ULTIME NOTIZIE Culture
Settimane Musicali
4 min

Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall

Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
16 ore

Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil

Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
1 gior

Louise Nevelson ‘painted it black’

Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Spettacoli
1 gior

FIT Festival, la seconda settimana

Si parte martedì 4 ottobre al Teatro Foce con ‘From Syria: is this a child?’, si chiude domenica 9 ottobre con ‘Bears’
Spettacoli
1 gior

Altre accuse di plagio per Ed Sheeran

‘Thinking Out Loud’ troppo simile a ‘Let’s Get It On’ di Marvin Gaye
Cinema
1 gior

10 Film Festival al PalaCinema, tocca al Kurzfilmtage Winterthur

Serata dedicata ai corti ticinesi quella del 6 ottobre alle 20.30, ospite, da Winterthur, il direttore artistico John Canciani
Culture
1 gior

Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury

Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Spettacoli
1 gior

Phil Collins vende il catalogo da solista e con i Genesis

L’intesa con l’americana Concord vale 300 milioni. Sono esclusi gli album con Peter Gabriel
Ticino7
2 gior

‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli

Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
2 gior

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
2 gior

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
2 gior

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
2 gior

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Musica
2 gior

Pianoforte e riflessione filosofica in PianoSofia

Dall’1 all’8 ottobre a Milano fra la Casa degli Artisti e Villa Litta Modignani
Scienze
2 gior

Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione

In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
3 gior

Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno

Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
02.07.2021 - 17:01
Aggiornamento: 17:56

Al Monte Verità il paradiso anarchico di Fabrizio Dusi

L’artista italiano ha portato un nucleo di lavori site-specific per il progetto ‘Golden Age’

di Ivo Silvestro
al-monte-verita-il-paradiso-anarchico-di-fabrizio-dusi

Un omaggio al Monte Verità delle origini, a quella comunità che a inizio Novecento abitò la “collina dell’utopia”, sognando di tornare alla natura per superare la tensione fra capitalismo e comunismo: ieri si è inaugurato il progetto ‘Golden age’ di Fabrizio Dusi, artista nato a Sondrio nel 1974, i cui lavori spesso affrontano temi legati alla storia collettiva e alla contingenza, dalla Shoah ai migranti. Sue installazioni permanenti compaiono alla Casa della Memoria di Milano, sulla facciata del Comune di Bagnacavallo (Ravenna), all'Università Bocconi di Milano, all'Università degli Studi di Padova e al memoriale di Yad Vashem a Gerusalemme.

Il progetto per il Monte Verità – dove resteranno due opere, dono dell’artista alla fondazione – coinvolge sia gli ambienti comuni dell’hotel in stile Bauhaus sia il giardino antistante l’edificio, in un percorso appositamente studiato per Monte Verità.

Nel parco troviamo ‘Eva e Adamo’, opera in acciaio di 2 metri di altezza, in dialogo con l’ampio ciclo pittorico ‘Giardino dell’Eden’ che si trova all’interno dell’Hotel nella sala Balint, una lunga narrazione di circa 7 metri che vedrà dipanarsi, sullo sfondo di un paesaggio vergine, scene tipiche della vita della colonia, fra girotondi, danze. All’interno dell’hotel «la prima opera è la scritta ‘Liberi’ in neon e sopra un sole fatto in tubi di neon, omaggio alle Mammelle della verità di Harald Szeemann, un sole di luce blu, accecante ma fredda in contrasto con la luce calda del sole» ci ha spiegato l’artista. 

‘Golden age’: qual è questa età dell’oro?

Quando la Fondazione mi ha invitato ad allestire un progetto al Monte Verità, ho visitato gli spazi e ne ho studiato la storia, soprattutto la parte iniziale, quella che ho trovato più affascinante. Per questo ho deciso di ricorrere alla definizione di ‘Golden age’, perché quella mi era sembrata l’età dell’oro di quello spazio.

L’idea di ‘Golden age’ la ritroviamo anche in altre situazioni, è un concetto che associamo al giardino fantastico, simile per certi versi al Monte Verità e ho anche ripreso un dipinto che richiama l’idea di questo paradiso in terra, questo giardino un po’ sognato.

Una delle opere si intitola appunto 'Eva e Adamo', capovolgendo l’ordine tradizionale.

Sì, è bastato invertire il titolo, dando maggiore valenza alla donna, per cambiare proprio il significato dell’opera. Sempre facendo un parallelismo, ho pensato all’Eden mettendolo in relazione con il Monte Verità, di nuovo due situazioni che mi sono sembrate molto vicine. Sono quindi andato all’origine dell’uomo e della donna, due individui nudi – anche qui, come al Monte Verità dove si praticava il naturismo –, due mezzibusti di due metri che è come se uscissero dal terreno o dall’acqua perché in basso c’è un ovale blu. Una specie di rigenerazione che rimanda all’attuale momento storico, alla voglia di ricominciare.

Abbiamo poi tre parole-chiave: ‘Liberi’, ‘Anarchy’ e ‘Utopia’, scritte in varie forme.

‘Anarchy’ sarà una vetrofania che rivestirà la vetrata interna, dietro alla quale c’è una roccia molto bella, molto spettacolare. La rivestirò con una pellicola colorata, un azzurro che richiama le sagome di Eva e Adamo.

‘Liberi’ è un neon blu, un neo inclinato appeso a un filo di nylon a rappresentare la fragilità di questa parola: la libertà non è affatto scontata.

‘Utopia’ infine è una scritta realizzata in ceramica dorata.

Come mai queste tre parole?

Sono quelle che, studiando la storia del Monte Verità, mi hanno maggiormente coinvolto, quelle che mi sono sembrate più adatte. Parole forti e riassuntive, rappresentative di un momento particolare di quel luogo.

‘Liberi’ comunque l’avevo già usato per un altro progetto, per questo è in italiano – anche se spesso mischio inglese e italiano.

I materiali usati?

In parte sono quelli che uso normalmente, ceramica e neon. Le sculture in ferro sono invece nuove per me, le ho realizzate apposta per il Monte Verità e sono un po’ una prova.

La vetrofania è legata allo spazio: quando ho visto la vetrata, ho capito che in quello spazio ci voleva una parola forte.

Tra i punti di riferimento al Monte Verità, il dipinto panoramico ‘Chiaro mondo dei beati’ di Elisàr von Kupffer, da poco restaurato.

È un’opera che non conoscevo, che non avevo mai visto: quando ho fatto il giro degli spazi del Monte Verità mi hanno mostrato questo ciclo e la sala dove sarebbe stato allestito, ho dovuto immaginare come sarebbe stata e sono rimasto molto colpito, è un’opera bellissima e ho cercato, sempre a modo mio, di creare un riferimento, un rimando.

Abbiamo parlato delle origini del Monte Verità, ma non degli edifici: sono stati di ispirazione?

All’inizio sì, soprattutto la facciata mi aveva ispirato e l’intenzione era appunto di partire da lì, ma poi il progetto si è modificato e alla fine direi che è stato più importante il giardino, con la sua vista. Infatti è lì che ho deciso di mettere le sculture. Anche perché ci sono dei vincoli di protezione e intervenire sulla facciata sarebbe stato troppo complicato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved