ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
30 min

Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono

Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
30 min

Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga

Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
3 ore

‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’

Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
3 ore

I terreni abbandonati ora profumano di lavanda

L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
3 ore

Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini

La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
3 ore

Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’

Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
10 ore

Plan B continua a dividere Lugano

Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
10 ore

Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi

Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
11 ore

Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’

La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
Bellinzonese
12 ore

Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona

I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
14.10.2022 - 16:26
Aggiornamento: 16:42

‘Troppi casi nosocomiali, una misura necessaria’

Il medico cantonale Giorgio Merlani commenta la decisione di rispolverare l’obbligo della mascherina nelle strutture sanitarie e sociosanitarie

troppi-casi-nosocomiali-una-misura-necessaria
Ti-Press
Nuovamente in auge

«L’ultima modifica alle direttive per le strutture sanitarie e sociosanitarie ticinesi risaliva alla scorsa primavera, e prevedeva l’obbligo della mascherina, tanto per il personale curante quanto per i visitatori, unicamente nel contatto diretto e stretto. In altre parole, visitando il paziente, il medico era tenuto a indossarla correttamente, mentre non vi era alcun obbligo ad esempio per le riunioni di reparto o camminando nei corridoi; discorso analogo per i visitatori, un po’ sulla falsariga di quello che avveniva in uno studio medico», spiega il medico cantonale Giorgio Merlani. Dettate le ‘regole’ di base, poi, ogni struttura era libera di decidere se andare oltre, imponendo magari l’obbligo generalizzato, cosa effettivamente fatta negli ultimi mesi, o settimane, in gran parte delle strutture.

Adesso, però, queste ‘regole’ sono dunque cambiate: da subito infatti il Dipartimento della sanità e della socialità, per il tramite dell’Ufficio del medico cantonale, ha infatti disposto la reintroduzione dell’obbligo generalizzato della mascherina nelle strutture sanitarie e sociosanitarie ticinesi. «Misure che valgono tanto per il personale medico quanto per i visitatori, mentre per i pazienti, ovviamente, dipende da caso a caso».

Esclusi dalle nuove direttive gli studi medici: «Stiamo effettivamente discutendo la questione con il farmacista cantonale e gli altri colleghi, per capire se eventualmente intervenire anche lì, ma allo stadio attuale, a ogni buon conto, per farmacie e studi medici non cambia nulla: a fare stato continuano a essere le direttive di aprile. Per recarsi dal medico, come pure in farmacia, in presenza di sintomi riconducibili a una possibile infezione da coronavirus, il paziente è tenuto a indossare la mascherina. Mentre in assenza di sintomi ‘sospetti’, attualmente il pazienze non è tenuto a portarla. Il personale, invece, è tenuto a indossarla nel contatto diretto».

La decisione di rivedere le disposizioni per le strutture sanitarie e sociosanitarie presenti sul territorio cantonale è, logicamente, una conseguenza diretta dell’impennata di contagi degli ultimi giorni, con le nuove infezioni settimanali aumentate di circa un migliaio di unità (da duemila a tremila circa, dati di mercoledì scorso). «Sì, anche perché una buona fetta dei contagi, circa il 20%, sono riconducibili a quelli che noi definiamo ’casi nosocomiali’, ossia gente infettatasi dopo essersi recata in ospedale per altri motivi, e che al suo interno è stata contagiata, da un paziente o da un’altra persona arrivata dall’esterno. Di fronte a questo dato abbiamo dunque deciso di intervenire con una prima misura per contenere i ‘casi nosocomiali’, necessaria tutto considerato, al fine di evitare un ulteriore sovraccarico delle strutture ospedaliere. Il concetto di fondo che ci ha spinti in questa direzione è quello con cui stiamo portando avanti da mesi la lotta al coronavirus: quello di proteggere le persone più fragili; o con la vaccinazione o, appunto, con misure come quelle decise oggi».

Leggi anche:

Ondata Covid: torna l’obbligo delle mascherine negli ospedali

Impennata di contagi: tremila in sette giorni

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved