scienza-a-regola-d-arte-tra-creativita-e-metodo
Marc Bauer, 'Metropolis', 2020
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
9 ore

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
9 ore

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
12 ore

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
13 ore

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
14 ore

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
14 ore

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
Società
14 ore

Scagionata dopo aver baciato Richard Gere

L’attrice di Bollywood era accusata di oscenità e indecenza. Il gesto aveva scatenato la furia di gruppi radicali indù.
Spettacoli
17 ore

Premi del cinema svizzero, favorito ‘Soul of a Beast’

Otto candidature per il film di Lorenz Merz, in concorso al Festival di Locarno. Sei nomination per ‘La Mif’ di Frédéric Baillif
Scienze
18 ore

Nanoplastiche piovono a chili sulle vette alpine

Misurazioni effettuate in Austria, nei pressi dell’Osservatorio del Sonnenblick, parlano di 42 chili di particelle al chilometro quadrato
Spettacoli
1 gior

Evan Rachel Wood ancora contro Marylin Manson: ‘Stupro sul set’

L’attrice protagonista di ‘Westworld’ accusa la rockstar di aver abusato di lei approfittando di una scena di sesso simulato per un videoclip
Scienze
1 gior

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato a destinazione

Ha raggiunto il suo punto di osservazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lo ha annunciato la Nasa.
Musica
1 gior

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Spettacoli
1 gior

Al Sociale il Dolore di Marguerite Duras

Mercoledì 26 gennaio a Bellinzona lo spettacolo di Margherita Saltamacchia. A seguire, la proiezione del documentario ‘La speranza vive intera’
Spettacoli
1 gior

Osi in Auditorio con il controtenore Bejun Mehta

Giovedì 27 gennaio per la serie ‘Play&Conduct’ appuntamento con il cantante statunitense di origine indiana e le arie di Händel
Società
1 gior

Scoperte due pericolose falle nell’app Zoom

Già adottati i provvedimenti del caso. Ma non è escluso che qualcuno non sia già riuscito a sfruttare le vulnerabilità
 
07.07.2021 - 05:300

Scienza a regola d'arte, tra creatività e metodo

Intervista all'artista Marc Bauer, ospite domani al Museo d'arte della Svizzera italiana insieme allo scienziato Luca Gambardella

Ispirazione, creatività: concetti che associamo all’attività artistica, ma da alcuni anni il ciclo di conversazioni ‘La Scienza a regola d’Arte’ – organizzato dalla Fondazione Ibsa e dal Museo d’arte della Svizzera italiana – ci invita a superare certe contrapposizioni. Il settimo appuntamento si terrà domani alle 21 nello Spazio Agorà del Lac di Lugano e avrà come tema, appunto, l’ispirazione e come ospiti Luca Maria Gambardella, già direttore dell’Istituto Dalle Molle di studi sull’Intelligenza artificiale Usi-Supsi, e l’artista svizzero Marc Bauer.

Nato a Ginevra, Marc Bauer vive e lavora tra Berlino e Zurigo. I suoi lavori, su temi quali storia, memoria, mascolinità ed equilibrio di potere, consistono per la maggior parte di disegni in bianco e nero, ma si estendono a film d’animazione, ceramica, pittura a olio e scultura. Il suo lavoro è stato presentato in numerose collettive; recentemente una sua personale all’istituto svizzero di Milano ha fatto discutere: ‘Mi piace Commenta Condividi, A Rhetorical Figure’ traccia i meccanismi e i trucchi retorici della comunicazione digitale partendo dalla comunicazione via Twitter dell’ex ministro dell’interno italiano Matteo Salvini, analizzandone il potenziale politico e di manipolazione.

Marc Bauer, giovedì si parlerà di creatività: che cos’è, la creatività, per un artista?

Penso che la creatività sia un modo di collegare elementi differenti in maniere in cui solitamente non sono, non dovrebbero, essere collegati. Cercare di vedere le cose da una prospettiva differente, cercando strade che non siano quelle percorse finora.

Ma questa è una definizione generale
o è specifica del lavoro artistico?

Questa è la creatività innanzitutto per me, ma penso che il discorso sia simile anche per la scienza. Parlando con Luca Gambardella, credo che i suoi progetti sugli algoritmi che si ispirano al comportamento delle formiche rientrino in questa definizione di creatività: guardare da un altro punto di vista il comportamento delle formiche per arrivare a qualcosa di nuovo e di diverso.

E la creatività potrebbe riguardare anche l’intelligenza artificiale o è caratteristica umana?

Quello che trovo molto stimolante è che le macchine funzionano in maniera molto differente dal cervello umano e forse estendendo le possibilità delle macchine riusciremo a capire meglio come funzioniamo noi esseri umani. Ma è anche stimolante, proprio perché le macchine sono radicalmente diverse da noi e se crediamo possibile che le intelligenze artificiali siano capaci di creare arte, chiederci che tipo di arte potrebbero creare.

Con queste premesse, mi sembra di capire che non sarà un problema incontrare
e dialogare con uno scienziato.

No, per niente. Arte e scienza sembrano molto lontane, ma credo che in realtà siano molto vicine, o almeno che possano avvicinarsi. Anche gli scienziati creano nuovi concetti, nuove rappresentazioni della realtà e del mondo. Abbiamo differenti metodi, usiamo per così dire lenti diverse per guardare il mondo ma alla fine non credo ci siano molte differenze nel lavoro dello scienziato e dell’artista.

La scienza si basa sul metodo sperimentale e su un insieme di regole e procedure.
Anche nell’arte c’è qualcosa di simile
o prevale la libertà?

Anche nell’arte ci sono procedure, metodi se vogliamo. Ma ogni artista si costruisce il proprio metodo, non c’è qualcosa di corrispondente al metodo scientifico che si possa applicare a tutti gli scienziati. Ogni artista deve trovare un proprio linguaggio, un proprio metodo, quindi c’è indubbiamente una certa libertà, ma per creare qualcosa occorrono delle regole, non si crea così dal nulla.

La scienza può essere di aiuto all’arte?

Penso che la scienza possa costituire un’ottima ispirazione, per il lavoro artistico. Anche in passato l’arte è stata spesso ispirata da nuovi sviluppi tecnologici, pensiamo ad esempio agli impressionisti con la fotografia, o al cinema sulle arti visive. È un dialogo continuo.

Mi rendo conto che la domanda sarebbe
più per Gambardella, ma l’arte potrebbe aiutare in qualche maniera la scienza?

Penso che l’arte possa aiutare nel senso di ispirare il lavoro della scienza – perché capace di creare connessioni nuove, alle quali non si era mai pensato prima, e perché forse più libera di sperimentare – o almeno mi piace sperare che sia così.

Nell’invito alla serata troviamo un suo disegno a matita, ispirato da ‘Metropolis’. Perché Fritz Lang?

Penso che questo film di Fritz Lang rappresenti molto bene quello che gli esseri umani pensano dell’intelligenza artificiale e della possibilità che un’intelligenza artificiale diventi una vera persona, desiderando una coscienza umana. Ma la coscienza di un’intelligenza potrebbe essere radicalmente differente dalla nostra e potremmo quindi non riuscire a riconoscerla.

Abbiamo parlato di arte e di scienza, concluderei con la politica con cui entrambe le discipline hanno a che fare. Anche pensando alla sua esposizione all’istituto svizzero di Milano.

L’arte è sempre politica: quando hai a che fare con una rappresentazione devi scegliere che tipo di prospettiva, che tipo di messaggio vuoi dare con questa rappresentazione. Un ritratto è diverso se è di una persona ricca o di una persona povera e anche questa è una scelta politica.
Nel mio lavoro metto sempre in discussione questa rappresentazione, per cambiare come percepiamo la realtà.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved