WAS Capitals
0
SJ Sharks
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
COB Jackets
0
CAL Flames
3
2. tempo
(0-1 : 0-2)
TOR Leafs
3
ANA Ducks
2
2. tempo
(2-1 : 1-1)
Detroit Red Wings
1
CHI Blackhawks
4
2. tempo
(0-4 : 1-0)
alla-pinacoteca-z-st-i-paesaggi-ticinesi-fra-arte-e-territorio
Carlo Bossoli (Lugano, 1815 - Torino, 1884), Veduta sul lago di Lugano (dal Monte San Giorgio), ante 1860
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
6 ore

Giornate di Soletta, ‘Wet Sand’ e gli altri vincitori

Un festival di storie intime, autentiche, raccontate nei tanti documentari in gara, e i premi hanno confermato questo trend.
La recensione
8 ore

Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’

Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.
Jazz Cat Club
13 ore

Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz

Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
14 ore

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
21 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
1 gior

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
1 gior

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
1 gior

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
1 gior

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
14.11.2021 - 12:590
Aggiornamento : 14:28

Alla Pinacoteca Züst i paesaggi ticinesi fra arte e territorio

Fino al 25 aprile il museo di Rancate tra naturalisti, geografi e artisti nel Ticino del passato prossimo

a cura de laRegione

Che cosa è il paesaggio? Si potrebbe parafrasare Agostino d’Ippona è rispondere che “se non mi chiedono che cosa sia, lo so; se me lo chiedono non lo so”. È un concetto complesso, che rimanda allo studio scientifico del territorio nei suoi aspetti naturalistici, geografici e culturali, alla percezione dello spazio, all’arte. Parte da questa stratificazione di significati la Pinacoteca Giovanni Züst di Rancate per presentare la mostra ‘L’incanto del paesaggio’, come indicano i due sottotitoli: “Disegno, arte, tecnologia” e “Naturalisti, geografi, storici dell’arte nel Ticino del passato prossimo”. A curare questo progetto che sarà visitabile fino al 25 aprile 2022, il geografo Paolo Crivelli, lo storico dell’arte Giulio Foletti e Filippo Rampazzi, direttore del Museo cantonale di storia naturale di Lugano.

Si parte, a metà dell’Ottocento, con le carte topografiche Dufour e Siegfried, allestite partendo da accurate, e spesso faticose, misurazioni sul terreno. Altra tappa fondamentale è la prima catalogazione dei monumenti più significativi, realizzata sotto l’impulso del padre della storiografia artistica elvetica Johann Rudolf Rahn (1841-1912). A Rancate troviamo serie di disegni del suo allievo e aiutante Hermann Fietz (1869-1931) la cui attenzione non si è limitata ai monumenti maggiori, ma ha guardato anche al contesto e al paesaggio che li conteneva. Nello stesso periodo lavorarono i primi naturalisti, tra cui Luigi Lavizzari (1814-1875) al quale si deve il Museo di storia naturale di Lugano. Negli spazi della pinacoteca troviamo così tavole acquerellate che illustrano flora e fauna, erbari, fossili, curiosi strumenti per lo studio dei reperti. In mostra, oltre a carte, disegni, panorami e strumenti del passato anche uno sguardo sul presente e il futuro, con l’impiego di tecnologie come il rilevamento fotogrammetrico, il Laser scanner e i droni.

Questo sguardo più “oggettivo” si interseca con quello dell’arte, in un dialogo tra i materiali elaborati da naturalisti, geografi e fotografi e i dipinti di vari artisti, da nomi noti come quelli di Luigi Rossi, Edoardo Berta, Filippo Franzoni e Ugo Zaccheo a figure forse meno conosciute come Remo Patocchi, Regina Conti o Emilio Maccagni (uno degli intenti della mostra è proprio dare spazio ad autori poco studiati e a volte quasi dimenticati). Il consolidamento di una scena artistica ticinese – è in questo periodo che nascono la Società ticinese per le Belle Arti (1889), la Società dei pittori e scultori svizzeri (1896) e la Società ticinese per la conservazione delle bellezze naturali e artistiche (1909) – si unisce infatti a una riscoperta del territorio, esplorato e raffigurato per cercare una dimensione artistica propria e identitaria, oltre che per vendere le opere ai primi facoltosi turisti. È la costruzione di una certa idea di Ticino, partendo da alcuni elementi caratteristici del paesaggio: il bosco e la selva castanile, il vigneto, il territorio alpino e glaciale, il lago. Alla costruzione di questa immagine del Ticino parteciparono ovviamente anche i fotografi che sempre a partire dalla seconda metà dell’Ottocento si stabilirono nei maggiori centri cittadini.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved