ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
10 min

Pronto il logo degli Esterefatti del Rione Excelsior di Chiasso

L’immagine che raffigura l’indimenticato don Willy in sella alla sua bicicletta sarà presentata mercoledì 7 dicembre in piazza Bernasconi
Mendrisiotto
32 min

Riva San Vitale, un successo il concerto di Gala

La Filarmonica comunale diretta dal maestro Roberto Cereghetti attira un’ampia partecipazione popolare
Bellinzonese
53 min

Il Municipio di Bellinzona incontra i suoi diciottenni

Lunedì 5 dicembre si è tenuta la tradizionale cerimonia in cui l’autorità comunale ha accolto i neomaggiorenni
Ticino
55 min

In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia

Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
2 ore

Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento

Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Locarnese
2 ore

Brione, messa in memoria del Vescovo Togni

A un mese dalla scomparsa verrà celebrata una funzione religiosa domenica prossima. Sev e Fondazione Verzasca organizzano un trasporto gratuito
Luganese
2 ore

Lugano, potenziata l’offerta di trasporto pubblico

Con il nuovo orario, Tpl e Arl aumentano le corse, le frequenze nei fine settimana e il servizio nei quartieri. Nuovo nome per alcune fermate
Grigioni
3 ore

Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano

Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
3 ore

Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili

Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
Ticino
3 ore

Furti e brutte sorprese natalizie, anche quest’anno c’è Prevena

La Polizia cantonale lancia l’operazione di sensibilizzazione contro borseggi e rapine in casa nel periodo natalizio, con uno sguardo alle truffe online
Locarnese
3 ore

Anziana investita sulle strisce pedonali a Solduno, è grave

L’incidente questa mattina a Solduno in via Vallemaggia: vittima un’89enne della regione investita da una 52enne che circolava verso la Vallemaggia
Locarnese
3 ore

Hildebrand, il dottor Paolo Rossi nominato co-primario

Lo ha nominato il Consiglio di Fondazione della Clinica riabilitativa brissaghese.Affianca il dottor Ruggieri, che nel 2024 raggiungerà il pensionamento
Bellinzonese
4 ore

La Società federale di ginnastica Biasca in assemblea

Appuntamento in programma giovedì 15 dicembre alle 20.15 alla Bibliomedia, seguirà rinfresco natalizio
Grigioni
4 ore

Monticelli rinuncia alla sfida, Giudicetti sindaco di Lostallo

Il miglior eletto nell’elezione del Municipio non si è messo a disposizione per la carica, che resta quindi all’uscente in sella dal 1993
Bellinzonese
4 ore

Concerto di Natale nella chiesa parrocchiale di Dongio

Sabato 10 dicembre alle 20.30 il Coro Voce del Brenno sarà accompagnato dal Coro La Valle di Sover
Bellinzonese
4 ore

Anche a Campra si scia: piste aperte da giovedì 8

Gli appassionati dello sci di fondo potranno utilizzare 15 chilometri di percorsi blu e rossi
Bellinzonese
4 ore

Restaurato l’orologio della chiesa parrocchiale di Biasca

I lavori si sono conclusi recentemente e sono costati circa 16mila franchi. Una cifra che è stata completamente coperta grazie alle offerte pervenute
laR
 
24.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:11

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti

cdm-competenze-da-ampliare-o-meccanismi-da-rivedere
Il prossimo 31 dicembre scadrà il mandato del Cdm in carica (Ti-Press)

"Alla luce dell’organizzazione giudiziaria cantonale, che fa capo amministrativamente al Dipartimento delle istituzioni, quindi all’Esecutivo, ci si potrebbe chiedere se non occorra ampliare le competenze del Consiglio della magistratura o quantomeno rivederne alcuni meccanismi come pure i requisiti dei suoi componenti". Lo scrive il governo in una lettera inviata in questi giorni alla commissione granconsiliare ‘Giustizia e diritti’. Lo scrive prendendo spunto dall’iniziativa parlamentare, senza però entrare nel merito della stessa, che il Movimento per il socialismo ha depositato nel gennaio di quest’anno dopo la sentenza, emessa il mese precedente, con la quale il Tribunale d’appello, dando seguito a un’istanza di ricusazione, aveva sconfessato l’operato del Consiglio della magistratura (Cdm) nell’ambito della procedura per il rinnovo, nel 2020, delle cariche al Ministero pubblico. Le dure critiche del Tribunale vertevano in particolare sulle modalità con cui il Cdm aveva valutato le candidature di cinque procuratori, considerandole non idonee, ma poi riabilitate dal Gran Consiglio con la rielezione dei magistrati interessati. Fra le proposte avanzate dall’Mps con l’iniziativa parlamentare, quella di anticipare la scadenza del mandato del Consiglio della magistratura al "31 marzo 2022".

‘Tema importante’

Il Consiglio di Stato "non si esprime sulle richieste degli iniziativisti". Oltretutto superate dagli eventi: il 31 marzo è passato e il Cdm è ancora in carica. Anche se la scadenza ‘naturale’ del suo mandato è vicina (fine dicembre) e nove componenti su dodici, tra membri e supplenti, non solleciteranno la loro riconferma, come si è appreso di recente. Il governo non entra nel merito dell’iniziativa, tuttavia "tiene a precisare l’importanza e il valore del Consiglio della magistratura, nell’ottica del buon funzionamento della magistratura cantonale nonché dell’indipendenza del potere giudiziario per rapporto agli altri poteri dello Stato". La legge, ricorda quindi nella lettera alla ‘Giustizia e diritti’, "riserva a questo gremio (il Cdm, ndr) il potere disciplinare e di sorveglianza sui magistrati e sulle persone che svolgono le funzioni giudiziarie". Fra i suoi compiti "vi sono anche l’esame del funzionamento della giustizia cantonale oltre che la segnalazione di eventuali problemi di natura organizzativa". Negli ultimi anni, aggiunge l’Esecutivo, il Consiglio della magistratura "ha assunto ulteriori incombenze che non sono previste direttamente dalla legge", ma che "si rivelano essenziali nell’ottica del buon funzionamento della giustizia cantonale: si pensi ai preavvisi legati alla designazione da parte del Consiglio di Stato di giudici supplenti ex articolo 24 della Legge sull’organizzazione giudiziaria, come pure a quelli inerenti alle richieste di potenziamento formulate da alcune magistrature permanenti". Ebbene, "alla luce dell’organizzazione giudiziaria cantonale, che fa capo amministrativamente al Dipartimento delle istituzioni, quindi all’Esecutivo, ci si potrebbe chiedere se non occorra ampliare le competenze del Consiglio della magistratura o quantomeno rivederne alcuni meccanismi come pure i requisiti dei suoi componenti". E qui il governo fa alcuni esempi: "Nell’ottica dell’efficacia ed efficienza del sistema giudiziario cantonale, questo gremio potrebbe svolgere una funzione di controllo (in tema di produttività, organizzazione, uso delle risorse ecc.) e di allocazione del personale operante (collaboratori amministrativi e giuridici del potere giudiziario in particolare), oggi non possibile per l’Esecutivo in ragione del principio della separazione dei poteri". Un tema "importante", che il Consiglio di Stato intende affrontare, per il tramite del Dipartimento istituzioni (Divisione giustizia), "con i rappresentanti delle magistrature permanenti in occasione del prossimo incontro", previsto nel gennaio 2023, e "in seguito anche con la commissione" ‘Giustizia e diritti’.

«Abbiamo preso atto della lettera del governo: ne discuteremo al nostro interno al più presto», si limita a dichiarare, contattato dalla ‘Regione’, il presidente della ‘Giustizia e diritti’ Giorgio Galusero (Plr). Dice di più Nicola Corti, primo vicepresidente. «Quelli del governo – sostiene il deputato socialista – sono, ritengo, degli spunti di sicuro interesse per la nostra sottocommissione che, in base al mandato conferito alla ‘Giustizia e diritti’ nel dicembre del 2020 dal Gran Consiglio, quello cioè di approfondire e risolvere le problematiche emerse in occasione della procedura di rinnovo delle cariche in seno al Ministero pubblico, sta verificando se siano necessari interventi sul piano organizzativo e su quello normativo. Le riflessioni riguardano anche ruolo e compiti del Consiglio della magistratura in quel contesto». Riflessioni che vanno però avanti da un pezzo... «La sottocommissione vorrebbe sottoporre delle proposte al plenum commissionale al più tardi a dicembre. L’intento è di portare il dossier in Gran Consiglio il prossimo gennaio», indica Corti, ricordando che il Consiglio della magistratura «sarà comunque interessato a breve da un notevole rimpasto».

Il 14 ottobre l’assemblea dei togati

Secondo la Legge sull’organizzazione giudiziaria, il Cdm si compone di sette membri e cinque supplenti. Tre membri e due supplenti, continua la Log, "devono essere scelti tra i magistrati in carica che svolgono la loro attività a tempo pieno": vengono eletti "dall’assemblea dei magistrati". La quale "designa, tra i membri da essa scelti, il presidente e il vicepresidente del Consiglio della magistratura, che stanno in carica per sei anni". Gli altri componenti del Cdm, i non togati, sono designati dal parlamento. In vista della scadenza, il prossimo 31 dicembre, del mandato del Consiglio della magistratura, il Tribunale d’appello ha convocato per venerdì 14 ottobre al Palazzo di giustizia a Lugano l’Assemblea dei magistrati a tempo pieno. Sarà dunque chiamata a eleggere, per il periodo 1. gennaio 2023 - 31 dicembre 2028, tre membri, due supplenti, il presidente e il vice del Cdm.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved