ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

Rivoluzione Scooby-Doo: Velma è ufficialmente gay

Lo rivela una clip del nuovo film ‘Trick or Treat Scooby-Doo!’
Culture
4 ore

Case protagoniste di Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo

Dal 7 al 9 ottobre seconda edizione del festival interamente dedicato alla produzione letteraria nelle quattro lingue nazionali
Scienze
8 ore

Endometriosi, da una ricerca bernese un test non invasivo

La patologia colpisce il 10-15% di donne in età fertile. Scoperte alcune cellule nelle donne afflitte da essa che dovrebbero servire da biomarcatore
Scienze
13 ore

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
15 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
16 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
1 gior

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
1 gior

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
1 gior

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
1 gior

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
1 gior

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
1 gior

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
1 gior

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
1 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
1 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
1 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
2 gior

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
2 gior

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
2 gior

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
10.10.2021 - 18:08
Aggiornamento: 18:38

Al m.a.x.museo i treni oltre la grafica

Una mostra per scoprire attraverso manifesti, opere d’arte e oggetti d’epoca e di design come la ferrovia ha cambiato la società

di Ivo Silvestro
al-m-a-x-museo-i-treni-oltre-la-grafica
Adriana Bisi Fabbri Locomotiva 1911
+1

Il tema dell’esposizione al m.a.x.museo di Chiasso è chiaro prima ancora di entrare: dall’ampia vetrata si intravede infatti il “modellino” – è in scala 1 a 10, fate voi le proporzioni – di quello che è stato il primo treno a vapore svizzero. I treni, quindi, esplorati attraverso “arte, grafica e design” come recita il titolo della mostra che si inaugura oggi alle 16 al Cinema Teatro e che sarà visitabile fino al 24 aprile 2022. Ma sarebbe meglio dire che a essere esplorati non sono i treni, ma il mondo nuovo che lo sviluppo della ferrovia ha portato e che oggi ci è difficile immaginare. Giustamente magnifichiamo le gallerie di base di Ceneri e San Gottardo, ma i vantaggi che portano in termini di tempo si misurano in minuti e ore: per le prime linee ferroviarie si può parlare di giorni e soprattutto di viaggi in sicurezza e comodità.

Dietro il modello della prima locomotiva a vapore troviamo un celebre manifesto realizzato da Gabriele Chiattone: una figura femminile che tiene insieme la rete ferroviaria europea con al centro la Gotthard-Bahn. Iniziamo così a capire cosa abbia significato, il treno, nella ridefinizione del territorio e della società. Il percorso prosegue poi nelle varie sale con altri manifesti – molti dei quali, cosa inusuale, esposti senza essere sotto vetro, visibili come lo erano in originale –, spesso accompagnati dai bozzetti originali degli autori, e poi oggettistica di design, dépliant, cartoline, tra opere d’arte e curiosità come l’abbonamento generale di “Monsieur le général Henri Guisan”.

Un progetto interessante che non si limita a raccogliere manifesti e altri oggetti, ma riesce a mostrare e raccontare da più punti di vista la storia della “strada ferrata”. La complessità del lavoro svolto dai curatori – la direttrice del m.a.x.museo Nicoletta Ossanna Cavadini e Oreste Orvitti, direttore del Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa, Napoli-Portici – è testimoniata anche dalle numerose collaborazioni, da istituzioni come il Museo dei trasporti di Lucerna e la FFS Historic di Windisch a importanti collezionisti privati.

Un mito di progresso

Velocità, sicurezza, comfort. In una parola: progresso. Non stupisce che i Futuristi amassero il treno – le “locomotive dall’ampio petto” sono infatti citate nel celebre manifesto di Filippo Tommaso Marinetti –, ma l’influenza della ferrovia non si limita certo a loro. Nella prima sala del m.a.x.museo abbiamo un piccolo ma significativo assaggio di come l’arte abbia abbracciato il treno con opere di Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Fortunato Depero, Aligi Sassu, Adriana Bisi Fabbri oltre che del già citato Marinetti. Molto interessante la “pagina parolibera” di Depero, dove il treno viene scomposto in suoni e parole.

A far da contrappunto alla sperimentazione artistica, troviamo i primi, classici e rassicuranti, manifesti con le loro idilliache rappresentazioni di luoghi ameni. Classici nel loro presentarci, ad esempio, il treno come luogo d’amore, ma in realtà rivoluzionari quanto a cambiamenti sociali, in quanto segnavano l’avvento del turismo. Viaggiare era un piacere, come ricordano anche gli interni di un vagone di prima classe, un vero e proprio salotto. Numerosi gli oggetti d’epoca esposti, alcuni allestiti con un gusto artistico che ne fanno praticamente un’installazione come i segnali ferroviari che troviamo al piano superiore del museo.

Tornando al percorso espositivo, dopo i primi viaggi turistici si prosegue con i grandi trafori come quelli del Gottardo e del Sempione. Qui i manifesti che raffigurano il superamento delle barriere geografiche unito a una certa “fratellanza di popoli” che ritroviamo anche nelle altre sale, quando con l’avvento dei Wagons-Lits l’Europa sembra abbattere i propri confini. Stupisce, pensando alla sofferenza di chi oggi intraprende viaggi simili, vedere un manifesto che pubblicizza il tragitto Londra-Baghdad con lo slogan “Safety, Rapidity, Economy”.

Meno esotico ma altrettanto suggestivo, il ruolo del treno nel turismo svizzero, dai tipici paesaggi alpini che troviamo su numerosi manifesti all’abbinamento con gli sport invernali, altra novità del tempo libero: di nuovo, la storia della ferrovia si intreccia con quella dei costumi.

Nell’ultima sala particolare attenzione viene riservata al design delle Ferrovie federali svizzere: dal logo realizzato negli anni Settanta da Hans Hartmann – archiviando la ruota alata che tanto spesso si è incontrata nei manifesti d’epoca – al celebre orologio ai pittogrammi utilizzati nelle stazioni.

Oltre il museo

Siamo a Chiasso e la presenza di una mostra sul treno non può limitarsi agli spazi del m.a.x.museo ignorando quello che la ferrovia ha significato per la cittadina di confine, iniziando ovviamente dalla stazione internazionale – inaugurata nel 1932, quando l’importanza economica di Milano ha affermato l’asse di Chiasso rispetto agli altri. Un’evoluzione storica che è possibile ripercorrere attraverso le immagini presenti in numerose cartoline storiche che troveremo, appunto, non solo nel m.a.x.museo, ma anche altrove.

Alcune fotografie e cartoline sono esposte anche nella biblioteca di Chiasso e un’ulteriore sezione fotografica sarà ospitata, a partire dal 23 ottobre, all’interno della stazione ferroviaria di Chiasso.

Sempre la stazione, e in particolare l’area esterna del fascio ferroviario – con i binari morti usati nel primo dopoguerra per il controllo del bestiame – diventerà una zona espositiva di carrozze storiche provenienti da musei svizzeri e italiani durante tre fine settimana (le date saranno annunciate sul sito www.centroculturalechiasso.ch).

Per quanto riguarda il catalogo, l’esposizione è abbinata a due pubblicazioni: la prima, più completa, vede 280 immagini e saggi di Stefano Maggi (“La strada ferrata: nascita di un nuovo mezzo di trasporto rivoluzionario”), Luigi Sansone (“Il treno, mito dei futuristi”), Mario Piazza (“Il fascino della ferrovia, storie di grafica”), Roberto Scanarotti (“Il treno nella cinematografia, un rapporto indissolubile”), Clive Lamming (“Wagons-Lits: l’espressione del lusso sui binari”), Nicoletta Ossanna Cavadini (“La comunicazione grafica della ferrovia, tra orari, manifesti e logo”), Remigio Ratti (“La ferrovia nella storia dei trasporti svizzeri: una lettura strategica”) e Mike Robinson (“Il futuro: fra alta velocità e treni verticali”). La seconda pubblicazione è una sorta di “mini-catalogo” con una selezione di immagini storiche della stazione internazionale di Chiasso e un testo di Nicoletta Ossanna Cavadini.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved