ULTIME NOTIZIE Culture
Settimane Musicali
2 ore

Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall

Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
18 ore

Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil

Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
1 gior

Louise Nevelson ‘painted it black’

Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Spettacoli
1 gior

FIT Festival, la seconda settimana

Si parte martedì 4 ottobre al Teatro Foce con ‘From Syria: is this a child?’, si chiude domenica 9 ottobre con ‘Bears’
Spettacoli
1 gior

Altre accuse di plagio per Ed Sheeran

‘Thinking Out Loud’ troppo simile a ‘Let’s Get It On’ di Marvin Gaye
Cinema
1 gior

10 Film Festival al PalaCinema, tocca al Kurzfilmtage Winterthur

Serata dedicata ai corti ticinesi quella del 6 ottobre alle 20.30, ospite, da Winterthur, il direttore artistico John Canciani
Culture
1 gior

Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury

Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Spettacoli
1 gior

Phil Collins vende il catalogo da solista e con i Genesis

L’intesa con l’americana Concord vale 300 milioni. Sono esclusi gli album con Peter Gabriel
Ticino7
2 gior

‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli

Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
2 gior

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
2 gior

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
2 gior

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
2 gior

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Musica
2 gior

Pianoforte e riflessione filosofica in PianoSofia

Dall’1 all’8 ottobre a Milano fra la Casa degli Artisti e Villa Litta Modignani
Scienze
3 gior

Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione

In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
3 gior

Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno

Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
3 gior

Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’

Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Culture
3 gior

Percorsi manzoniani a LaFilanda

Quattro domeniche parlando di Promessi Sposi a partire dal 2 ottobre a Mendrisio
13.12.2019 - 19:15
Aggiornamento: 19:34

Riecco Palazzo Reali. E il Museo d'arte ritrova le due sedi

Il nuovo spazio ospiterà la collezione del museo e alcune esposizioni. Intervista al direttore Tobia Bezzola

di Ivo Silvestro
riecco-palazzo-reali-e-il-museo-d-arte-ritrova-le-due-sedi

Lo ‘Spartaco’ di Vincenzo Vela che guarda minaccioso le ‘Impronte di pennello’ realizzate da Niele Toroni nel 1987, per la prima inaugurazione di Palazzo Reali. Poco lontano un’opera del giovane ticinese Marco Scorti e una Deposizione lignea risalente al Trecento. Ai piani superiori troviamo poi Umberto Boccioni, Filippo Franzoni, Hans Richter, Giovanni Serodine, Jean Arp… è un allestimento tradizionale, ma ricco di sorprese, quello curato da Cristina Sonderegger per la “seconda casa” del Museo d’arte della Svizzera italiana che, dopo tre anni di ristrutturazione (curata dall’architetto Piero Conconi), rientra in possesso di quella che per anni è stata la sede del Museo cantonale d’arte. Poi, come si sa, il Lac, la decisione di Cantone e Città di Lugano di unire le forse (e le collezioni)… ma questa è storia del passato: per capire il futuro di Palazzo Reali, abbiamo incontrato il direttore del Museo d’arte della Svizzera italiana Tobia Bezzola.

Che cosa significherà, per il Masi, avere due sedi così diverse, per tipo e collocazione?

Direi che sono due gli aspetti. Il primo, molto positivo per il museo, è avere una presenza permanente in centro, in una zona pedonale, dove c’è vita, dove la gente passa. Per questo abbiamo voluto creare, al pianterreno, una situazione molto permeabile, aprendo il cortile e permettendo il passaggio da via Canova a Piazza Manzoni.

L’idea è stata tenere il pianterreno libero, leggero, per ospitare eventi, presentazioni di libri, video: questo ci aiuterà molto a lavorare più vicino con il tessuto culturale di Lugano. Lo ritengo un aspetto molto importante perché al Lac abbiamo queste tre sale che sono molto belle ma sono anche un po’ isolate: non c’è la continuità di Palazzo Reali.

Il secondo aspetto?

Presentare la nostra identità – perché l’identità di un museo è la sua collezione. Palazzo Reali ci dà la possibilità di presentare a un pubblico locale, nazionale e internazionale le ricchezze che si sono accumulate in questo territorio nel quale il museo – che è sempre un luogo fisico, non uno spazio virtuale – ha le sue radici.


Palazzo Reali è, appunto, un palazzo: non sarà un ‘peso’ rispetto agli spazi modulabili del Lac?


Ma aumenta la nostra flessibilità: potremo meglio seguire le necessità delle opere. Palazzo Reali sarà l’ideale per progetti che al Lac sarebbe difficile allestire, penso ad esempio ai formati più piccoli che si perdono in quei grandi spazi.

Quindi Palazzo Reali non ospiterà principalmente artisti locali e il Lac le mostre internazionali?

No, quello che sarà fisso a Palazzo Reali sarà la collezione. Per il resto penso che dobbiamo evitare di avere un “ghetto ticinese”. Ma se guarda la programmazione dell’anno prossimo, vediamo una grande mostra di un artista ticinese, Paolo Mazzuchelli, sarà al Lac, mentre una mostra internazionale, di Skunk e Kender e che arriva dal Centre Pompidou, sarà a Palazzo Reali, perché si tratta di un’esposizione di fotografie che si adatta perfettamente a questi spazi.

Il criterio sarà sempre il contenuto artistico ed estetico, le esigenze date dalle opere.

Veniamo alla collezione: si parla di 15mila opere.

Sì, evidentemente non si tratta di una collezione gestita da un museo nel corso di secoli, ma abbiamo opere di varia provenienza, soprattutto donazioni. Contesti che riflettono la storia artistica del territorio.

E abbiamo opere di indubbio valore: penso al grande quadro di Hans Richter, che occupa un posto nella storia dell’arte del Ventesimo secolo. Poi c’è tutta la tradizione locale, iniziando dalla pittura rinascimentale… il che, se pensiamo al contesto svizzero, rappresenta la particolarità, la singolarità del Ticino.

Questo allestimento sarà rinnovato o sarà permanente?

Le opere cambieranno: non siamo il Louvre o comunque un museo che storicamente e scientificamente ha costruito la propria collezione; non abbiamo un percorso storico che si presenta sempre uguale. Noi abbiamo dei nuclei, dei “punti forti” e come fatto adesso continueremo a valorizzare.

Ogni quanto cambierà l’allestimento?

Si vedrà.

Adesso l’esposizione copre un po’ tutti i periodi e gli stili della collezione. Sarà sempre così o si faranno magari approfondimenti più specifici?

Questa è assolutamente una possibilità: potremmo fare sei mesi sulla fine del Ventesimo secolo, perché no?

Al momento l’unica decisione, dettata da motivi logistici, è che le mostre temporanee le faremo al secondo piano, mentre il primo piano sarà sempre per la collezione. Perché chiaramente rimane il problema che aveva già il

Museo cantonale d’arte: prima di fare una mostra bisogna portare fuori le opere della collezione.

Come vi muovete per le nuove acquisizioni?

Anche per questo è importante il lavoro che abbiamo fatto con Cristina [Sonderegger, ndr] e i colleghi, perché ci dà delle linee guida: abbiamo individuato questi nuclei – quelli che vediamo in mostra e altri ancora – e lavoriamo su questi: il dadaismo, l’astrazionismo, la pittura barocca, la pittura rinascimentale, punti forti sui quali lavoreremo in base alle nostre possibilità.

Con Palazzo Reali il Masi ha di nuovo le sue due sedi. Poi ci sono i depositi, sparsi sul territorio…

Sì, vari quartieri di Lugano, anche un po’ fuori, a Chiasso… richiede certamente uno sforzo. Ma è così anche per altri musei e archivi.

Sarebbe possibile una centralizzazione?

Probabilmente: ci sono tanti progetti, tante persone competenti ci stanno riflettendo. La necessità c’è: è forse un argomento meno interessante per il pubblico, ma per noi è fondamentale. E, come dice lei, magari un domani sarà possibile fare uno sforzo collettivo che ci permetterà di risolvere questi problemi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved