ULTIME NOTIZIE Cantone
Lavizzara
2 sec

Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’

Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Mendrisiotto
21 min

L’ultimo libro di Andrea Netzer a LaFilanda

Il volume, ‘Camminare oltre, una vita’, sarà presentato domenica al Centro culturale di Mendrisio
Luganese
33 min

Tre settimane di cantiere a Massagno

Traffico limitato lungo via San Gottardo per i lavori alle sottostrutture e la sistemazione dell’incrocio Arizona
Chiasso
2 ore

Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino

Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
3 ore

È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale

Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
4 ore

Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio

Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
4 ore

Il Carnevaa di Goss di Sant’Antonino compie 50 anni

La manifestazione si terrà dal 16 al 19 febbraio nel capannone ex pista di ghiaccio
Bellinzonese
4 ore

La sezione La Turrita del Centro si riunisce a Bellinzona

Appuntamento per lunedì 6 febbraio alle 20 al Ristorante Unione
Bellinzonese
4 ore

Pomeriggio di ballo liscio in compagnia dell’Atte Leventina

Appuntamento in programma giovedì 2 febbraio dalle 14 presso il ristorante Alla Botte di Pollegio
Bellinzonese
4 ore

Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’

Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
4 ore

Incontro di meditazione a Pambio Noranco

L’appuntamento è lunedì 6 febbraio alle 20.30 presso il centro Serrafiorita
laR
 
04.10.2022 - 21:00

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21

premi-cassa-malati-marco-chiesa-udc-insiste-e-interroga-berna
Ti-Press
Le preoccupazioni aumentano

Sul calcolo dei premi di cassa malati il Canton Ticino trova una sponda di peso per le proprie rivendicazioni. È quella del presidente nazionale e consigliere agli Stati dell’Udc Marco Chiesa, che con un’interrogazione al Consiglio federale torna sul tema perché l’incremento del 9,2% del premio medio comunicata martedì scorso "è stato vissuto e commentato da esperti del settore e anche dalle autorità cantonali ticinesi come un’ingiustizia nei confronti del mio Cantone". Perché le conseguenze sono facilmente ipotizzabili: "Le cittadine e i cittadini del Ticino, in particolare il nostro ceto medio che con questi aumenti si vedrà intaccare sensibilmente il proprio potere d’acquisto, hanno perso la fiducia nel sistema perché permangono dubbi sulla causa di questi aumenti, sul ruolo delle riserve e sul metodo di calcolo".

E siamo al punto, perché è stato lo stesso direttore del Dss Raffaele De Rosa, davanti alla stampa, a lamentare il fatto che per la fissazione dei premi - lo ricorda Chiesa nel suo atto parlamentare - "il Dipartimento sanità e socialità ticinese avesse chiesto a Berna di tener conto della media dei costi del biennio 2020 e 2021. Ciò al fine di ammorbidire l’effetto ‘rimbalzo’ dei costi dei due anni pandemici particolarmente difficili per il Cantone".

‘Davvero i premi coincidono con la previsione dei costi sanitari?’

Ebbene, la porta tenuta chiusa dall’Ufficio federale di sanità pubblica (Ufsp) e dal Consiglio federale non è piaciuta nemmeno a Chiesa che, infatti, chiede al governo "per quale motivo la richiesta del Canton Ticino non è stata presa in considerazione" e se, davvero, "l’aumento, prossimo al 10%, del premio assicurativo attualmente pagato in Ticino coincide alla previsione dei costi sanitari del Cantone".

Ma va più nel dettaglio, il presidente nazionale democentrista. Chiedendo "quali voci di spesa hanno portato e porteranno a un tale aumento" e se "a mente dell’Ufsp vi sono degli elementi caratteristici del Ticino che determinano una crescita superiore rispetto ad altri Cantoni". Con riferimento "in particolare alla struttura demografica, con un tasso di popolazione anziana superiore, che contribuisce al consumo di prestazioni e quindi al livello dei premi, o ad altri relativi alla capillarità dell’offerta".

E sulle riserve...

Chiesa tocca anche l’annoso tema delle riserve, domandando al Consiglio federale se "gli assicuratori malattia hanno registrato perdite miliardarie a causa di investimenti in ambito finanziario" e "quale margine di manovra rimane nell’ambito delle riserve per ammortizzare la crescita dei premi. A quanto dovrebbero ammontare globalmente le riserve obbligatorie per legge? A quanto ammontano oggi? A quanto si prevede ammonteranno nel 2023?".

Ciò detto, sempre sul tema riserve, il consigliere agli Stati Udc chiede se l’Ufsp "può rassicurare la popolazione ticinese che con i premi calcolati non si creano delle riserve nazionalizzate a spese dei ticinesi, come è già stato il caso in passato". E, riguardo alle casse malati, l’ulteriore domanda al governo è se "le spese amministrative esposte dagli assicuratori malattia sono ragionevoli e giustificate. A quanto ammontano in proporzione sul costo complessivo del premio?"

Infine, Chiesa chiede se "il Consiglio federale è del parere che in Ticino ci si debba attendere un continuo aumento dei premi dell’assicurazione malattia". E, se sì, "ci sono misure o riforme urgenti che dovrebbero essere immediatamente intraprese nel mio Cantone?".

Leggi anche:

Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved