

L'opera della regista cinese vince anche i 73esimi Directors Guild of America, buon indicatore delle possibilità di un film di vincere l'Oscar per il miglior regista
Musica
17 ore

Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)

Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...
Culture
21 ore

La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi

Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Spazio Officina Chiasso
1 gior

Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte

Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore
Società
1 gior

Era il Principe Filippo, sempre un passo indietro (anche due)

È 'spirato pacificamente', quasi centenario. Di lui restano gli otto giorni di lutto, le gaffe e il gossip, che da quelle parti regna più sovrano dei sovrani.
Rsi
1 gior

‘I colori della mia terra’, Weick racconta Loredana Müller

Il documentario di Werner Weick, ritratto professionale e artistico, va in onda domenica 11 aprile su La1 per Portrait, con inizio alle 9.30.
Arte
1 gior

‘Stanza con animali’, Sandra Snozzi alla Galleria Job

Nei locali di via Borgetto 10 a Giubiasco, le creature in carta dell'artista ticinese. Fino al 24 aprile.
Culture
1 gior

Locarno, l'abbigliamento dei romani in Biblioteca (virtuale)

Mercoledì 14 aprile alle 18, in streaming, all'interno di Realia: aspetti di vita pratica nel mondo greco-romano', l'indagine condotta da Elisabetta Gagetti
Spettacoli
1 gior

Morto il rapper DMX, era in coma per overdose

Il rapper, 50enne, era stato ricoverato lo scorso 2 aprile per un attacco di cuore, conseguenza di un'overdose
Scienze
1 gior

Un apparecchio fitness per malati di Alzheimer

Uno spin-off dell'Eth di Zurigo ha sviluppato uno speciale dispositivo la cui efficacia è stata dimostrata da uno studio.
Covid e Cultura
1 gior

'Freelance inclusi, una conquista. Ora si attende di ripartire'

A colloquio Cristina Galbiati, membro di t. (Professionisti dello spettacolo Svizzera) sulle modifiche all'Ordinanza Covid-19 Cultura e sulla 'Taskforce'
Spettacoli
1 gior

Prince, rivive il genio di Minneapolis: album di inediti a luglio

'Welcome 2 America' contiene 12 brani incisi nel 2010, parte del tesoretto contenuto nella cassaforte dello studio di Prince a Minneapolis
Culture
1 gior

Milena Folletti dice addio alla Rsi

Lascia l'azienda per affrontare nuove opportunità professionali, dopo 33 anni ininterrotti. Il ringraziamento congiunto di Rsi e Ssr
Gallery
Culture
1 gior

‘Queer’, la diversità di genere è in mostra a Berna

Sono molti gli esempi di fluidità di genere e il Museo di storia naturale vi dedica una eposizione lunga un anno
Video
Culture
2 gior

Gran Premio svizzero d’arte a Descombes, Eppstein e Suter

L'architetto, la curatrice e l'artista destinatari del riconoscimento, consegnato a Basilea il 20 settembre prossimo insieme ai Premi svizzeri d'arte
Lac
2 gior

Condemi, lavoro registico tra linguaggio, spazio e sguardo

Per Lingua Madre, le ‘capsule per il futuro’ del Lac, la terza parte sarà online sabato 10 aprile dalle 9. A colloquio con il regista.
Libri
20.02.2021 - 15:420

Paolo Di Stefano: 'Noi, capriccioso mélange di tante vite'

La Sicilia, la Svizzera, il Canton Ticino dell'emigrazione, Milano: frammenti di storia del Novecento in un romanzo che scava nel senso delle proprie origini.

Noi (Bompiani, p.598, €22), di Paolo Di Stefano, è un ampio romanzo in cui l’autore, narrando in prima persona, scava nel senso delle proprie origini, addentrandosi in una memoria complessa e vasta, che va ben più indietro rispetto alla propria nascita, e che coinvolge figure familiari in una straordinaria serie di situazioni, legate alle storie personali dentro eventi della Storia del Novecento. I luoghi sono la Sicilia, la cittadina di Avola, dove lo stesso scrittore è nato nel 1956, e la Svizzera, il Canton Ticino dell’emigrazione, e poi Milano. I tempi ci portano al Ventennio fascista e allo sbarco alleato, per muovere poi più avanti le vicende, dove i personaggi vengono a popolare un aperto e molteplice affresco in cui il lettore può farsi agevolmente trasportare. Il tutto nel pregio di una scrittura raffinata e sempre sensibilmente attenta al dato concreto, in grado di trattenere il lettore negli innumerevoli rivoli del suo fluire. Ma abbiamo chiesto all’autore di meglio introdurci nelle varie motivazioni che ne hanno guidato l’opera.

L’importanza delle origini, la loro dimensione, peraltro, aperta e cangiante, varia e mutante, domina questo ampio romanzo. Ma oltre i ricordi e le indagini sul passato, sui personaggi familiari, quanto l’autore che raccoglie tutte queste sparse eredità, sente in sé, dentro di sé, di poter riconoscere?

Molto, forse tutto. Il romanzo non è solo il frutto di una ricerca nella vita degli altri, sia pure vicini o familiari, ma è il risultato di una progressiva e lenta immersione dell’autore dentro sé stesso: e il riconoscimento che la vita degli altri appartiene alla sua. Anzi è materia della sua stessa vita, addirittura è la sua vita. La rivelazione più straordinaria, dopo questo lungo lavoro, è la somiglianza inattesa rispetto a mio padre. Nel corso di tutta la narrazione affiora sempre una presa di distanza e il riconoscimento di una inevitabile vicinanza. Ci sono zii, nonni, nonne, madri, padri, fratelli, cugini, cugine, figli, amici, amiche: una folla di personaggi che finiscono per comporre il patchwork di una sola vita e di una personalità. Ho sempre pensato che siamo il capriccioso mélange di tante vite, nascite e morti, il loro prolungamento.

Vari sono i luoghi, dalla Sicilia alla Svizzera, in cui si svolgono le diverse vicende familiari. Sei d’accordo sul fatto che gli incroci di realtà e culture diverse creino intrecci di energie capaci di produrre identità più ricche e felicemente complesse?

Certo. A volte questo si verifica con disagio e/o con dolore, a volte i contatti producono solo conflitti, ma capita che dai conflitti nascano esperienze, consapevolezze e alla fine energie nuove. Per quanto mi riguarda, ho vissuto in modo perplesso sia la mia sicilianità sia la mia ticinesità (sono arrivato in Svizzera quando avevo 7 anni). Si viveva sdoppiati, certo: il siciliano entro le mura domestiche, lo svizzero fuori casa… La soluzione poteva non avvenire, invece è avvenuta ed è stata una imprevista ricchezza che mi permette di sentirmi noi.

Luoghi e tempi storici diversi e questi ultimi molto rilevanti, vista la presenza del tempo del fascismo e della guerra. Quanto pesa, secondo te, la Storia con la esse maiuscola sulle vicende dei soggetti?

Incontrando molti vecchi per sentirli parlare di come hanno vissuto certi momenti della grande Storia, mi sono stupito dell’inconsapevolezza. Per esempio, ascoltando certi racconti, lo sbarco in Sicilia sembra che sia stato vissuto senza la coscienza di essere dentro la Storia: sentivano che stava accadendo qualcosa di strano, con tutti quei carrarmati e quei soldati neri che arrivavano in paese, ma niente di più. È come se la S maiuscola fosse solo destinata ai libri di storia, ma anche la tragedia viene vissuta dalla gente come un presente da subire o da affrontare come una quotidianità. Il senso dell’epica viene sempre dopo, nel racconto a posteriori, con la distanza.

Oggi si parla molto di auto/fiction. Secondo me il tuo romanzo non appartiene a questo genere, a mio parere abusato, ma va oltre, è un aperto insieme, ricco di circostanze, in cui non importa se il soggetto narrante racconti una realtà davvero reale, come credo sia, o crei una efficacemente realistica verità narrativa e poetica.

In effetti, scrivendo mi sono chiesto tante volte che cosa stessi facendo, per capire meglio le ragioni della strana forma che stava prendendo il libro. La risposta non l’ho trovata, ma ho capito che ogni onesta biografia o autobiografia, anche molto documentata, se vuole avvicinarsi alla verità è sempre in varia misura un’invenzione. Non si può prescindere dall’immaginazione. D’altra parte, se è vero che anche i racconti fantastici sono emanazione di un autore, forse non facciamo che scrivere autofiction.

A proposito di poesia, ci sono intermezzi in versi tra i vari episodi. Una sorta d'interno fil rouge (sono testi anche stampati in rosso) che percorre la narrazione. Abbiamo dunque cronaca, invenzione narrativa e poesia. Ti muovi nell’idea di un superamento dei generi?

Non credo che si tratti di poesia, sono macchie rosse come il sangue malato di mio fratello, una voce postuma che gocciola e alla fine dilaga nella pagina, cioè nella narrazione e nella vita mia e nostra. Mi piaceva questa compresenza di voci, più che un superamento dei generi cercavo un superamento della voce singolare.

Nei molti episodi raccontati si evidenzia una viva concretezza anche nel dettaglio còlto dalla quotidianità. Forse il senso profondo dell’esistere e delle cose è più autenticamente rivelato e accessibile nella stessa apparente minuzia del reale, che nell’emergere esplicito dei cosiddetti grandi temi (che in Noi hanno comunque una presenza di forte sostanza). Sei d’accordo?

Sì, sono d’accordo, Noi è anche il risultato di un’ossessione (filologica) per i dettagli che si trovano nei documenti, nelle fotografie, nelle lettere, nelle voci che ricordano e raccontano.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved