ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 min

Cordoglio ad Ascona per Manuela Bacchi-Pini

Già municipale e consigliera comunale in Borgo, aveva creato il Concorso ippico asconese, da lei gestito per 29 anni
Grigioni
12 min

Plr distretto Moesa in assemblea

Il 1° dicembre ai Piani di Verdabbio. Fra temi il nuovo nome e la nomina di presidente e direttiva
Locarnese
43 min

Risparmiare sostituendo il riscaldamento elettrico

Domani nel Palazzo della Sopracenerina una serata informativa organizzata dalla Ses, in collaborazione con TicinoEnergia
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio rivede verso il basso il costo dei sacchi dei rifiuti

Da gennaio le tasse causali incideranno meno sul budget familiare. Pubblicata l’Ordinanza rivisitata
Bellinzonese
1 ora

Ospedali di valle, associazione in assemblea a Biasca

All’ordine del giorno il cambio di presidenza e la decisione sul testo conforme dell’iniziativa ‘Per cure mediche e ospedaliere di prossimità’
Locarnese
1 ora

Cevio, due ‘no’ nel voto referendario per scuole e terreno

Alta la partecipazione al voto: del 71,55%. Bocciate entrambe le risoluzioni che il Consiglio comunale aveva adottato il 20 giugno
Grigioni
2 ore

Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare

Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Locarnese
2 ore

Scontro con un’auto di grossa cilindrata: la moto sul cofano

Sul posto, in via Luini a Locarno, agenti della Polizia in quello che è un incidente le cui informazioni sono ancora frammentarie
Mendrisiotto
3 ore

Il ‘Natale a Mendrisio’ moltiplica i mercatini

Più possibilità espositive per commercianti, artigiani e hobbisti. Gli eventi si concentreranno in Piazza del Ponte
Ticino
4 ore

I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’

L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Mendrisiotto
4 ore

I Moka People tornano al Mulino del Daniello

In programma una tre giorni fra arte, musica, proposte d’intrattenimento e momenti di ristoro
Mendrisiotto
5 ore

Una serata sulla violenza contro le donne a Chiasso

La neocostituita associazione ‘Mai più sola’ apre il dibattito sul tema con politici ed esperti
Luganese
1 gior

Centauro ferito per evitare l’auto che ha invaso la sua corsia

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
1 gior

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
1 gior

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
laR
 
25.11.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:20

Frontaliere che vieni, residente che vai

Nel 2019 saldo negativo tra i lavoratori che si trasferiscono qui e quelli che spostano il domicilio – ma non l’impiego – oltre confine

frontaliere-che-vieni-residente-che-vai
Ti-Press

Nel 2019, i residenti in Ticino divenuti frontalieri sono stati più numerosi dei frontalieri divenuti residenti. Se il dato di un anno – l’ultimo dello studio appena pubblicato dall’Ufficio di statistica (Ustat) – non basta a fare dell’allarmismo e parlare di ‘fuggi fuggi’, è pur vero che il sorpasso suggella una tendenza pluriennale (vedi infografica). E fa il paio con una crisi demografica che tra il 2016 e il 2020 ha visto calare la popolazione residente, anzitutto a causa dell’invecchiamento e di un saldo migratorio più generale fortemente diminuito, visto l’aumento delle partenze e il calo degli arrivi soprattutto tra i giovani. Per capire meglio come leggere i risultati che troviamo nell’ultimo numero della rivista ‘Dati’, ne abbiamo parlato con il ricercatore Ustat Francesco Giudici, che se n’è occupato insieme ai colleghi Maurizio Bigotta e Matteo Borioli.

La popolazione residente in età lavorativa è calata significativamente negli ultimi anni, eppure tra il 2016 e il 2021 il numero di lavoratori in Ticino è aumentato di 2mila unità. I frontalieri, insomma, hanno più che compensato la contrazione interna dovuta anzitutto all’invecchiamento. Tra questi ci sono anche gli ex residenti divenuti frontalieri: un numero passato dal minimo di 587 nel 2013 ai 941 nel 2019, che sale a 1’244 se si contano i congiunti trasferitisi con loro. Si tratta di cifre contenute, ma cosa ci dicono delle tendenze socioeconomiche in atto? Chi sono coloro che se ne vanno – o meglio: ritornano – in Italia?

Dai dati a nostra disposizione notiamo che il numero delle partenze è cresciuto significativamente negli anni tra il 2012 e il 2019. Per quel che riguarda genere e stato civile non ci sono grandi cambiamenti: uomini per il 55-60%, il 50-55% è celibe o nubile. Vediamo invece quasi raddoppiare il numero di ultraquarantenni che partono. Il fenomeno interessa anzitutto gli stranieri. Aumenta anche il numero di svizzeri che si trasferiscono all’estero pur mantenendo il lavoro in Svizzera, ma parliamo di un fenomeno meno pronunciato: si passa da 285 persone nel 2013 a 326 nel 2019. Infine, è soprattutto il Mendrisiotto a essere interessato dall’aumento di residenti che diventano frontalieri, arrivando a registrare il 24,5% di tutte le partenze ticinesi contro il 15,6% del 2013.

È facile ipotizzare che il minor costo della vita, rafforzato dalla possibilità di non pagare l’assicurazione malattia, costituisca il principale movente di questa fuoriuscita. È davvero così? Quali altri fattori contribuiscono a spiegarla?

Questi elementi contribuiscono a spiegare tale tendenza, anche se le ragioni per ogni singolo trasloco possono essere numerose e richiederebbero un sondaggio specifico. Oltre al minor costo della vita, all’apprezzamento del franco e alla questione della cassa malati – che per una famiglia con due figli comporta un esborso medio di 1’000-1’200 franchi in Ticino, mentre in Italia la sanità è finanziata dalle tasse –, possiamo ipotizzare che un movente importante sia la maggiore accessibilità del mercato immobiliare, ad esempio per chi vuole acquistare una prima casa per la famiglia. Potrebbero fungere da incentivo anche gli scenari attuali per lo statuto di frontalieri: chi si trasferisce oggi, prima cioè della ratifica di un nuovo accordo, si garantisce anche per il futuro un trattamento fiscale più vantaggioso di quello che si prospetta per chi diventerà frontaliere più avanti, a nuovo regime in vigore.

In Ticino è cambiata un po’ anche l’‘atmosfera’ nei confronti degli stranieri: nel vostro saggio accennate a campagne come ‘Prima i nostri’ e ‘Contro l’immigrazione di massa’, che hanno visto un forte sostegno da parte della popolazione. È possibile che una percezione di ostilità contribuisca al fenomeno delle maggiori partenze e dei minori arrivi?

Non si può dire esattamente quanto peso possa avere tale contesto. Come detto prima, andrebbe fatto un sondaggio presso le persone stesse che hanno – o che non hanno – compiuto uno spostamento per capire i motivi di tali scelte. Come osservato da Oscar Mazzoleni e Andrea Pilotti, dell’Osservatorio della vita politica regionale presso l’Università di Losanna, l’elettorato ticinese ha profondamente cambiato il suo orientamento sulle questioni migratorie. In generale, è quindi possibile che questo contesto influenzi le percezioni degli stranieri e di conseguenza giochi un ruolo nelle scelte migratorie. Ma questo sia nell’anticipare la decisione di diventare residente per paura di non poterlo più fare in seguito – qualora fossero stati presi provvedimenti restrittivi in termini di politica migratoria: nei dati si vede un picco nel 2016 –, sia nel disincentivare l’arrivo di nuovi residenti in seguito.

Anche gli arrivi di ex frontalieri diminuiscono e pure questo fa riflettere. Nel 2013 erano 1’546 i frontalieri divenuti residenti, nel 2019 solo 717. La tendenza si innesta in un calo più generale degli arrivi internazionali: dai quasi 9mila del 2016 ai circa 5mila del 2019 (un po’ meno delle partenze).

In effetti si nota una contrazione degli arrivi in particolare a partire dal 2016-2017. Tuttavia nel biennio successivo a quello preso in esame, 2020-2021, vediamo che i dati evidenziano un miglioramento del tasso migratorio, anche se è ancora presto per valutare ragioni e implicazioni di questa inversione di tendenza, eventualmente anche alla luce della pandemia.

Lo studio apparso su ‘Dati’ costituisce per molti versi una prima volta: le metodologie e le banche dati utilizzate segnano l’apertura di quello che nel saggio definite "un cantiere statistico importante". Quali saranno le prossime tappe?

La nuova metodologia che abbiamo utilizzato e la banca dati a disposizione ci permettono di esplorare in modo più puntuale e dettagliato diversi aspetti del rapporto tra lavoro e immigrazione. Sarà interessante anzitutto vedere quante persone arrivate in Ticino sono rimaste qui anche dopo un certo lasso di tempo, ma anche quante sono rientrate dopo una parentesi da frontalieri, oltre a comprenderne i profili salariali e sociali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved