laRegione
Nuovo abbonamento
Christo e Jeanne-Claude di fronte a "Wrapped Oil Barrels", opera del 1958-59 esposta a Berlino nel 2001.(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
16 ore
Ascona, tre serate di Jammin’ for New Orleans
Una cinquantina di concerti organizzati da JazzAscona con band ticinesi, svizzere e italiane da giovedì 2 a sabato 4 luglio
Culture
16 ore
Covid-19, da Suisa un aiuto da 1,5 milioni
La società di diritti d'autore ha istituito un fondo per compositori, autori ed editori musicali per compensare le perdite dell'annullamento di eventi
Arte
16 ore
I sei artisti vincitori del Premio culturale Manor 2020
Il riconoscimento a sostegno dei giovani artisti svizzeri è andato anche alla ticinese Marta Margnetti che a novembre esporrà al Masi di Lugano
Spettacoli
17 ore
Da Piazza Grande alla Ssr, il Pardo a casa
Il Locarno film festival porta dodici film, passati negli ultimi anni in Piazza Grande, alla Rsi
Scienze
17 ore
Cern, osservata una nuova particella esotica fatta da 4 quark
La scoperta, che potrebbe aiutare a comprendere la forza che tiene assieme i nuclei degli atomi, effettuata nell'ambito dell'esperimento LHCb
Scienze
1 gior
Seimila anni buttati via
L'aumento accelerato della temperatura media cancella millenni di clima temperato
Scienze
1 gior
Il bosco fa respirare l'Europa
Le foreste concorrono ad assorbire ogni anno 806 milioni di tonnellate di anidride carbonica
Scienze
2 gior
La discriminazione di genere c’è anche dove non si vede
Secondo una ricerca, preconcetti sull'abilità lavorativa delle donne presenti soprattutto in chi pensa che la parità sia stata raggiunta
Spettacoli
2 gior
The show must go on. Nonostante la pandemia
Le difficoltà per il settore degli eventi rimangono, come ci spiega Gabriele Censi: Senza il pubblico il settore degli eventi morirebbe.
Scienze
2 gior
Cina, scoperto un virus potenzialmente pandemico
Studiosi lo hanno identificato ed è simile a quello resonsabile dell'influenza H1N1 che causò vittime e paure nel 2009
Spettacoli
2 gior
Premio d’onore del cinema svizzero per Markus Imhoof
Il regista premiato per “la sua perpetua ricerca dell'umanità, che mescola politica e aneddoti personali”
Spettacoli
2 gior
Covid-19, il Cirque du Soleil in bancarotta
Con i ricavi azzerati a causa della pandemia, la società ha deciso di ristrutturare il debito per garantire un futuro al gruppo
Spettacoli
2 gior
Marchè du film di Cannes, il virtuale piace
Festival cinematografico annullato, ma il tradizionale mercato del film si è tenuto, con successo, online
Spettacoli
2 gior
Piccolo teatro di Milano, direttore cercasi
Dimissioni ‘a sorpresa’ di Sergio Escobar, da vent’anni alla guida del teatro milanese. Carmelo Rifici tra i possibili successori
Arte
3 gior
DE-PRESS-ME, una breccia artistica nella chiusura
Intrusione artistica benevola nei confini domestici sbarrati dall’emergenza sanitaria
Società
3 gior
Che la morte ci sia lieve (Pau come Nadia)
Donés, leader di Jarabe de Palo, che come la Iena Toffa ha raccontato in pubblico, fino in fondo, l’urgenza (e la bellezza) del vivere
Arte
01.06.2020 - 19:100

Christo dal no allo zero

Una riflessione sull'artista morto domenica per andare oltre il feticcio del “celebre artista che impacchettava il mondo”

Nel 1968 le edizioni Planète di Parigi pubblicano ‘Les Nouveaux Réalistes: Un manifeste de la nouvelle peinture’ di Pierre Restany, il critico francese che fu mentore e promotore del successo di una schiera di artisti poi diventati famosi e influenti come Yves Klein, Mimmo Rotella, Arman, César e Christo (elenco pochi nomi con un criterio eminentemente sonoro).

Il capitolo uno ha per titolo “dal no allo zero”, il due è “la morte dell’arte” (con un paragrafo che recita “il gesto affettivo è oggettività”), il quattro dice “il battesimo dell’oggetto” e a pagina 57 leggiamo che il denominatore comune degli approcci iscritti al Nouveau Réalisme è “il riconoscimento dell’autonomia espressiva del reale sociologico… ogni frammento oggettivo della realtà ne è dotato… ogni parcella del reale rinchiude in sé una virtualità significante”. L’artista si appropria direttamente della realtà, attraverso un frammento o un aspetto di questa, senza trascrivere o concettualizzare e così l’oggetto “è liberato, raggiunge la propria piena autonomia espressiva. Comincia la vera avventura degli oggetti”. Yves Klein sorpassa tutti e si proietta direttamente nel vuoto, vola, lancia filamenti di oro nella Senna, brevetta il blu puro infinito (o definito tale). Pinocchio ne era stata una anticipazione poetica e aveva beffato Geppetto scappando a fare marachelle e sfuggendo al suo controllo (questo lo aggiungo io).

Una breve parte del libro è dedicata a Christo: il suo “percorso appropriativo è doppio: imballaggio e allineamento”. Con il primo atteggiamento egli “irrealizza curiosamente l’oggetto, rischiando di renderlo un feticcio e ritualizzando il gesto di appropriazione”. Il secondo atteggiamento viene definito “più netto, privo di ambiguità… Il 3 luglio 1962 alle nove di sera la rue Visconti di Parigi, all’altezza di rue de Seine, fu sbarrata a sua cura da un muro di barili”. La nota a piè di pagina precisa che “tutte le precauzioni erano state prese per la salvaguardia dell’ordine pubblico che si turbò da solo”. Poi: “La dimostrazione delle possibilità architettoniche del materiale fu probante: eleganza, articolazioni flessibili, unità nella diversità (ciascun barile avendo la propria specifica morfologia plastica, la matericità e colore determinato dal livello di ossidazione del metallo…)”.

Non riusciamo in questo modo frammentario a ricostruire la poetica di Christo né a contestualizzarla storicamente. Intanto Restany non affianca a Christo Jeanne Claude, la sua compagna e metà della marca che ha occupato una parte consistente del sistema artistico e commerciale. Poi dobbiamo evitare di affiancare in modo riduttivo il lavoro della coppia alla corrente del Nouveau Réalisme. Vi è poi la componente progettuale che si esprime attraverso la produzione di disegni, bozzetti e altri elementi molto importanti nella filiera produttiva.

La citazione della pubblicazione di Restany ci aiuta per intanto però a smarcarci dal feticcio del “celebre artista che impacchettava il mondo” e dal disagio indotto dalle recenti degenerazioni del suo lavoro come la magnifica turlupinatura collettiva realizzata nel 2016 sul lago d’Iseo, battezzata Floating Piers e da alcuni lombardi ribattezzata Fotting pirls.

Christo and Jeanne-Claude è anche una marca, espressione di un modello imprenditoriale significativo, la cui missione d’impresa è di devastare una realtà esistente in modo effimero e riducendo al minimo i danni visibili: i suoi lavori sono eseguiti sempre con grande maestria dalle maestranze bulgare messe all’opera e per individuare i danni prodotti occorre impegnarsi un po’.

Tutto ciò è interessante anche se appartiene, più che alla storia dell’arte, alla storia dell’imprenditoria nel capitalismo commerciale e alla antropologia del comportamento pecoreccio di flotte umane disposte a danneggiarsi per raccontarsi una presunta estasi.

Per tornare alla questione artistica possiamo aggiungere due cose. Confezionando e occultando un oggetto o un monumento o un paesaggio, l’artista lo cancella e annulla, svuota (l’espressione “dal no allo zero” citata da Restany significa “dalla negazione all’annientamento”) e ci suggerisce che quel vuoto ha una componente di mistero che è propria di ogni opera d’arte. Ci viene anche preclusa la consapevolezza concreta del contenuto e se vogliamo risolvere il mistero dobbiamo spacchettare il manufatto e con ciò distruggerlo in quando manufatto artistico (sia quando lo è in effetti, sia quando ne è la presunzione). Così, occultando il contenuto di una vetrina, cosa che Christo e Jeanne Claude facevano con i loro Storefronts, ci dicono: non sai cosa ti vende questo negozio; non sai cosa c’è un questo gabinetto e se lo vuoi sapere devi spacchettare, entrarci e uscire dalla tua aspettativa, dove risiede la tua speranza di felicità, strutturata o posticcia che essa sia.

Vi è un’ultima cosa per tentare di leggere come mai certe turlupinature hanno così grande successo di pubblico. Restany nelle sue righe insiste sull’importanza della componente sociologica e parla di capacità catalizzatrice del comportamento. Sul lago d’Iseo lo stimolo fu particolarmente triviale ma anche in quel caso la promessa di un’emozione generava in molti la sensazione emotiva di camminare sulle acque.

© Regiopress, All rights reserved