addio-a-claes-oldenburg-scultore-del-quotidiano
1929-2022
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
37 min

Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso

Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
Locarno 75
11 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
12 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
13 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
14 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
14 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
14 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
14 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Fotografia
15 ore

Verzasca Foto Festival Off, le residenze si aprono

Mercoledì 10 agosto, la Casa della fotografia a Gordola ospita una serata di presentazione dei fotografi ospiti quest’estate della rassegna
18.07.2022 - 21:33
Aggiornamento: 21:51
Ansa, a cura di Red.Cultura

Addio a Claes Oldenburg, scultore del quotidiano

Affascinò New York alla fine dei Cinquanta con insegne stradali, spille da balia, mollette per i panni, hamburger e fette di torta (oversize)

Claes Oldenburg, artista pop nato in Svezia naturalizzato americano, è morto ieri nella sua casa/studio di Soho a Manhattan. Celebre per le sue sculture monumentali di oggetti quotidiani, Oldenburg aveva 93 anni e la sua salute era declinata da quando, un mese fa, era caduto rompendosi il femore. La galleria Pace, che lo rappresentava assieme a Paula Cooper, ha confermato la morte.

In contatto nella sua giovinezza con Allan Kaprow, la cui influenza lo ha spinto alla sperimentazione di nuove tecniche espressive (happening, environment), Oldenburg è considerato il padre più estroso della Pop Art: ha elaborato in dipinti e sculture (spesso in scala gigante) tematiche legate alla civiltà dei consumi. Era entrato nella scena artistica di New York alla fine degli anni Cinquanta incorporando oggetti come insegne stradali, spille da balia, mollette per i panni, hamburger e fette di torta nelle sue creazioni ‘oversize’. Assieme alla moglie, l’artista olandese Coosje van Bruggen (morta per un tumore al cervello nel 2009), ha realizzato a partire dal 1976 oltre quaranta opere di grandi dimensioni commissionati da città e musei di tutto il mondo.

"Quando mi servono un piatto di cibo, vedo forme e a volte non so decidermi se mangiare o guardare", aveva dichiarato in un’intervista. Nessun artista Pop – nemmeno i suoi contemporanei più celebri Andy Warhol e Roy Lichtenstein – ha creato un corpus di opere pubbliche in grado di competere con il suo.

Claes Oldenburg nasce a Stoccolma il 28 gennaio 1929. Il padre è un diplomatico e la famiglia vive negli Stati Uniti e in Norvegia prima di trasferirsi a Chicago nel 1936. Studia letteratura e storia dell’arte alla Yale University, quindi arte all’Art Institute of Chicago nel 1950-54. Nel dicembre 1953 diventa cittadino degli Stati Uniti. Nel 1956 si trasferisce a New York e incontra numerosi artisti di arti performative, diventando una delle maggiori figure nell’ambito delle performance e degli happening tra anni cinquanta e sessanta. Nel apre il suo studio ‘The Store’ per presentare oggetti d’uso quotidiano in gesso. Viene riconosciuto come un esponente della Pop Art quando questa inizia a emergere nel 1962. Nel 1964 espone alla Biennale di Venezia, dove tornerà più volte in seguito. Nel 1967 realizza il suo primo monumento per uno spazio pubblico. In quegli anni inizia a proporre progetti colossali in alcune città, il primo dei quali è installato alla Yale University nel 1969: ‘Lipstick (Ascending) on Caterpillar Tracks’. A metà Settanta, e poi ancora nei Novanta, Oldenburg e la moglie collaborano con l’architetto Frank Gehry, abbattendo i confini che separano la scultura e l’architettura.

Celebre anche per i suoi ‘Happenings’, nel Lower East Side, nel maggio 2009 una sua scultura del 1976, ‘Typewriter Eraser’, aveva stabilito un record con 2,2 milioni di dollari in un’asta di arte moderna e contemporanea a New York.


Keystone
‘Typewriter Eraser’, battuta all’asta per 2,2 milioni di dollari

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte claes oldenburg new york scultore
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved