ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
7 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
7 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
7 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
9 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
9 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
10 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
10 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
10 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
12 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
12 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
13 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
13 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
13 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
14 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
laR
 
25.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:16

Ccl benzinai, ‘l’eccezione ticinese non è giustificata’

L’associazione nazionale risponde alle critiche dei colleghi: ‘Invitati alle trattative ma hanno rifiutato. Per loro i salari minimi sono più bassi’

ccl-benzinai-l-eccezione-ticinese-non-e-giustificata
Ti-Press
Chiara Landi (Unia): ‘I prezzi del carburante in Ticino sono gli stessi della Svizzera interna, anzi...’

Non ci sta l’Associazione gestori di negozi delle stazioni di servizio in Svizzera (Agss) alle critiche espresse dai colleghi ticinesi sul tema del contratto collettivo di lavoro (Ccl). Settimana scorsa, lo ricordiamo, avevamo dato notizia delle opposizioni inoltrate alla Segreteria di Stato dell’economia (Seco) da diversi benzinai ticinesi – oltre all’associazione cantonale di categoria – contro l’estensione dei salari minimi previsti dal Ccl anche in Ticino, attualmente unico cantone dove non sono presenti. Le stazioni ticinesi denunciavano anche un loro mancato coinvolgimento nelle trattative avvenute con i sindacati e l’associazione degli impiegati di commercio. «È sbagliato affermare che i negozi ticinesi non sono stati invitati alle trattative» spiega a ‘laRegione’ Ueli Bamert, vicepresidente dell’Agss. «Abbiamo offerto più volte al direttivo dell’Associazione ticinese delle stazioni di rifornimento di accompagnarci alle trattative con le parti sociali. Ma solo a condizione che l’azienda che partecipava diventasse membro della nostra associazione nazionale. La richiesta è stata respinta». I benzinai ticinesi ritengono inoltre non raggiunto il quorum dei datori di lavoro necessario per rendere valida la modifica. "L’impressione è quella che i grandi gruppi tentino di mettere in difficoltà piccole realtà come la nostra, imponendo salari insostenibili", si leggeva in una delle lettere recapitate a Berna.

Ueli Bamert: ‘Per il Ticino una categoria salariale specifica’

A essere al centro delle opposizioni sono proprio i minimi salariali, ritenuti "sproporzionati per la realtà ticinese". Un’argomentazione che non convince Bamert: «Il nostro salario minimo si basa su quello di settori simili, come ad esempio la gastronomia. Rientra quindi in una forchetta già utilizzata». Ma quali sono le cifre di cui si sta parlando? Una retribuzione oraria di 19,95 franchi per personale senza formazione, che sale fino a 21,98 per personale con formazione professionale triennale o quadriennale. Il problema, avverte il vice presidente, è la disparità di trattamento con le altre regioni: «Se l’eccezione per il Ticino verrà mantenuta, altre aree vicine al confine richiederanno sicuramente un’eccezione, ad esempio il canton Giura o il Vallese». Il Ticino, riconosce Bamert, ha però un tessuto socioeconomico diverso rispetto al resto della Svizzera. «Di questo si è tenuto conto. Abbiamo elaborato una categoria salariale separata per il Ticino. In futuro i distributori di benzina a sud della Alpi dovranno pagare un salario minimo significativamente più basso rispetto a tutti gli altri cantoni».

Chiara Landi (Unia): ‘Salari inferiori in Ticino non sono accettabili’

A replicare alle opposizioni dei benzinai ticinesi è anche Chiara Landi, responsabile cantonale di Unia per il settore terziario. «Il Consiglio federale nel 2017 aveva riconosciuto una particolarità socioeconomica ticinese, affermando che i benzinai ticinesi avrebbero necessitato di più tempo per adeguarsi. Con il nuovo Ccl sono stati previsti salari scalari e si è istituita una categoria salariale ad hoc per il nostro cantone. Non sono quindi accettabili le argomentazioni degli oppositori». I sindacati contestano anche la differenza regionale che giustifica una classe salariale inferiore per il Ticino. «Il prezzo del carburante a sud delle Alpi è uguale a quello della Svizzera interna, se non addirittura maggiore. Lo stesso vale per i prodotti venduti nei negozi annessi». I benzinai contrari alla modifica hanno fatto però notare che nessuno si è opposto a inizio anno al rinnovo del Ccl. «Certo – replica Landi –. A inizio anno è stato solo prorogato il vecchio Ccl in scadenza, in attesa di concludere le trattative e arrivare alle modifiche degli scorsi mesi. Un aspetto che le parti coinvolte sapevano bene».

‘Nelle opposizioni si legge una grande idea classista’

L’attesa è ora per sapere quale sarà la risposta della autorità alle opposizioni. «Poi valuteremo cosa fare, anche se restiamo fiduciosi che le loro argomentazioni vengano respinte», dice la sindacalista. Nel frattempo il sindacato ha fatto sapere che avviserà i lavoratori. «Le lettere recapitate a Berna dai benzinai mostrano tutta l’ipocrisia classista emersa durante il lockdown. Quelle che in periodo di pandemia venivano definite ‘professioni fondamentali’ ora sono definite lavori umili che i ticinesi non vogliono fare», sostiene Landi, che aggiunge: «Se la professione è poco attrattiva per i ticinesi è perché i livelli salariali sono molto bassi, senza dimenticare che stiamo parlando di mansioni a volte anche pericolose, soprattutto in Ticino. Basta vedere il numero di rapine che c’è ogni anno sulla fascia di confine». Il settore, facciamo notare a Landi, sta però vivendo un periodo difficile. I prezzi della benzina sono alti e i clienti si recano in Italia, dove sono state tagliate le accise sui carburanti. «La situazione si è invertita rispetto al passato, quando sono stati i benzinai ticinesi a beneficiare della differenza d’imposizione fiscale. Ma ci troviamo in una situazione transitoria. Il mercato ritornerà sicuramente alla normalità».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved