laRegione
4-c-chiasso-inviati-speciali-il-cinema-praticamente-magia
Quartacinaria (© laRegione)
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
13 ore

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
14 ore

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
1 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
1 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
1 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
2 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
2 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
2 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
2 gior

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Castellinaria
21.11.2019 - 10:140

4ªC Chiasso, inviati speciali: 'Il cinema? Praticamente magia'

Si alzano alle 7, in tempo per il primo film della giornata. ‘Arrivi a sera stravolto, ma non c’è il tempo di annoiarsi’. Ana Sofia e Cristina, a nome di tutti

“Mi sono innamorata! Sì, mi sono innamorata del protagonista de ‘I segreti del mestiere’ da quando l’ho visto salire sul palco. Sospiro... e ora passiamo al film” (Rosa, lunedì 18).

Apriamo con la statistica, e cioè che alla componente femminile della 4ªC delle Medie di Chiasso è rimasto nel cuore Massimiliano Motta, il Samuel del film del ticinese Andreas Maciocci. Lo si legge sulle pagine di Instagram e Facebook sulle quali gli allievi di Alessandra Pasquin e Loris Viviani postano, da lunedì scorso, il frutto di una settimana da inviati speciali a Castellinaria. Inviati di quelli seri, che pernottano a Bellinzona e di giorno producono videointerviste ai protagonisti e alla gente in sala e recensioni dei film, con impegno e orari da redazione locale sotto stress.

‘Tanta fame. Difficile scrivere se la pancia brontola ma, ahimè ‘me tocca’ (Nero, lunedì 18)

L’entusiasmo per il bello di turno, che rende felici i produttori, è soltanto la più divertente delle emozioni raccolte dai ragazzi del Mendrisiotto in trasferta nella casa del Festival del cinema giovane. A rappresentarli, nel pomeriggio di ieri per l’incontro con ‘laRegione’ c’erano Ana Sofia e Cristina, concordi sul fatto che stanno tutti «molto bene e se anche arrivi a sera stravolto, non c’è il tempo di annoiarsi».

In piedi alle 7, il tempo di truccarsi («Tre quarti d’ora almeno») e c’è la colazione; chi non segue le programmazioni mattutine si occupa di sparecchiare, chi guarda i film del mattino non recensisce quello della sera; divisi in due gruppi per coprire l’intera proposta, curano il girato ‘dal produttore al consumatore’, compreso l’editing video di quanto è online dopo le proiezioni. «È una maniera di pubblicare in modo un po’ diverso dal solito – dice Cristina a proposito delle due pagine social – perché non tutti quelli della nostra età postano recensioni. È anche un modo per far capire che se ne può fare un uso diverso».

‘Cercherò di ricordarmi di non cambiare MAI per nessuno’ (Cosmopolitan, mercoledì 20)

Sono per ora ‘Fight girl’ di Johan Timmers – «Insegna a seguire un obiettivo, ad arrivare fino in fondo alle cose», dice Ana Sofia – e soprattutto ‘Woman’ di Anastasia Mikova e Yann Arthus-Bertrand a strappare consensi (“Cercherò di ricordarmi di non cambiare MAI per nessuno, essere sempre me stessa e non aver paura di non essere accettata” (Cosmopolitan, mercoledì 20). Cristina: «Se devo scegliere un tema, scelgo i diritti delle donne. In ‘Woman’ ti ci immedesimi. Oggi qualcosa sta succedendo, ma c’è da migliorare. Il potere di decidere, in molte culture, è ancora minacciato. E abbiamo apprezzato anche ‘My name is Sara’».

‘E adesso, finalmente, posso andare a prendere il telefono’ (Nero, lunedì 18)

Tra i giovani critici che escono dalla sala c’è anche, evidentemente, a chi è mancato il natel (vedi poco sopra). Parla Cristina, a nome della categoria: «Sì, facciamo un uso esagerato del telefono, lo ammetto. È giusto approfittare di questa esperienza per staccarsene un po’. Però è l’era della tecnologia e tante cose si fanno con questi». Messaggio agli adulti: non è il caso di infierire.

Strappiamo al silenzio autoimposto Alessandra Pasquin: «Intanto, l’esperienza li confronta con il bello di collaborare per far funzionare la macchina e il bello di fare fatica: la recensione, l’intervista montata, sono gratificanti. Grazie a Castellinaria, poi, i ragazzi vedono opere che forse non avrebbero scelto di vedere, film in cui l’offerta cinematografica non si cura di coinvolgerli. Come Ken Loach, per esempio. Perché il cinema non è solo supereroi, horror e film d’azione».

Non perde fascino, la settima arte. Cristina: «Puoi entrare in più storie, in più vite, e inizi a farne parte». Ana Sofia: «Io guardo molto negli occhi degli attori. Lo sguardo dice tutto di quello che sta succedendo». Insomma: «Il cinema è magia». Qualcuno la pensa diversamente?

p.s.
Su Facebook: Quartacinaria Chiasso); su Instagram: 4c_in_aria_

© Regiopress, All rights reserved