ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
1 ora

L’Orchestra della Svizzera romanda suonerà i Led Zeppelin

A curare gli arrangiamenti sarà il cantautore e produttore neozelandese Jaz Coleman, cantante della band britannica Killing Joke
Scienze
1 ora

San Francisco tassa le bibite zuccherate, calano i consumi

L’intento della ‘Soda Tax’ è quello di ridurre i casi di diabete e ipertensione e ha generato 15 milioni di entrate, impiegati in programmi salutari
Spettacoli
2 ore

Addio all’attrice Annie Wershing, star di ‘24’

Recitò anche in ‘Bosch’ e fu la regina dei Borg in ‘Star Trek’. È morta a soli 45 anni dopo due anni di battaglia contro il cancro
Spettacoli
2 ore

Sanremo 2023, ora i duetti sono ufficiali

Di venerdì a duettare con gli artisti in gara, tra gli altri, Eros Ramazzotti, Edoardo Bennato, Salmo, Arisa, Carla Bruni. L’elenco completo
Spettacoli
2 ore

È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams

L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Musica
3 ore

Il violoncello di Jean-Guihen Queyras in Auditorio con l’Osi

Il programma del terzo appuntamento della stagione allo Stelio Molo di Lugano, giovedì 2 febbraio, propone brani da Bach a Haydn e Ligeti
Scienze
4 ore

Il Covid resta un’emergenza internazionale

Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
Spettacoli
6 ore

La febbre del calcio con Stefano Accorsi al Lac è ‘Azul’

Lo spettacolo scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca arriva a Lugano con quattro rappresentazioni, da giovedì 2 a domenica 5 febbraio
fumetto
7 ore

Il fumettista svizzero Panchaud vincitore ad Angoulême

Grazie a ‘La Couleur des choses’, l’artista è stato premiato lo scorso fine settimana al 50esimo Festival international de la bande dessinée
concerto
8 ore

La mostra dedicata a Marcel Dupertuis chiude in musica

In occasione del finissage al Museo Vela di Ligornetto, domenica 12 febbraio, si esibirà il duo composto dall’arpista Ziveri e dal sassofonista Creola
L’intervista
13 ore

Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’

Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Culture
23 ore

‘Out of Me, Inside You’, Francesca Sproccati a Villa dei Cedri

Dal 10 al 12 febbraio, la performance semifinalista del Premio Schweiz 2020 e finalista del Premio svizzero della Performance 2022
Rassegna
1 gior

I documentari di ‘Ticino Archeofilm’, seconda edizione

Giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 febbraio, sette opere relative a grandi scoperte e a siti archeologici di fama internazionale. Al Lux di Massagno.
Scienze
1 gior

Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica

Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
1 gior

Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!

A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
1 gior

Justin Bieber vende diritti musicali per 200 milioni dollari

La star del pop ha firmato con Hipgnosis Songs Capital, sostenuta da Blackstone, e segna l’ennesima acquisizione di un catalogo musicale di successo
Video
Musica
1 gior

‘Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Musica
1 gior

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Mostra
23.11.2022 - 21:39

Djellza e Giovanna con le pigne in testa

Villa Florida ospita l’esposizione conclusiva del programma annuale Torte in cielo proposto da Sonnenstube. Vernice: 25 novembre

djellza-e-giovanna-con-le-pigne-in-testa
Sonnenstube
Fuori della Florida

Idee bizzarre e stravaganti, ragionamenti bislacchi: tanto significa l’espressione "avere le pigne in testa"; un modo di dire che ben s’azzecca al pensiero di chi guarda all’arte contemporanea senza cavarci il proverbiale ragno dal buco. Eppure le pigne – che nell’espressione sono sinonimo di bislaccheria – anche metaforiche, «sono in realtà un simbolo di buon auspicio, in quanto frutto di un albero sempreverde». ‘Le pigne in testa’ è il titolo dell’ultima mostra di ‘Torte in cielo’, programmazione 2022 di Sonnenstube. Protagoniste dell’esposizione curata da Giada Olivotto (suo il virgolettato di poco fa), che abiterà gli spazi di Villa Florida a Lugano, sono le due giovani artiste Djellza Azemi e Giovanna Belossi.

Dopo due anni di nomadismo Sonnenstube, l’offspace (ovvero uno spazio gestito e diretto da artisti, che spesso elude le strutture di centri d’arte pubblici, musei o gallerie commerciali e consente un programma più sperimentale) dedicato all’arte contemporanea, ha trovato casa (e che casa). Dai locali di una vecchia macelleria equina (dal 2013, dove arrivò anche Jozef van Wissem per una esibizione col liuto) alle sale in stile liberty di Villa Florida, che permette al collettivo «di lavorare con professionalità e serenità in uno spazio particolare e accogliente, all’interno del quale le artiste invitate possono – insieme al collettivo – pensare e concepire progetti specifici e unici», spiega la curatrice indipendente, che ha nei fenomeni comunitari e collettivi femministi i suoi principali ambiti di indagine. Fra gli altri, Olivotto è co-fondatrice del progetto La Fornace, di quello sonoro Canale Milva e dell’Associazione Acxsi. Numerosi anche i suoi progetti curatoriali, fra i recenti Palazzina#11; Fotoromanza; La Regionale; Plattform21. Con lei introduciamo la mostra.

La visita, le artiste

Il titolo della programmazione è preso in prestito da ‘La torta in cielo’, favola di Gianni Rodari del 1966 (uscita anche a puntate sul ‘Corriere dei piccoli’). Nella storia raccontata da Rodari, la torta è apparsa nel cielo di Roma «per caso e con sorpresa. Diversi eventi hanno scosso la nostra quotidianità nello scorso anno, sia localmente che globalmente. In questo racconto – che parla di educazione, libertà e tolleranze – una storia di ordinaria fantascienza riesce a deragliare in una sarabanda di gioiose invenzioni» chiarisce. Un fil-rouge quello rodariano che ha avvolto anche le esposizioni precedenti ‘Ce n’è e ce ne sarà per tutte’ (con Osama Alrayyan, Lula Broglio e Pietro Librizzi); ‘Il più bell’errore del mondo’ (con Francesco de Bernardi e Valentina Pini) e ‘Per scale e cortili’ (con Mattia Angelini ed Eleonora Maier).

La decisione di dedicare la mostra conclusiva della stagione al lavoro di Belossi e Azemi è motivata dalla ricerca e «dalle loro pratiche personali, che le vedono coinvolte nella realizzazione di opere d’arte legate al mondo degli oggetti del quotidiano. Entrambe lavorano molto sulla percezione materiale del mondo, creando narrazioni intorno a idee di trasmissione e trasgressione, da un punto di vista femminile», illustra la curatrice.

Ci attardiamo in una parentesi biografica. In ordine alfabetico, partiamo da Djellza Azemi, classe 1998, vive e lavora a Losanna, dopo aver conseguito il master alla European Art Ensemble nel 2022. «Il suo lavoro – racconta Olivotto – mette in discussione lo spazio poetico della casa e del rifugio. Attraverso sculture e oggetti trovati, crea narrazioni intorno a idee di trasmissione e trasgressione». Anche Giovanna Belossi, del Novanta, vive e lavora a Losanna. Si è diplomata all’Ecal in arti visive, conseguendo quindi un master alla Haute école d’art et de design di Ginevra, nel 2021. «Attraverso la sua pratica artistica realizza oggetti che, pur essendo eminentemente fisici, confondono la nostra percezione materiale del mondo, come le gocce di condensa sul retro di una finestra o i guanti fatti di carta di sigaretta che una semplice folata di vento potrebbe cancellare», annota la nostra interlocutrice.

Torniamo a Villa Florida e al concetto d’allestimento: «‘Le pigne in testa’ sarà un percorso fenomenologico (dove la conoscenza primaria avviene attraverso l’osservazione; ndr) che si svilupperà su due piani e raccoglierà un gruppo di opere realizzate per l’occasione, così come lavori precedenti di entrambe le artiste». Questo cammino, trasporterà il visitatore-osservatore in una pseudo dimensione domestica, anche per la sua estetica: «Avremo per esempio l’opera di Djellza ‘The act of letting someone into your home’ che con due caminetti posti uno sopra l’altro evoca il focolare, rendendo però impossibile percepirne il calore. Oppure ‘Fantasmi I’ di Giovanna, che ci trasporterà in un universo disturbante costruito grazie a un paio di pantaloni cuciti con centinaia di cartine per sigarette. Una proiezione tridimensionale di un pantalone che in realtà non esiste. Insieme a queste un’altra decina di opere ritrarranno un’atmosfera sospesa e inusuale nella quale però ci potremo sentire "a casa"», esemplifica Giada.

Ecco le informazioni di servizio: la villa aprirà i battenti venerdì 25 novembre, alle 18, per la vernice; l’esposizione sarà quindi visitabile da sabato 26 al 21 dicembre prossimo.

In veranda

In occasione di Art Basel, lo scorso anno Sonnenstube era stata insignita del Premio svizzero d’arte, per la categoria Critica, all’epoca era uno spazio itinerante, come scritto nei paragrafi iniziali, che ha abitato anche «edifici pubblici in disuso ottenuti temporaneamente grazie alla collaborazione con la Città di Lugano; oppure spazi indipendenti sparsi sul territorio nazionale; ciò è stato possibile anche alla Nada, una roulotte Tabbert 5000 Silver Edition del 1978», ricorda Olivotto.

Oggi, Sonnenstube è diretta da Giacomo Galletti (1993, curatore e stampatore), Giada Olivotto (1990, curatrice), Sandro Pianetti (1987, artista e interaction designer) Gabriel Stöckli (1991, artista) e Gianmaria Zanda (1985, artista e musicista).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved