ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
7 min

A Bellinzona torna la ‘Notte dei Pupazzi’

L’iniziativa proposta da BiblioBaobab che promuove la lettura e l’amore per i libri si terrà tra venerdì 2 e sabato 3 dicembre
Bellinzonese
24 min

Concerto del coro femminile ‘La Coralina di Gnosca’ a Bellinzona

Appuntamento per sabato 10 dicembre alle 20 nella chiesa evangelica. Ospite della serata il ‘Christmas Swing Quartet’
Locarnese
54 min

‘MYNUSIO’, luci e suoni per il sottopasso ritrovato

Inaugurata l’opera – che cambia continuamente – concepita dai giovani artisti locarnesi Saul Savarino e Nicholas Andina
Bellinzonese
1 ora

Cade col quad nel fiume a Traversa: morto 29enne bleniese

La vittima ha fatto un volo di dieci metri nel greto del torrente Fruda: stava facendo lavori di giardinaggio accanto alla casa di famiglia
Luganese
1 ora

Lugano, per i più piccoli il Natale a bordo dei battelli

L’8 dicembre sarà l’occasione di viaggiare con San Nicolao. Domenica 18 dicembre toccherà alla ‘Crociera delle fiabe’
Bellinzonese
1 ora

Cima Piazza, più sicurezza grazie a una staccionata più lunga

Il Municipio di Bellinzona ha deciso di aderire parzialmente alle preoccupazioni delle famiglie in merito al parco di Giubiasco
Bellinzonese
1 ora

La busecca di Daro al mercato di Bellinzona

Sabato 3 dicembre in Piazza Collegiata saranno cucinati 600 litri della tradizionale specialità. Distribuzione a partire dalle 11.15
Mendrisiotto
1 ora

Ligornetto, Atte propone una visita al Museo Vela

L’Associazione ticinese terza età invita i soci alla passeggiata culturale che avrà inizio martedì 13 dicembre alle 14 davanti al museo.
Luganese
2 ore

Durante la notte, Massagno spegnerà le luci natalizie

Riguardo all’illuminazione pubblica, il Comune segnala che ‘l’infrastruttura presente dal 2017 ha permesso di ridurre i consumi del 50%’
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso: ‘Eco Himal’ un negozio temporaneo di artigianato

All’interno verranno proposti articoli fatti a mano nepalesi, indiani e ticinesi. Lo shop sarà aperto da martedì 6 a venerdì 23 dicembre.
Bellinzonese
2 ore

Giovani e giustizia: se ne dibatte ad Arbedo

L’Associazione Franca affronta il tema con Raffaele De Rosa, Antonio Perugini e Tessa Pidò
Luganese
2 ore

All’Otaf di Sorengo un mercatino di Natale

L’appuntamento è per domani, 1° dicembre, all’esterno del centro a partire dalle 18. Presenti musica e prodotti gastronomici offerti.
02.10.2022 - 19:08
Aggiornamento: 19:38

Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese

È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza

il-30-degli-anziani-ticinesi-fa-fatica-ad-arrivare-a-fine-mese

In Ticino la percentuale di anziani a beneficio dell’Avs che vivono in condizione di precarietà economica sfiora il 30%, un dato decisamente più alto rispetto al resto della Svizzera. È quanto emerge da un recente studio realizzato a livello nazionale da Pro Senectute. E nella politica cantonale ticinese c’è chi si è subito attivato per avere delle spiegazioni. "Il Consiglio di Stato intende aiutare gli anziani in difficoltà economica, ad esempio erogando aiuti straordinari come era stato fatto per le rendite ponte Covid?". A chiederlo per mezzo di un’interpellanza è il deputato socialista Ivo Durisch, che cita l’indagine pubblicata oggi. "In Ticino il 29,5% degli anziani a beneficio dell’Avs vive nella precarietà. Lo stesso dato di Basilea Città si ferma al 6%". E la situazione nel corso del prossimo anno, scrive Durisch, non può che peggiorare "visti gli aumenti dei premi di cassa malati e l’inflazione sui beni quotidiani".

Un anziano su sette vive sotto la soglia di povertà

Secondo lo studio sono 46mila gli anziani in Svizzera che si trovano in situazione di povertà estrema perché guadagnano meno di 2’279 franchi al mese. "Pro Senectute ha esaminato per la prima volta la situazione finanziaria degli anziani. Il risultato: 295mila persone in età pensionabile sono a rischio povertà e devono accontentarsi di una rendita di circa 2’500 franchi" si legge nell’interpellanza. "Una persona su sette di età superiore ai 65 anni scende al di sotto del limite di 2’279 franchi al mese. Questo importo è considerato la soglia di povertà nel nostro Paese" afferma Durisch. "Si tratta di cifre allarmanti che parlano da sole e non hanno bisogno di alcuno commento", scrive il deputato socialista che chiede anche al governo se fosse cosciente di questa situazione.

Ticino il più colpito con quasi il 30% di pensionati coinvolti

Pro Senectute nella sua indagine evidenzia notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove quasi il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie, mentre Basilea registra il tasso di povertà più basso, ‘solo’ il 6%. Tra le possibili spiegazioni l’associazione suggerisce le situazioni economiche diverse e gli aiuti che vengono dati in ogni cantone, ma anche la tendenza delle zone rurali a cercare meno sostegno. Per Durisch i motivi sono però anche altri: "Sicuramente l’estrema disparità salariale, anche tra uomini e donne, gli stipendi più bassi di tutta la Svizzera e un mercato del lavoro che precarizza sono all’origine di questo ulteriore primato negativo del nostro cantone". La richiesta del deputato è di "promuovere una campagna di sensibilizzazione sulle prestazioni complementari". Questo perché "uno dei motivi di questa situazione potrebbe essere il non ricorso alle prestazioni complementari. Se così fosse allora un rimedio ci sarebbe: combattere il non ricorso alle prestazioni".

Pro Senectute: ‘In caso di razionamento bisogna dare garanzie’

A dirsi pronta a fare la sua parte per migliorare la situazione è anche Pro Senectute: "Se constatiamo che persone anziane particolarmente vulnerabili subiscono gravi limitazioni nella loro vita quotidiana, interverremo", sottolinea Alain Huber, direttore di Pro Senectute Svizzera, citato nel comunicato inviato ai media insieme allo studio. "Anche in caso di razionamento, occorrerebbe garantire che i bisogni di base delle persone a mobilità ridotta possano essere soddisfatti, aggiunge". L’associazione si è detta anche preoccupata per il futuro: "Ci aspettiamo un aumento della povertà nella vecchiaia. Viviamo più a lungo, il lavoro part-time è in voga e ora aumentano anche i prezzi".

Attraverso l’interpellanza Durisch interroga anche il Consiglio di Stato su quando arriverà la risposta alla mozione – presentata a ottobre dello scorso anno insieme al collega Danilo Forini – chiamata "Le prestazioni sociali sono un diritto e non un delitto". In quell’occasione si chiedeva al governo di elaborare una strategia di lotta al non ricorso alle prestazioni sociali. I firmatari proponevano, tra le altre cose, "d’introdurre un monitoraggio periodico qualitativo e quantitativo che verifichi l’entità del non ricorso alle prestazioni sociali".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved