l-fbi-sequestra-25-basquiat-da-un-museo-in-florida
archivio Keystone
Un’opera (originale) dell’artista newyorchese
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
3 ore

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
5 ore

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
5 ore

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
6 ore

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
7 ore

Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela

‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
8 ore

La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda

Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Locarno 75
21 ore

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
22 ore

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
1 gior

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
26.06.2022 - 15:05
Ats, a cura de laRegione

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia

L’Fbi ha sequestrato 25 dipinti attribuiti a Jean-Michel Basquiat e messo i sigilli su una mostra in Florida con una settimana di anticipo rispetto alla data di chiusura. I quadri, dipinti su cartoni di reimpiego, erano esposti all’Orlando museum of fine arts e, una volta conclusa la rassegna, sarebbero dovuti partire per l’Italia.

La mostra "Heroes and monster" è adesso in possesso dell’Fbi, ha confermato al "New York Times" la portavoce del museo, Emilia Bourmas-Fry, precisando che l’istituzione culturale è coinvolta nell’inchiesta solo in quanto testimone. Per giustificare il sequestro, il mandato federale nota che ci sono motivi di dubitare che i quadri siano autentici, cita dubbi sull’origine della collezione per come è stata descritta dai suoi proprietari ed esprime sospetti che l’intenzione finale fosse quella di vendere.

Se autentici, i quadri avrebbero un valore di cento milioni di dollari, secondo Putnam fine art and antique appraisals, che li ha valutati per conto degli attuali proprietari. Vendere opere d’arte false con la consapevolezza che lo sono è d’altro canto un crimine federale.

I caratteri su uno dei cartoni entrarono in uso solo sei anni dopo la morte dell’artista

A condurre l’inchiesta è l’Art crime team dell’Fbi. Tra i punti controversi della vicenda c’è la perizia di un industrial designer, Lindon Leader, secondo cui i caratteri Univers del marchio Federal Express stampati su uno dei cartoni entrarono in uso solo nel 1994, sei anni dopo la morte dell’artista. Leader ne è a conoscenza perché fu infatti lui a ridisegnare la versione aggiornata del brand.

Le opere, secondo la versione dei proprietari avvalorata dal museo della Florida, sarebbero state create da Basquiat nel 1982 durante un breve soggiorno a Venice, il quartiere della Bohème di Los Angeles. L’artista li avrebbe poi venduti per cinquemila dollari del tempo a Thad Mumford, un produttore televisivo morto quattro anni fa, che li avrebbe chiusi in magazzino e per trent’anni se ne sarebbe dimenticato. Intervistato dall’agente dell’Fbi Elizabeth Rivas prima di morire, Mumford avrebbe negato di aver mai comprato opere da Basquiat. Avrebbe detto anche che gli attuali proprietari avevano cercato di convincerlo a firmare documenti che avrebbero certificato l’autenticità "in cambio del 10 per cento dei proventi".

I quadri appartengono oggi a William Force, un gallerista, e Lee Mangan, un venditore di commercio, i quali li avrebbero comprati nel 2012 per 15mila dollari dopo che il contenuto del magazzino di Mumford era stato pignorato per mancato pagamento dell’affitto: uno scenario che il gallerista Larry Gagosian, di cui Basquiat era ospite a Los Angeles quando i cartoni sarebbero stati dipinti, ha definito con il "New York Times" "altamente improbabile".

A Force e Mangan si era unito successivamente Pierce O’Donnell, l’avvocato divorzista che ha rappresentato tra gli altri Amber Heard e Angelina Jolie. Basquiat è uno degli artisti più hot del momento e, a complicare le cose, nel 2012 i suoi eredi hanno chiuso il comitato per la certificazione: una mostra sarebbe stata dunque il momento ideale per avvalorare attribuzioni ancora in dubbio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte basquiat falsi fbi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved