ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
6 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
8 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
8 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
8 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
8 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
8 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
9 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
9 ore

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
9 ore

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
10 ore

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
Bellinzonese
10 ore

A Campo Blenio torna la passeggiata enogastronomica  

‘A Scpass in Sorasosct’ in agenda domenica 5 marzo. Iscrizioni aperte a partire dal 1° febbraio
Ticino
10 ore

Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’

Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Bellinzonese
10 ore

EspaceSuisse, assemblea e conferenza a Bellinzona

Giovedì 9 febbraio nella sala del Consiglio comunale è prevista una serata pubblica sul tema ‘La pianificazione del territorio di fronte alle nuove sfide’
Locarnese
10 ore

Gordola fa Carnevale al Centro manifestazioni e nei bar

Da giovedì a sabato con Re e Regina Zeca animazioni per tutte le età, abbondanti libagioni e dj set con entrata gratuita
Locarnese
10 ore

Gordemo, arriva (con gusto) il Carnevale in piazza

Libagioni protagoniste ai festeggiamenti, previsti domenica prossima, 5 febbraio, grazie alla Società Ricreativa
Locarnese
10 ore

Campo Vallemaggia, fondi al recupero di edifici e muri a secco

Dalla Fondazione per la tutela del paesaggio un sostegno economico a favore della salvaguardia dei preziosi paesaggi culturali nelle regioni di montagna
laR
 
25.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:50

‘Autori di violenza domestica, seguito psicologico obbligatorio’

La richiesta al governo arriva con un‘iniziativa di Gardenghi (Verdi) e Fonio (Centro): ’Serve fare un passo in più, l’emergenza merita molta attenzione’

autori-di-violenza-domestica-seguito-psicologico-obbligatorio
Ti-Press
‘Il problema ci preoccupa sempre di più’

Gli autori di violenza domestica e stalking devono essere obbligati a un seguito psicologico. A chiederlo al Consiglio di Stato, con un’iniziativa parlamentare elaborata, sono i deputati Cristina Gardenghi (Verdi) e Giorgio Fonio (Il Centro/Ppd). L’articolo 9a della Legge sulla polizia attualmente in vigore, si legge nell’atto parlamentare, "prevede la chiamata dell’Ufficio dell’assistenza riabilitativa con la possibilità di una consulenza. L’interessato può però sempre rifiutare tale aiuto". Ebbene, "visto anche l’aumento della violenza riscontrato da vari specialisti dopo questo biennio di pandemia, si ritiene necessario creare una base legale che permetta all’Ufficiale di polizia o all’assistenza riabilitativa di ingiungere agli autori di violenza un approfondimento psicologico o psichiatrico".

In Ticino tre interventi al giorno per liti domestiche

Il fenomeno preoccupa, perché "oggi in Ticino la polizia interviene tre volte al giorno per liti domestiche. Nel 2021 in Svizzera vi sono stati 20 femminicidi". E l’attuale normativa cantonale "mette l’accento sulla protezione delle vittime, e informa l’autore sulle possibilità di sostegno offerte dall’Ufficio dell’assistenza riabilitativa, sperando che l’autore sia in grado di capire che necessita un aiuto". In sintesi, "la legge non obbliga l’aggressore a un seguito psicologico. Anzi, con l’articolo 9a della Legge sulla polizia il legislatore sembra illudersi che l’aggressore, allontanandosi dal ‘suo’ destino, possa ‘guarire’ spontaneamente dalla sua aggressività". È così? I due granconsiglieri non ne sono convinti: "Purtroppo – scrivono infatti – la realtà non è sempre così, anzi, quasi mai. Casi anche eclatanti hanno dimostrato che dopo uno o più allontanamenti l’escalation di violenza non di rado aumenti e addirittura provochi il cosiddetto atto irreparabile. Potendo comprendere il disagio, o peggio la turba psichica, dell’aggressore sicuramente si garantirebbe una maggior tutela delle vittime".

‘Permetterebbe allo specialista di stabilire le misure appropriate’

Insomma, "l’obbligo di un seguito psicologico permetterebbe allo specialista di valutare l’equilibrio dell’aggressore nel tempo e, se del caso, stabilire le misure sanitarie appropriate, aiutandolo a incanalare in un altro modo la propria problematica", scrivono Gardenghi e Fonio. Lo specialista, "relazionando all’autorità le permetterà di proporre i provvedimenti più adatti alla fattispecie. Questo strumento deve anche essere inteso come un mezzo preventivo, ma in ogni caso deve accompagnare la misura dell’accompagnamento".

Gardenghi: ‘L’attuale apparato legislativo non risolve il problema alla radice’

«L’attuale apparato legislativo in materia di violenza domestica e stalking mette l’accento sulla protezione delle vittime, che è certamente importante, ma non risolve il problema alla radice», commenta a ‘laRegione’ Gardenghi. Di conseguenza, «l’obbligo di un seguito psicologico per gli autori delle violenze aiuta da una parte le autorità a capire se vi è un pericolo di recidiva, permettendo quindi di adottare misure preventive per evitare che la persona in questione compia altri atti simili e arrivi magari anche al cosiddetto atto irreparabile». Dall’altra parte, sottolinea ancora Gardenghi, «questa misura pone l’autore delle violenze di fronte alle sue responsabilità e offre un’importante opportunità di capire e cominciare ad affrontare i propri demoni, spesso all’origine dei comportamenti violenti».

Fonio: ‘Chi maltratta una donna e resta in giro è una bomba a orologeria’

«La violenza domestica è uno dei grandi problemi, e dei più preoccupanti, della nostra società» sottolinea dal canto suo Fonio. E la politica «ha l’obbligo morale di interrogarsi su quanto succede in questa società. La pandemia, probabilmente, ha avuto tra i suoi strascichi anche l’ampliamento della portata della violenza domestica e ritengo necessario chinarsi con attenzione su questo dramma che provoca dolore in tante persone».

Anche perché, prosegue Fonio, «a tema violenza domestica, come se non bastasse, nasce anche un altro problema: ci sono segnalazioni e denunce delle vittime, in grandissima parte donne, ma ci sono anche molte altre persone che non denunciano perché hanno paura. Noi – dice ancora il deputato del Centro – proponiamo questa modifica che nasce ascoltando chi opera sul territorio, le associazioni che aiutano le donne avendo a che fare con situazioni, purtroppo, di vita reale. Riteniamo che con questa proposta potremmo dare un ulteriore impulso a fare passi avanti nella lotta contro la violenza domestica».

Non solo. L’auspicio che accompagna questa iniziativa è duplice: «Innanzitutto proteggere e tutelare le vittime – spiega Fonio –. Ma chi oggi maltratta una donna, può essere semplicemente allontanato e diventare una bomba a orologeria in giro: con questo obbligo di un seguito psicologico la speranza è monitorare, fermare e anche aiutare da un certo punto di vista la persona, che non può rimanere sola ma va accompagnata in un percorso di recupero».

Gardenghi e Fonio sono i primi firmatari, ma l’iniziativa parlamentare trova le firme di un esponente di ogni partito che fa gruppo in Gran Consiglio. Un buon viatico per un iter veloce e una prova del fatto che la politica cantonale è sensibile al tema? «Certo, ma direi soprattutto che le firme da parte di tutti i gruppi mostrano come questa iniziativa non abbia un colore politico, per tutti è un problema prioritario e ci interessa che a breve venga affrontato con ancor più vigore».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved