ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
2 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
2 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
2 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
3 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
4 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
4 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
5 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
6 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
laR
 
17.09.2022 - 05:30

Preture di protezione, informazione a tutto campo

Il Dipartimento istituzioni incontrerà municipi, Arp e cittadini in vista della votazione popolare del 30 ottobre sulla riforma nel settore tutele

preture-di-protezione-informazione-a-tutto-campo
Dal modello amministrativo a quello giudiziario (Ti-Press)

Un ciclo di incontri informativi, promosso dal Dipartimento istituzioni, in vista della votazione popolare del prossimo 30 ottobre sulla riforma in Ticino nel settore delle tutele e curatele. Ovvero sul passaggio, proposto dal Consiglio di Stato e sul quale saranno chiamati a pronunciarsi i cittadini, dal modello amministrativo – basato sulle Autorità regionali di protezione (oggi le Arp sono sedici), che fanno capo ai Comuni – a quello giudiziario, con l’introduzione di Preture specifiche, le Preture di protezione, e la conseguente ‘cantonalizzazione’ dell’apparato. Il primo incontro è in agenda per mercoledì 28 settembre: sarà riservato ai rappresentanti dei Municipi e si terrà, con inizio alle 20, a Lugano-Trevano, all’Auditorium del Centro professionale tecnico. Il secondo sarà rivolto alle Autorità regionali di protezione. Il terzo è in programma per martedì 11 ottobre, quando il Dipartimento istituzioni incontrerà la popolazione. La località è ancora da definire. Una volta individuata, comunicherà i dettagli dell’appuntamento.

Come scrive lo stesso Dipartimento ai Municipi, segnalando loro la serata del 28, il Gran Consiglio in giugno ha detto sì alla modifica della Costituzione cantonale "tesa all’istituzione delle Preture di protezione, nuove autorità giudiziarie cantonali, in sostituzione delle attuali Autorità regionali di protezione, già Delegazioni tutorie comunali e Commissioni tutorie regionali", facenti capo ai Comuni "sin dal 1803". Questa "storica riforma" per il Ticino "richiede l’approvazione da parte delle cittadine e dei cittadini del principio sostanziale del passaggio dalle Autorità regionali di protezione, il cui funzionamento è di competenza dei Comuni, alle nuove Preture di protezione, tribunali cantonali". Il 30 ottobre parola quindi al popolo, che deciderà se adottare il modello giudiziario, ancorando alla Costituzione ticinese una nuova figura di magistrato, cioè il Pretore di protezione, e l’autorità di nomina. I Pretori di protezione, i Pretori di protezione aggiunti, nonché gli specialisti che affiancheranno i magistrati nello stabilire le misure di protezione da implementare, saranno eletti, secondo il progetto di riforma, dal Gran Consiglio. In caso di luce verde delle urne, il parlamento affronterà gli altri aspetti (procedurali, finanziari...) della riorganizzazione del settore.

‘Cambiamento non indifferente nei rapporti fra cittadino e Stato’

«Con questi incontri – spiega, raggiunto dalla ‘Regione’, il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi – intendiamo presentare in maniera approfondita contenuti e obiettivi della riforma, rispondendo alle eventuali domande. Quello che si prospetta è infatti un cambiamento non indifferente nei rapporti tra cittadini e Stato» in un ambito importante e delicato. Sulla bontà della riforma, Gobbi, che ai previsti incontri parteciperà con la direttrice della Divisione giustizia Frida Andreotti, non ha dubbi: «Una volta, come spero, implementata, garantirà fra l’altro uniformità di prassi su tutto il territorio cantonale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved