laRegione
Nuovo abbonamento
Quartacinaria (© laRegione)
ULTIME NOTIZIE Culture
Ritratti
17 ore
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
17 ore
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
1 gior
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
1 gior
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Arte
1 gior
I premi svizzeri d'arte e di design 2020
Il Prix Meret Oppenheim è andato a Marc Bauer, Koyo Kouch e la coppia Barbara Buser e Eric Honegger
Scienze
1 gior
L'eccezione diventa la regola
Le estati ritenute 'estreme' sino a trent'anni fa sono ormai la norma
Scienze
1 gior
Un buco nero insaziabile
Il 'cannibale cosmico' scoperto nel 2018 al centro della galassia J2157 è più grande e vorace del previsto
Culture
2 gior
Secondo 'Strega' per Sandro Veronesi
Già dato per superfavorito, come nel 2006 lo scrittore toscano sbanca il Premio con 'Il colibrì'
Spettacoli
2 gior
Due produzioni del Lac alla Biennale
‘Bye Bye…’ di Alessio Maria Romano e ‘I Cenci’ di Giorgio Battistelli in scena a Venezia a settembre
Spettacoli
2 gior
Amanda Sandrelli a Chiasso sabato anziché venerdì
Rinviato di un giorno a causa del maltempo ‘Alfonsina y el mar: storia di tango e passioni’, a Chiasso per la rassegna Voci e Not(t)e
Spettacoli
2 gior
Festival, una Locarno 2020 non solo virtuale
Edizione ibrida: oltre all'online vi saranno proiezioni in tre sale, con tanto di "appuntamento al buio" con la direttrice Lili Hinstin
Culture
2 gior
Rsi dopo-Canetta, abbiamo un concorso
Pubblicato il bando per il nuovo direttore della Rsi. Pedrazzini: cerchiamo una persona in grado di guidare l'azienda in tempi difficili
Castellinaria
21.11.2019 - 10:140

4ªC Chiasso, inviati speciali: 'Il cinema? Praticamente magia'

Si alzano alle 7, in tempo per il primo film della giornata. ‘Arrivi a sera stravolto, ma non c’è il tempo di annoiarsi’. Ana Sofia e Cristina, a nome di tutti

“Mi sono innamorata! Sì, mi sono innamorata del protagonista de ‘I segreti del mestiere’ da quando l’ho visto salire sul palco. Sospiro... e ora passiamo al film” (Rosa, lunedì 18).

Apriamo con la statistica, e cioè che alla componente femminile della 4ªC delle Medie di Chiasso è rimasto nel cuore Massimiliano Motta, il Samuel del film del ticinese Andreas Maciocci. Lo si legge sulle pagine di Instagram e Facebook sulle quali gli allievi di Alessandra Pasquin e Loris Viviani postano, da lunedì scorso, il frutto di una settimana da inviati speciali a Castellinaria. Inviati di quelli seri, che pernottano a Bellinzona e di giorno producono videointerviste ai protagonisti e alla gente in sala e recensioni dei film, con impegno e orari da redazione locale sotto stress.

‘Tanta fame. Difficile scrivere se la pancia brontola ma, ahimè ‘me tocca’ (Nero, lunedì 18)

L’entusiasmo per il bello di turno, che rende felici i produttori, è soltanto la più divertente delle emozioni raccolte dai ragazzi del Mendrisiotto in trasferta nella casa del Festival del cinema giovane. A rappresentarli, nel pomeriggio di ieri per l’incontro con ‘laRegione’ c’erano Ana Sofia e Cristina, concordi sul fatto che stanno tutti «molto bene e se anche arrivi a sera stravolto, non c’è il tempo di annoiarsi».

In piedi alle 7, il tempo di truccarsi («Tre quarti d’ora almeno») e c’è la colazione; chi non segue le programmazioni mattutine si occupa di sparecchiare, chi guarda i film del mattino non recensisce quello della sera; divisi in due gruppi per coprire l’intera proposta, curano il girato ‘dal produttore al consumatore’, compreso l’editing video di quanto è online dopo le proiezioni. «È una maniera di pubblicare in modo un po’ diverso dal solito – dice Cristina a proposito delle due pagine social – perché non tutti quelli della nostra età postano recensioni. È anche un modo per far capire che se ne può fare un uso diverso».

‘Cercherò di ricordarmi di non cambiare MAI per nessuno’ (Cosmopolitan, mercoledì 20)

Sono per ora ‘Fight girl’ di Johan Timmers – «Insegna a seguire un obiettivo, ad arrivare fino in fondo alle cose», dice Ana Sofia – e soprattutto ‘Woman’ di Anastasia Mikova e Yann Arthus-Bertrand a strappare consensi (“Cercherò di ricordarmi di non cambiare MAI per nessuno, essere sempre me stessa e non aver paura di non essere accettata” (Cosmopolitan, mercoledì 20). Cristina: «Se devo scegliere un tema, scelgo i diritti delle donne. In ‘Woman’ ti ci immedesimi. Oggi qualcosa sta succedendo, ma c’è da migliorare. Il potere di decidere, in molte culture, è ancora minacciato. E abbiamo apprezzato anche ‘My name is Sara’».

‘E adesso, finalmente, posso andare a prendere il telefono’ (Nero, lunedì 18)

Tra i giovani critici che escono dalla sala c’è anche, evidentemente, a chi è mancato il natel (vedi poco sopra). Parla Cristina, a nome della categoria: «Sì, facciamo un uso esagerato del telefono, lo ammetto. È giusto approfittare di questa esperienza per staccarsene un po’. Però è l’era della tecnologia e tante cose si fanno con questi». Messaggio agli adulti: non è il caso di infierire.

Strappiamo al silenzio autoimposto Alessandra Pasquin: «Intanto, l’esperienza li confronta con il bello di collaborare per far funzionare la macchina e il bello di fare fatica: la recensione, l’intervista montata, sono gratificanti. Grazie a Castellinaria, poi, i ragazzi vedono opere che forse non avrebbero scelto di vedere, film in cui l’offerta cinematografica non si cura di coinvolgerli. Come Ken Loach, per esempio. Perché il cinema non è solo supereroi, horror e film d’azione».

Non perde fascino, la settima arte. Cristina: «Puoi entrare in più storie, in più vite, e inizi a farne parte». Ana Sofia: «Io guardo molto negli occhi degli attori. Lo sguardo dice tutto di quello che sta succedendo». Insomma: «Il cinema è magia». Qualcuno la pensa diversamente?

p.s.
Su Facebook: Quartacinaria Chiasso); su Instagram: 4c_in_aria_

© Regiopress, All rights reserved