camilleri-il-cordoglio-e-l-impegno
Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
7 min

Addio ad Antonio Pelli, voce di ‘Domenica popolare’

Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Culture
5 ore

Ultimi giorni di ‘Villi Hermann: in viaggio con la fotografia’

Gli inediti scatti del cineasta ticinese sono esposti fino al 29 maggio alla Casa Rotonda di Casserio, sede dell’Archivio Donetta in Valle di Blenio
Culture
6 ore

Compagnia Finzi Pasca, il laboratorio poi l’incontro

Con Maria Bonzanigo, dal 6 al 10 luglio un laboratorio pratico sul gesto invisibile tra coreografia, teatro e musica; il 16 luglio l’incontro-conferenza
Culture
6 ore

Bob Dylan ha registrato una nuova ‘Blowing in The Wind’

Sarà incisa su di un unico esemplare in alluminio ricoperto di lacca, all’asta da Christie’s a Londra il 7 luglio. La stima: 600mila dollari/1 milione
Spettacoli
7 ore

È morto il batterista degli Yes Alan White

Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
11 ore

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
18 ore

Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher

Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Spettacoli
19 ore

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Sulla croisette
20 ore

Cannes, Elvis e gli altri

Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
20 ore

Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu

Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
21 ore

Il massimo di diversità nel minimo spazio

‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
21 ore

È morto l’attore Ray Liotta

Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Danza contemporanea
1 gior

Lugano Dance Project si prepara al venerdì di ‘Fables’

Si inizia alle 11 con Cristina Kristal Rizzo; alle 21 la nuova creazione della coreografa canadese Virginie Brunelle
17.07.2019 - 15:19

Camilleri, il cordoglio e l'impegno

Sospese per lutto le riprese di Montalbano. Messaggi da parte di Zingaretti, Salvini, la polizia di Stato e Fabio Fazio che ne ricorda il coraggio di schierarsi

di Ats/Red

Si moltiplicano, le manifestazioni di cordoglio per la morte di Andrea Camilleri. E se sui social c'è chi si vanta di non averlo mai letto e chi non gli perdona l'impegno politico e sociale, arrivano attestazioni di stima anche inaspettate, come quella di Matteo Salvini, ministro dell'Interno spesso attaccato dallo scrittore siciliano.
"La cultura italiana e la letteratura contemporanea perdono una colonna portante. Il nostro addio al maestro Camilleri è pieno di riconoscenza, per lo sguardo lucido sulla realtà, lo spirito critico e la capacità di parlare a tutti indistintamente. Grazie Maestro!", si legge invece in una nota dei deputati del Movimento 5 Stelle in commissione cultura. Un ricordo arriva anche a parte della polizia, che ha twittato: "un affettuoso arrivederci ad Andrea Camilleri. Il Commissario Montalbano ha svelato tanto del nostro lavoro mettendo in luce l'umanità dei poliziotti sempre al servizio delle comunità. Ci mancherà Maestro".

"Adesso te ne vai e mi lasci con un senso incolmabile di vuoto, ma so che ogni volta che dirò, anche da solo, nella mia testa, 'Montalbano sono!' dovunque te ne sia andato sorriderai sornione, magari fumandoti una sigaretta e facendomi l'occhiolino in segno di intesa, come l'ultima volta che ci siamo visti a Siracusa. Addio maestro e amico, la terra ti sia lieve! Tuo Luca". È il saluto commosso, affidato a un lungo post su Instagram, di Luca Zingaretti, volto di Montalbano in tv, allo scrittore Andrea Camilleri.
E per lutto sono pure state interrotte le riprese della fiction, in corso in provincia di Ragusa. Oggi la troupe si trovava a Scicli per le riprese di alcune scene, ma appena è arrivata la notizia della morte di Andrea Camilleri si è deciso di sospendere i nuovi "ciak" in segno di lutto.

Fabio Fazio: un punto di riferimento

"Per me Andrea Camilleri era un punto di riferimento vero: sapeva sempre indicare la direzione giusta, come un faro". Fabio Fazio sceglie con misura e attenzione le parole per rendere omaggio allo scrittore, che ha ospitato in diverse occasioni a Che tempo che fa, l'ultima lo scorso febbraio, in una delle ultime apparizioni televisive del papà di Montalbano.

"Ho avuto la fortuna di avere con Camilleri diversi incontri di lavoro, fra noi si era creato un rapporto di affetto reciproco e sincero", racconta Fazio all'ANSA. "Era una persona preziosa, che attribuiva alle parole un significato intenso, profondo, perché evidentemente ne conosceva la potenza. Avendo avuto una vita così straordinaria, per incontri e per sorte, riusciva sempre a offrire un punto di vista di straordinaria efficacia sulle cose, che arrivava anche dall'essere sempre diretto, di onestà intellettuale assoluta. E quando si è coraggiosi e non si ha paura di dire ciò che si pensa, specie se ha a che fare con gli aspetti più profondi e irrinunciabili dell'umanità, si è addirittura indispensabili".
Ecco perché, sottolinea il conduttore, "sapevamo che quando Camilleri interveniva in trasmissione, avremmo sempre avuto una sorpresa, ci avrebbe regalato qualcosa di impensabile, impensato, originale, e quindi avremmo potuto sempre imparare qualcosa dai suoi episodi, dai suoi racconti e dalla saggezza che derivava dal conoscere così profondamente gli uomini. Del resto i suoi romanzi raccontano proprio gli uomini". La "lezione" del maestro Camilleri più cara a Fazio "è proprio la consapevolezza che non si può mediare rispetto ai principi, che non si può recedere per convenienza o per prudenza rispetto ai valori che sono l'esito secolare di una civiltà, bisogna schierarsi".
Con la scomparsa di Camilleri, aggiunge Fazio, "davvero ci manca un punto di riferimento fondamentale, ci sentiamo disorientati. E c'è anche la solitudine che deriva dalla mancanza di un grande scrittore, il più letto in Italia. Una volta, a Che tempo che fa, Umberto Eco spiegò che è sempre discutibile la veridicità delle cose, la distinzione tra ciò che è vero e ciò che è falso, ma se dico che Sandokan è innamorato della perla di Labuan è vero: la letteratura, per paradosso, costruisce una verità indiscutibile. Questo vale per i grandi scrittori e vale per Camilleri. Oggi agli appassionati di letteratura manca l'architetto di questo grande mondo che lo scrittore era riuscito a costruire".

Anni fa Fazio era stato a casa di Camilleri, "per una lunga e bellissima intervista nel suo studio. Ricordo tutti quei libri, ordinati uno a uno. E mi piace citare il suo ultimo 'La casina di campagna', edito da Henry Beyle, prezioso e meraviglioso editore di libri raffinatissimi: lo consiglio, è davvero bellissimo".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved