al-m-a-x-museo-i-treni-oltre-la-grafica
Adriana Bisi Fabbri Locomotiva 1911
+1
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Evan Rachel Wood ancora contro Marylin Manson: ‘Stupro sul set’

L’attrice protagonista di ‘Westworld’ accusa la rockstar di aver abusato di lei approfittando di una scena di sesso simulato per un videoclip
Scienze
12 ore

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato a destinazione

Ha raggiunto il suo punto di osservazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lo ha annunciato la Nasa.
Musica
14 ore

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Spettacoli
14 ore

Al Sociale il Dolore di Marguerite Duras

Mercoledì 26 gennaio a Bellinzona lo spettacolo di Margherita Saltamacchia. A seguire, la proiezione del documentario ‘La speranza vive intera’
Spettacoli
15 ore

Osi in Auditorio con il controtenore Bejun Mehta

Giovedì 27 gennaio per la serie ‘Play&Conduct’ appuntamento con il cantante statunitense di origine indiana e le arie di Händel
Società
16 ore

Scoperte due pericolose falle nell’app Zoom

Già adottati i provvedimenti del caso. Ma non è escluso che qualcuno non sia già riuscito a sfruttare le vulnerabilità
Spettacoli
17 ore

‘Il suono della bellezza’, Eurovision Torino è un po’ svizzero

Il tema dell’evento si richiama agli esperimenti scientifici sulle onde sonore dello scienziato e filosofo svizzero Hans Jenny
Spettacoli
17 ore

Giornate di Soletta, in attesa dei premi

Ultimi giorni del festival del cinema svizzero. Abbiamo visto il documentario del ticinese Tommaso Donati e ‘Une histoire provisoire’ di Romed Wyder
Spettacoli
17 ore

Tv, è morto lo studioso e autore Paolo Taggi

Da ‘Domenica In’ e il ‘Gioco del mondo’ a importanti lavori teorici sulla televisione. Il ricordo di Domenico Lucchini, direttore del Cisa
Musica
23 ore

Swiss Diagonales Jazz continua a Biasca e Olivone

MusiBiasca annuncia: sabato 29 gennaio, la Casa Cavalier Pellanda recupera Sauter&Schläppi e presenta Sc’ööf; domenica 30 all’Osteria Centrale, Tie Drei
Società
1 gior

Morto lo stilista Thierry Mugler

Autore, fra l’altro, dei corsetti di Madonna e degli abiti di Sharon Stone, è morto all’età di 73 anni per cause naturali
Cinema
1 gior

L’Africa delle donne arriva a Soletta

Tutti in piedi per ‘L’Afrique de femmes’, nove ritratti di donne di altrettanti Paesi africani. Incontro con il regista, Mohammed Soudani
Musica
1 gior

‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ e Giovanni Truppi

La città di Napoli che arriva prima della musica, un mestiere cui essere fedeli, Capossela con cui duettare a Sanremo: il cantautore si racconta
La recensione
1 gior

Osi in Auditorio: Riccardo Minasi e lo Sturm und Drang

Di giovedì al Lac, splendida interpretazione costellata d’impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante
Culture
1 gior

‘Sulle vittime dell’Olocausto non si specula’

La fondazione si dice ‘profondamente delusa’ per il modo in cui è stata effettuata l’inchiesta riguardo al delatore che tradì la famiglia della ragazza
Cinema
2 gior

‘3/19’ di Silvio Soldini, al Lux l’anteprima col regista

Il film con Kasia Smutniak esce in Ticino il 27 gennaio. Anteprima aperta al pubblico martedì 25 gennaio alle 20 a Massagno
Spettacoli
2 gior

Christoph Marthaler, ‘Aucune idée’ al Lac

Martedì 25 e mercoledì 26 gennaio, il geniale regista zurighese torna a Lugano con il suo lavoro più recente
Culture
2 gior

Baricco dall‘ospedale: ’Ho la leucemia, farò il trapianto’

A darne l’annuncio lo stesso scrittore su social, la diagnosi 5 mesi fa
Arte
3 gior

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
10.10.2021 - 18:080
Aggiornamento : 18:38

Al m.a.x.museo i treni oltre la grafica

Una mostra per scoprire attraverso manifesti, opere d’arte e oggetti d’epoca e di design come la ferrovia ha cambiato la società

Il tema dell’esposizione al m.a.x.museo di Chiasso è chiaro prima ancora di entrare: dall’ampia vetrata si intravede infatti il “modellino” – è in scala 1 a 10, fate voi le proporzioni – di quello che è stato il primo treno a vapore svizzero. I treni, quindi, esplorati attraverso “arte, grafica e design” come recita il titolo della mostra che si inaugura oggi alle 16 al Cinema Teatro e che sarà visitabile fino al 24 aprile 2022. Ma sarebbe meglio dire che a essere esplorati non sono i treni, ma il mondo nuovo che lo sviluppo della ferrovia ha portato e che oggi ci è difficile immaginare. Giustamente magnifichiamo le gallerie di base di Ceneri e San Gottardo, ma i vantaggi che portano in termini di tempo si misurano in minuti e ore: per le prime linee ferroviarie si può parlare di giorni e soprattutto di viaggi in sicurezza e comodità.

Dietro il modello della prima locomotiva a vapore troviamo un celebre manifesto realizzato da Gabriele Chiattone: una figura femminile che tiene insieme la rete ferroviaria europea con al centro la Gotthard-Bahn. Iniziamo così a capire cosa abbia significato, il treno, nella ridefinizione del territorio e della società. Il percorso prosegue poi nelle varie sale con altri manifesti – molti dei quali, cosa inusuale, esposti senza essere sotto vetro, visibili come lo erano in originale –, spesso accompagnati dai bozzetti originali degli autori, e poi oggettistica di design, dépliant, cartoline, tra opere d’arte e curiosità come l’abbonamento generale di “Monsieur le général Henri Guisan”.

Un progetto interessante che non si limita a raccogliere manifesti e altri oggetti, ma riesce a mostrare e raccontare da più punti di vista la storia della “strada ferrata”. La complessità del lavoro svolto dai curatori – la direttrice del m.a.x.museo Nicoletta Ossanna Cavadini e Oreste Orvitti, direttore del Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa, Napoli-Portici – è testimoniata anche dalle numerose collaborazioni, da istituzioni come il Museo dei trasporti di Lucerna e la FFS Historic di Windisch a importanti collezionisti privati.

Un mito di progresso

Velocità, sicurezza, comfort. In una parola: progresso. Non stupisce che i Futuristi amassero il treno – le “locomotive dall’ampio petto” sono infatti citate nel celebre manifesto di Filippo Tommaso Marinetti –, ma l’influenza della ferrovia non si limita certo a loro. Nella prima sala del m.a.x.museo abbiamo un piccolo ma significativo assaggio di come l’arte abbia abbracciato il treno con opere di Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Fortunato Depero, Aligi Sassu, Adriana Bisi Fabbri oltre che del già citato Marinetti. Molto interessante la “pagina parolibera” di Depero, dove il treno viene scomposto in suoni e parole.

A far da contrappunto alla sperimentazione artistica, troviamo i primi, classici e rassicuranti, manifesti con le loro idilliache rappresentazioni di luoghi ameni. Classici nel loro presentarci, ad esempio, il treno come luogo d’amore, ma in realtà rivoluzionari quanto a cambiamenti sociali, in quanto segnavano l’avvento del turismo. Viaggiare era un piacere, come ricordano anche gli interni di un vagone di prima classe, un vero e proprio salotto. Numerosi gli oggetti d’epoca esposti, alcuni allestiti con un gusto artistico che ne fanno praticamente un’installazione come i segnali ferroviari che troviamo al piano superiore del museo.

Tornando al percorso espositivo, dopo i primi viaggi turistici si prosegue con i grandi trafori come quelli del Gottardo e del Sempione. Qui i manifesti che raffigurano il superamento delle barriere geografiche unito a una certa “fratellanza di popoli” che ritroviamo anche nelle altre sale, quando con l’avvento dei Wagons-Lits l’Europa sembra abbattere i propri confini. Stupisce, pensando alla sofferenza di chi oggi intraprende viaggi simili, vedere un manifesto che pubblicizza il tragitto Londra-Baghdad con lo slogan “Safety, Rapidity, Economy”.

Meno esotico ma altrettanto suggestivo, il ruolo del treno nel turismo svizzero, dai tipici paesaggi alpini che troviamo su numerosi manifesti all’abbinamento con gli sport invernali, altra novità del tempo libero: di nuovo, la storia della ferrovia si intreccia con quella dei costumi.

Nell’ultima sala particolare attenzione viene riservata al design delle Ferrovie federali svizzere: dal logo realizzato negli anni Settanta da Hans Hartmann – archiviando la ruota alata che tanto spesso si è incontrata nei manifesti d’epoca – al celebre orologio ai pittogrammi utilizzati nelle stazioni.

Oltre il museo

Siamo a Chiasso e la presenza di una mostra sul treno non può limitarsi agli spazi del m.a.x.museo ignorando quello che la ferrovia ha significato per la cittadina di confine, iniziando ovviamente dalla stazione internazionale – inaugurata nel 1932, quando l’importanza economica di Milano ha affermato l’asse di Chiasso rispetto agli altri. Un’evoluzione storica che è possibile ripercorrere attraverso le immagini presenti in numerose cartoline storiche che troveremo, appunto, non solo nel m.a.x.museo, ma anche altrove.

Alcune fotografie e cartoline sono esposte anche nella biblioteca di Chiasso e un’ulteriore sezione fotografica sarà ospitata, a partire dal 23 ottobre, all’interno della stazione ferroviaria di Chiasso.

Sempre la stazione, e in particolare l’area esterna del fascio ferroviario – con i binari morti usati nel primo dopoguerra per il controllo del bestiame – diventerà una zona espositiva di carrozze storiche provenienti da musei svizzeri e italiani durante tre fine settimana (le date saranno annunciate sul sito www.centroculturalechiasso.ch).

Per quanto riguarda il catalogo, l’esposizione è abbinata a due pubblicazioni: la prima, più completa, vede 280 immagini e saggi di Stefano Maggi (“La strada ferrata: nascita di un nuovo mezzo di trasporto rivoluzionario”), Luigi Sansone (“Il treno, mito dei futuristi”), Mario Piazza (“Il fascino della ferrovia, storie di grafica”), Roberto Scanarotti (“Il treno nella cinematografia, un rapporto indissolubile”), Clive Lamming (“Wagons-Lits: l’espressione del lusso sui binari”), Nicoletta Ossanna Cavadini (“La comunicazione grafica della ferrovia, tra orari, manifesti e logo”), Remigio Ratti (“La ferrovia nella storia dei trasporti svizzeri: una lettura strategica”) e Mike Robinson (“Il futuro: fra alta velocità e treni verticali”). La seconda pubblicazione è una sorta di “mini-catalogo” con una selezione di immagini storiche della stazione internazionale di Chiasso e un testo di Nicoletta Ossanna Cavadini.

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved