ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
56 min

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
1 ora

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
1 ora

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
1 ora

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
1 ora

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
1 ora

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
2 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
2 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
2 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
2 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
3 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
3 ore

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
3 ore

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
Locarnese
3 ore

Apprendisti vodesi in visita all’Ida Foce Ticino a Gordola

Una sessantina fra apprendisti operatori di edifici e infrastrutture e addetti alle pulizie in viaggio di studio
laR
 
19.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:51

Il Plr: ‘Energia, sfruttare meglio la centrale della Verzasca’

Idroelettrico, con una mozione Terraneo chiede di aggiornare lo studio sulla costruzione di una stazione di pompaggio e turbinaggio: ‘Soluzione pratica’

il-plr-energia-sfruttare-meglio-la-centrale-della-verzasca
Ti-Press
Speziali: ‘Non va lasciata inesplorata alcuna via’

Aggiornare lo studio per trasformare la centrale idroelettrica della Verzasca in una stazione di pompaggio e turbinaggio, col fine di incrementare la produzione indigena di energia idroelettrica. A chiederlo è il Plr, con una mozione inoltrata al Consiglio di Stato – a nome di tutto il gruppo parlamentare – dal deputato al Gran Consiglio Omar Terraneo.

L’incarico è ovviamente assegnato al governo, ma in collaborazione con l’Azienda elettrica ticinese e la Città di Lugano. Ed è un aggiornamento "fondamentale" visti "i cambiamenti in corso in questo campo, in particolare in relazione alle prospettive future del mercato idroelettrico e al progresso tecnologico intercorso negli ultimi vent’anni". Già, vent’anni. Perché la richiesta dei liberali radicali si inserisce in un solco già battuto, e non da ieri: "Già nel 1972 in un documento dell’Ufficio federale dell’economia delle acque si spiegava come tecnicamente questa possibilità fosse realizzabile". Di più: "Nel 2003 lo stesso progetto è stato aggiornato prevedendo la fattibilità con un investimento di 190 milioni di franchi".

Il tutto perché, continua a ripercorrere le tappe Terraneo, "l’ingegner Giovanni Lombardi, persona sicuramente lungimirante, al momento di realizzare la centrale della Verzasca ha predisposto che la stessa fosse situata sotto la superficie, all’altezza del Lago Maggiore, permettendo quindi in futuro la possibilità di trasformare l’attuale centrale di turbinaggio anche in una stazione di pompaggio andando proprio ad attingere l’acqua direttamente dal lago".

Un progetto ritenuto fattibile, si diceva, e ambizioso. Ma sono i tempi che stiamo vivendo che portano a sfruttare le possibilità quando esse si creano. È lo stesso deputato liberale radicale nel suo atto parlamentare a ricordare che "l’avvento della guerra in Ucraina, congiuntamente agli obiettivi della Strategia energetica 2050 che ci siamo prefissati, oltre all’aumento esponenziale dei costi dell’energia lasciano presagire che in Svizzera potrebbero esserci delle interruzioni di fornitura di energia già a partire dal prossimo inverno". I tanto temuti blackout o razionamenti, insomma. E siccome "la garanzia di approvvigionamento energetico è più che mai l’imminente e importante obiettivo da perseguire nell’immediato futuro", qualcosa va fatto. E subito.

Una delle grosse sfide in campo energetico, sottolinea ancora Terraneo, "oltre all’aumento della produzione indigena da fonti rinnovabili", è costituita "dalla possibilità di immagazzinare l’energia nei momenti del giorno, e nei periodi dell’anno, in cui questa è disponibile in quantità superiore al consumo per poi utilizzarla quando, invece, la produzione in particolare del fotovoltaico non è sufficiente (in inverno) o è assente (di notte)".

Proprio per questi scopi "i laghi con delle centrali idroelettriche costituiscono delle vere e proprie soluzioni". Come? "Con le stazioni di pompaggio l’energia può essere immagazzinata, mentre con le centrali di turbinaggio questa energia può venire, in un secondo momento, rilasciata".

‘Meno dipendenza dal mercato, i prezzi ora oscillano molto’

«È un progetto che può davvero svilupparsi», sottolinea Terraneo a ‘laRegione’. Si tratta, più che altro, «di aggiornare uno studio e capire la portata dell’investimento». Ciò che per il deputato del Plr è importante sottolineare è che «questa possibilità ci renderebbe meno dipendenti dalle oscillazioni dei prezzi, che soprattutto in questo ultimo periodo sono molto altalenanti e per il futuro non lasciano ben sperare». Questa soluzione «permetterebbe di usare la stazione di pompaggio quando l’energia costa poco, e quella di turbinaggio quando costa di più. Contribuendo così ad affrontare il tema dell’approvvigionamento da più versanti».

«Siamo in un momento storico in cui non possiamo lasciare inesplorata alcuna via per assicurare due obiettivi», commenta dal canto suo il presidente liberale radicale Alessandro Speziali. Obiettivi che sono «da una parte la sicurezza dell’approvvigionamento energetico, cruciale per famiglie e imprese, dall’altra un costo socialmente sopportabile della corrente elettrica». La mozione di Terraneo, riprende Speziali, «ha il pregio di ripescare un’intuizione di qualche decennio fa che è senz’altro interessante aggiornare, sfruttando una delle nostre maggiori risorse naturali: l’acqua. E in questo senso apro un inciso da scrivere in grassetto: da subito è fondamentale che il Ticino – alleato con gli altri Cantoni alpini – possa riappropriarsi delle proprie acque, assicurando tra l’altro ossigeno (ovvero introiti finanziari) anche alle nostre valli, custodi di fiumi e sorgenti. Una lotta politica cruciale visti gli appetiti energetici, e non solo, di grossi Cantoni della Svizzera interna».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved