ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
17 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
19 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
23 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
1 gior

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
04.10.2022 - 10:54
Aggiornamento: 14:12

Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre

Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione

vaccinazioni-di-richiamo-autunnali-in-ticino-dall-11-ottobre
Keystone

La campagna di vaccinazione di richiamo contro il Covid-19 per tutte le persone a partire dai 16 anni in Ticino prenderà il via l’11 ottobre. Lo comunica il Dss sulla pagina del proprio sito dedicata alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione, dove è già possibile prenotarsi per la somministrazione.

Le autorità sanitarie raccomandano la vaccinazione di richiamo con i vaccini a mRNA (Pfizer/BioNTech o Moderna) oppure con il vaccino proteico Nuvaxovid (Novavax). L’uso di un vaccino bivalente, ovvero efficace anche contro le varianti Omicron, è preferibile rispetto alla somministrazione di un monovalente. In questo momento, in Svizzera è omologato solo il preparato bivalente di Moderna (Spikevax Bivalent), la cui somministrazione come vaccinazione di richiamo può essere anche eterologa, cioè è possibile somministrarlo anche se il ciclo di vaccinazione primario e/o il precedente richiamo è stato effettuato con un altro vaccino. In pratica, chi è stato vaccinato, ad esempio, con il preparato di Pfizer/BioNTech può decidere di farsi somministrare la dose di richiamo con il preparato bivalente di Moderna e viceversa. Attualmente il vaccino bivalente a mRNA di Pfizer/BioNTech non è ancora omologato da Swissmedic e, per questo, non è ancora disponibile in Svizzera.

La vaccinazione di richiamo è raccomandata prioritariamente, nell’ordine a:

  • Persone particolarmente vulnerabili per età (65 anni o più) o malattia preesistente, donne in gravidanza o che allattano, trisomia 21
  • Personale sanitario e persone regolarmente a contatto con soggetti particolarmente vulnerabili
  • Tutte le altre persone tra i 16 e i 64 anni che possono valutare se farsi vaccinare nuovamente

La vaccinazione di richiamo per l’autunno 2022 non è stata raccomandata dall’autorità federale per bambini e adolescenti sotto i 16 anni senza fattori di rischio. Fanno eccezione dunque le persone non vaccinate a partire dai 5 anni con grave immunodeficienza nonché i bambini e gli adolescenti non vaccinati tra i 5 e i 15 anni con malattie croniche.

Per quanto riguarda invece le persone che ancora non hanno ricevuto nessuna dose di vaccino, dal momento che l’autorità sanitaria federale presume che la maggior parte di esse abbia contratto il virus almeno una volta, e che il loro sistema immunitario sia già entrato in contatto con gli antigeni, viene raccomandata, a partire dai 16 anni e se non ci sono fattori di rischio, una sola dose di vaccino, per richiamare e ampliare la memoria immunologica con l’obiettivo di prevenire il più possibile le forme gravi della malattia. Le persone non vaccinate a partire dai 16 anni che intendono farsi vaccinare e desiderano che il loro schema di vaccinazione sia valido all’estero devono informarsi per tempo sulle disposizioni vigenti nei paesi di destinazione. Se del caso, in alternativa alla dose unica di richiamo, è possibile la somministrazione di due dosi di vaccino monovalente a quattro settimane di distanza l’una dell’altra; i costi per queste vaccinazioni sono coperti.

Sarà possibile ricevere la vaccinazione di richiamo nei centri cantonali di Ascona. Quartino, Biasca, Lugano (Besso, Stabile San Carlo), Tesserete e Mendrisio tramite prenotazione sul sito web ti.ch/vaccinazione per i vaccini a mRNA bivalenti di Moderna e Pfizer/BioNTech (quest’ultimo, ricordiamo, non ancora autorizzato in Svizzera), mentre per la somministrazione dei vaccini monovalenti Moderna e Pfizer a mRNA e del vaccino Nuvaxovid è necessaria la prenotazione telefonica al numero 0800 128 128.

È possibile vaccinarsi anche presso una delle farmacie o degli studi medici presenti nell’elenco pubblicato sul sito, tramite contatto diretto con la struttura. Infine, è fruibile anche la modalità "walk-in" senza appuntamento nei giorni indicati sul flyer informativo sul sito ti.ch/vaccinazione. In questi due casi verrà somministrato il vaccino a mRNA bivalente di Moderna.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved