laRegione
Nuovo abbonamento
tutte-le-paure-di-brunori-sas
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
5 min

Renaud Capucon, Artista dell'Unesco per la pace

L'Unesco sta lavorando con altri Artisti per la Pace come Valery Gergiev, Kudsi Erguner e N. Scott Momaday per favorire il suo lavoro per la cultura nel mondo.
Musica
11 min

Cifre da capogiro per Georges Brassens all'asta

Ventidue manoscritti originali del gigante della canzone francese battuti da Arturial a cinque volte la cifra stimata
Musica
31 min

Sophia Tomelleri- Roberto Pianca Quartet al LongLake Festival

Sabato 26 settembre in Piazza Manzoni a Lugano, insieme al chitarrista, la giovanissima sassofonista vincitrice del prestigioso Premio Massimo Urbani 2020.
Culture
1 ora

Chiasso: a proposito di confine, un convegno

'Il confine italo-svizzero in epoca globale. Spunti per una riflessione sul futuro delle aree di confine', venerdì 25 settembre dalle 15.30 alle 18 allo Spazio Officina.
Scienze
4 ore

Iss costretta a una manovra per evitare i rifiuti spaziali

Il rottame di un razzo giapponese del 2018, andato in pezzi l'anno scorso, sfiora la Stazione Spaziale Internazionale
Musica
6 ore

Vent'anni di The Vad Vuc due volte al Sociale

Ancora pochi biglietti per venerdì 25 e sabato 26 settembre, live che riassume 'un pezzo di strada vadvucchiana'. E ci saranno davvero tutti...
Spettacoli
6 ore

Jazz in Bess: tira aria di jam session

Sabato 26 settembre dalle 21.15, l'appuntamento fisso per professionisti e appassionati. Formazione di base è il Luca Marini Trio
Musica
6 ore

'Versi in jazz', la musica incontra la poesia slam

Il quartetto jazz dei Note Noire condivide il palco di Piazza Riforma con Alessandro Burbank e Gianmarco Tricarico. Accadrà il 30 settembre a Lugano.
Culture
6 ore

Tre volte belcanto: Festival della lirica alla Bibliomedia

L'11, 18 e 24 ottobre a Biasca, tre concerti con la partecipazione di alcuni finalisti del concorso internazionale 'Maria Amadini' di Bellinzona
Arte
1 gior

Falsi Modigliani, processo rinviato a gennaio

Iniziato, e subito rinviato, il processo per i 20 dipinti sequestrati mentre era in corso una mostra, curata da Rudy Chiappini, a Palazzo Ducale a Genova
Arte
1 gior

Immersi nella Vienna di Gustav Klimt

Apre al Palacinema di Locarno Klimt Experience, mostra multimediale e immersiva dedicata all'artista viennese. Ma con qualche limite
Scienze
1 gior

I ghiacci dell'Artico ridotti ai minimi termini

Nell'estate 2020 registrata la seconda estensione minima dall'inizio delle misurazioni, nel 1979
Scienze
1 gior

Un nuovo fascio di luce potrebbe uccidere il Sars-Cov-2

A individuarlo è stato uno studio dei ricercatori dell'Università di Hiroshima sull'uso della luce ultravioletta C (Uvc)
Arte
1 gior

Oscar Andrea Braendli, singolarità di un artista

Alla Biblioteca cantonale di Bellinzona, il 24 settembre, una selezione di acquerelli dell'artista di origini elvetiche vissuto tra Milano, Zurigo e il Luganese
Fotografia
1 gior

Chiocciola Slow Food 2020 al fotografo Ely Riva

Per l'atteggiamento 'lontano anni luce dalle seduzioni della fretta e del facile risultato' e le molte altre qualità contenute nella motivazione.
Musica classica
1 gior

'Settimane Musicali' chiude con successo (e la formula tornerà)

Premiate da pubblico e critica. Il fine settimana con musica da camera e la partecipazione di un gruppo di rinomati solisti potrebbe riproporsi nel 2021.
Scienze
1 gior

Ghiaccio marino artico sotto i 4 milioni di chilometri quadrati

È la seconda volta dall'inizio delle registrazioni satellitari nel 1979. 'Andiamo verso un Oceano Artico stagionalmente senza ghiacci. Un chiodo nella bara'.
Cinema
1 gior

'Nomadland', dopo Venezia anche Toronto

La pllicola di Chloé Zhao, con Frances McDormand nel ruolo della nomade Fern, conquista la 45esima edizione del Festival canadese
Culture
06.05.2017 - 13:420
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:11

Tutte le paure di Brunori Sas

La ragione sociale (Sas) è un vezzo ereditato dalla ditta di famiglia, settore 'mattoni'. Dario Brunori, più ditta individuale che Società accomandataria semplice, è il cantautore del momento. Suo malgrado, così sembra. Dalle paure del quasi quarantenne cosentino, delle quali lo splendido ultimo album “A casa tutto bene” dovrebbe essere insieme contenitore e medicina, è rimasta fuori quella del successo popolare. Si guardi il Brunori a Radio DeeJay, con lo sguardo tra il “che figata questo posto” e il “ma dove caspita sono finito”:

«Il fatto che il disco stia andando oltre ambiti che conosco molto bene» dice Dario, «mi porta a confrontarmi con alcuni miei pregiudizi e le mie  insicurezze. La gente mi riconosce, vuole la foto, mi si chiede di commentare le citazioni dei politici, tutte cose alle quali non ero abituato». La previsione, con annessa risata, è che «questo disco mi porterà nel baratro, pensavo fosse la fine dell'incubo e invece è solo l'inizio...».

Brunori ha almeno tre facce. Seduto al tavolo della mensa della tv di stato svizzera, in un pomeriggio ‘londinese’ di fine aprile, prende la parola per primo Brunori Uno, quello che con estrema lucidità ha capito che oggi la canzone «non arriva più dall'alto, si è persa la sacralità del poeta, dello scrittore, di tutto». È il Brunori per il quale «negli anni '90, l’ultima cosa che avresti creduto era che con un cantante ci avresti mangiato una pizza, perché il pubblico era una cosa e l'artista un'altra. Io per il pubblico sono Darione, sono uno di loro…». Nel disco, il concetto trova posto nel brano ‘Secondo me’ (“sarai anche un cantastorie, ma ogni volta ai tuoi concerti non c’è neanche un muratore”):

Ma c’è anche Brunori Due, l’umorista puro, quello che si augura problemi di audio durante lo showcase serale alla Rsi («sarebbe una dimostrazione che anche la Svizzera, l'unica cosa solida che è rimasta, ha i suoi problemi»), quello che «tra una canzone e l’altra, difficilmente parlo di cose che hanno a che fare col disco, semmai dico cazzate» perché non vuole che la gente veda in lui «qualcosa che non sono, un vate, un predicatore».

Il cantautore burlone investe d’ironia anche la sua appartenenza al genere indie, quando parla di “A casa tutto bene” come di un disco «pieno di suoni», in barba a tutte «quelle chitarrine lo-fi» che imponeva il genere («ho dei musicisti che hanno fatto il conservatorio, mi sembrava il giusto risarcimento per i loro studi»). Ce n'è anche per Takedo Gohara, già ingegnere del suono per Pagani e Capossela, che i suoni «li dipinge in modo tale che a volte non sai quale strumento sta suonando. Ascoltando il disco, ce lo chiediamo ancora adesso...». Un colpetto alla sua stessa categoria – «non credete ai cantanti, non dicono mai la verità» – arriva dal palco del Concertone del Primo Maggio, qualche giorno dopo la nostra intervista.

E poi c'è Brunori Tre, che imbraccia la chitarra e il burlone non lo vedi più, quello che – con classe e almeno un mezzo sorriso beffardo – sferra colpi bassi nella lucida e disperata “La verità”:

Gli ancestrali timori del diverso, dell’altro da sé, sono trattati con gli occhi di tutti (narratore incluso) in “L’uomo nero”, titolo che porta a pensare a ‘quello dalla pelle scura’, e invece si parla del suo carnefice, quello degli incubi peggiori:

Altri colpi bassi arrivano dal femminicidio in “Colpo di pistola”, ballad di imprevedibile dolcezza con - mazzata finale - una fanfara da funerale di prima classe:

In “Sabato bestiale”, invece, il resoconto del peggiore dei sabati sera si trasforma in una sintesi del Grande Vuoto:

Non vi ingannino i bimbi che ne “Il costume da torero” cantano “la realtà è una merda”, perché quello è il Brunori che ancora spera, e per questo si ostina a cantare “ma non finisce qua”:

Come Michael Moore che parla di Flint, sua città natale – negli anni ‘50 il posto più bello d'America, 40 anni dopo il peggiore – ‘Darione’ racconta spaccati dell'Italia reale senza falsi ottimismi. Quanto alla paura, universalmente intesa, dice di aver cercato di capire «se gli uomini che fanno paura siano così perché hanno paura a loro volta» e anche «qual'è l'essenza che mi unisce ad un'umanità che mi spinge a dire “no, quello non sono io”». Il rimedio? “Canzone contro la paura”, terza traccia da “A casa tutto bene”, dal vivo in questo estratto da Sky Arte:

Mentre deejay, giornalisti e gente comune ancora si spendono nel riconoscere nel Nostro questo o quel cantautore (quando in qualcuno ci senti tutti e nessuno, forse è quello giusto), l’ultima battuta è del Brunori Due, il burlone, che di Sanremo disse tempo fa «occorre arrivarci con le spalle larghe». Quel pensiero, oggi, è diventato «lo voglio condurre, cantare e dirigere l'orchestra, contemporaneamente». Null’altro da aggiungere, se non il link al canale YouTube del Brunori Sas, passato e – altrettanto fulgidamente – presente.

© Regiopress, All rights reserved