ULTIME NOTIZIE Cantone
Centovalli
3 ore

Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare

La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
Grigioni
3 ore

Giù la maschera! Roveredo si tuffa nel Carnevale Lingera

Inaugurata questa sera la 61esima edizione. Fra le novità la possibilità di acquistare i biglietti online e il percorso del corteo di sabato
Luganese
3 ore

Una preda nella tana: l’accusa alza la posta in gioco in Appello

Nella seconda giornata di processo parola al procuratore pubblico e all’avvocata della vittima.‘I tre ragazzi hanno creato un clima di terrore’.
Locarnese
4 ore

L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte

Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
Ticino
5 ore

Ricerca fra le macerie, pure una squadra ticinese in Turchia

Lunedì Mauro Bonomi e Luna sono volati sul posto. In preallarme il presidente della sezione rossoblù di Redog Fabio Giussani: ‘Pronto a intervenire’
Morbio Inferiore
5 ore

Festa della Madonna di Lourdes, due appuntamenti al Santuario

Sabato 11 è previsto il Cenacolo del Movimento sacerdotale mariano, mentre domenica 12 il santo rosario meditato e la santa messa del pellegrino
Ticino
5 ore

Radar, un’altra interpellanza scottante diventa interrogazione

Alle domande poste da Passalia e Dadò (Centro) sull’aumento di controlli di velocità il governo risponderà in forma scritta. E tra diverso tempo.
Luganese
5 ore

Al Festival scacchistico prevalgono Berardi e Patuzzo

Il Memorial Barbero si è tenuto domenica 5 febbraio a Sorengo
Luganese
5 ore

Lugano, un libro sulle aziende a conduzione familiare

L’Unione Cristiana Imprenditori Ticinesi presenterà all’Hotel Dante, una pubblicazione di Alessandro Scaglione
Mendrisiotto
5 ore

Entra in Svizzera nonostante l’espulsione: preso e processato

Per l’uomo vigeva il divieto di entrare nel nostro Paese. La Corte ha optato per l’espulsione immediata senza pena detentiva.
Ticino
6 ore

Blacklist morosi di cassa malati sospesa per tutto il 2023

La conferma arriva dal governo dopo la riunione della Piattaforma Cantone-Comuni: alla riattivazione della procedura, però, cambierà qualcosa
Bellinzonese
6 ore

I Puffi arrivano in esclusiva al Carnevale di Faido

I bagordi avranno luogo da mercoledì 22 a sabato 25 febbraio, quando la palestra si trasformerà nel villaggio di ‘Pufflandia’
Mendrisiotto
6 ore

Tornano i buoni pasto a Castel San Pietro

I residenti che ricevono una rendita Avs potranno richiedere, dal 13 febbraio, un tagliando di 20 franchi da utilizzare negli esercizi pubblici del paese
01.12.2022 - 19:17
Aggiornamento: 21:38

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’

malattie-trasmissibili-esclusione-da-centri-diurni-e-colonie
Ti-Press
Comunicazione inviata anche ai Comuni

Otto articoli. È la nuova Direttiva (più allegati) sull’esclusione – in caso di malattie trasmissibili – dall’ambito scolare, prescolare e delle colonie estive. Messa a punto dall’Ufficio del medico cantonale, allarga il campo di applicazione delle misure rispetto al passato. Rimpiazza quella del 2019 ed è in vigore da oggi. Della sua introduzione e dei suoi contenuti, i Comuni sono stati informati nei giorni scorsi dalla Sezione enti locali. "La nuova Direttiva – scrive il Medico cantonale Giorgio Merlani ai destinatari del documento – consente al Ticino di allinearsi alle raccomandazioni dell’Associazione dei medici cantonali della Svizzera e alle raccomandazioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica". La novità "importante" è che i campi di applicazione della Direttiva "sono stati ampliati alle strutture di accoglienza collettiva diurna e alle colonie residenziali". Viene anche messa nero su bianco la prassi da adottare nelle specifiche situazioni. Il documento "indica le malattie per cui è richiesta l’esclusione dalla frequenza di una collettività per motivi di salute pubblica".

‘Misura poco efficace se non applicata uniformemente’

Nella lettera – indirizzata fra gli altri anche alla Conferenza cantonale dei genitori e all’Associazione delle strutture d’accoglienza per l’infanzia della Svizzera italiana – viene ricordato che "una misura di salute pubblica è scarsamente efficace se non applicata uniformemente sul territorio". L’invito del Medico cantonale è quindi che ogni figura attiva nell’ambito dell’educazione abbia "il massimo scrupolo per fare in modo che la direttiva sia coerentemente applicata in ogni ambito".

‘Un ruolo centrale è quello dei medici sul territorio’

È in ogni caso opportuno, specifica Merlani, che in presenza di un problema di salute acuto (in particolare febbre, diarrea o vomito) la persona ammalata rimanga o rientri al proprio domicilio e rientri in comunità solo quando il suo stato di salute lo renderà possibile. Si tratta di una misura "nell’ottica del buon funzionamento dell’istituto scolastico, della struttura di accoglienza e delle colonie". Un ruolo fondamentale continueranno ad averlo i medici scolastici o i dottori di riferimento delle strutture, che saranno chiamati a decidere nel merito "in caso di dubbio o d’incertezza e in singole situazioni legate alle malattie trasmissibili". Medici sul territorio, precisa il testo del Medico cantonale, che sono stati ovviamente informati del cambiamento e che restano punti di riferimento "per qualsiasi ulteriore informazione".

Dalla tabella indicazioni precise sulle misure da adottare

La Direttiva contiene – come anche quella del 2019 – una tabella dove sono elencate le patologie che comportano l’esclusione di un allievo, docente o figura attiva nell’ambito scolastico. Per ogni malattia viene indicata la durata dell’esclusione, sia per il soggetto ammalato che per le persone con le quali è entrato in contatto. Un esempio? Per chi viene contagiato dal morbillo la tabella prevede: quattro giorni di esclusione dall’inizio dell’irritazione cutanea per il contagiato, un’esclusione anche per chi è entrato in contatto e non è vaccinato e nessuna esclusione per chi è entrato in contatto con il malato ma è vaccinato con due dosi. A queste si accompagnano in alcuni casi, sempre secondo quanto indicato dalla tabella allegata alla direttiva, misure d’igiene ben precise. Tra queste: l’uso di guanti monouso al cambio di un bambino sintomatico, il rinforzo delle misure di pulizia e disinfezione di locali, oggetti e giocattoli.

L’esclusione riguarda anche gli ambiti extrascolastici

Per quanto riguarda altre patologie, uno degli otto articoli della direttiva specifica che "le malattie non elencate non sono causa di esclusione (per esempio angina da streptococchi, rosolia, varicella). In questi casi lo stato di salute è il solo responsabile di un’assenza". Sempre all’interno del testo viene ricordato come "la persona sottoposta a elusione è esclusa anche dalla frequenza di ogni ambito extrascolastico quali attività sportive, ricreative o musicali". L’esclusione per malattie trasmissibili gravi ma rare, afferma la direttiva in uno dei punti finali, avviene secondo specifiche disposizioni del medico cantonale. Tra queste patologie sono considerate: poliomielite, febbri emorragiche e ogni altra malattia ritenuta pericolosa. A.MA./GAG

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved