ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
13 min

Laveggio in... bianco: c’è finita della polvere d’argilla

Sul posto Pompieri e tecnici del Dipartimento del territorio: sospesi i lavori in un cantiere a Stabio. I pescatori vigilano
Locarnese
18 min

A Intragna le pratiche postali si fanno al San Donato

Dal primo febbraio la Casa anziani accoglierà, all’entrata, la filiale della Posta. Un’insolita collaborazione che animerà, ulteriormente, l’istituto
Locarnese
34 min

Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide

A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
42 min

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
48 min

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
1 ora

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
3 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
3 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
4 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
4 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
4 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
4 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
Bellinzonese
4 ore

Comizio distrettuale del Plr di Bellinzona a Giubiasco

Appuntamento con i candidati del distretto per sabato 11 febbraio alle 11 al Mercato coperto
Ticino
4 ore

Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale

La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13.30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
laR
 
19.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:51

Il Plr: ‘Energia, sfruttare meglio la centrale della Verzasca’

Idroelettrico, con una mozione Terraneo chiede di aggiornare lo studio sulla costruzione di una stazione di pompaggio e turbinaggio: ‘Soluzione pratica’

il-plr-energia-sfruttare-meglio-la-centrale-della-verzasca
Ti-Press
Speziali: ‘Non va lasciata inesplorata alcuna via’

Aggiornare lo studio per trasformare la centrale idroelettrica della Verzasca in una stazione di pompaggio e turbinaggio, col fine di incrementare la produzione indigena di energia idroelettrica. A chiederlo è il Plr, con una mozione inoltrata al Consiglio di Stato – a nome di tutto il gruppo parlamentare – dal deputato al Gran Consiglio Omar Terraneo.

L’incarico è ovviamente assegnato al governo, ma in collaborazione con l’Azienda elettrica ticinese e la Città di Lugano. Ed è un aggiornamento "fondamentale" visti "i cambiamenti in corso in questo campo, in particolare in relazione alle prospettive future del mercato idroelettrico e al progresso tecnologico intercorso negli ultimi vent’anni". Già, vent’anni. Perché la richiesta dei liberali radicali si inserisce in un solco già battuto, e non da ieri: "Già nel 1972 in un documento dell’Ufficio federale dell’economia delle acque si spiegava come tecnicamente questa possibilità fosse realizzabile". Di più: "Nel 2003 lo stesso progetto è stato aggiornato prevedendo la fattibilità con un investimento di 190 milioni di franchi".

Il tutto perché, continua a ripercorrere le tappe Terraneo, "l’ingegner Giovanni Lombardi, persona sicuramente lungimirante, al momento di realizzare la centrale della Verzasca ha predisposto che la stessa fosse situata sotto la superficie, all’altezza del Lago Maggiore, permettendo quindi in futuro la possibilità di trasformare l’attuale centrale di turbinaggio anche in una stazione di pompaggio andando proprio ad attingere l’acqua direttamente dal lago".

Un progetto ritenuto fattibile, si diceva, e ambizioso. Ma sono i tempi che stiamo vivendo che portano a sfruttare le possibilità quando esse si creano. È lo stesso deputato liberale radicale nel suo atto parlamentare a ricordare che "l’avvento della guerra in Ucraina, congiuntamente agli obiettivi della Strategia energetica 2050 che ci siamo prefissati, oltre all’aumento esponenziale dei costi dell’energia lasciano presagire che in Svizzera potrebbero esserci delle interruzioni di fornitura di energia già a partire dal prossimo inverno". I tanto temuti blackout o razionamenti, insomma. E siccome "la garanzia di approvvigionamento energetico è più che mai l’imminente e importante obiettivo da perseguire nell’immediato futuro", qualcosa va fatto. E subito.

Una delle grosse sfide in campo energetico, sottolinea ancora Terraneo, "oltre all’aumento della produzione indigena da fonti rinnovabili", è costituita "dalla possibilità di immagazzinare l’energia nei momenti del giorno, e nei periodi dell’anno, in cui questa è disponibile in quantità superiore al consumo per poi utilizzarla quando, invece, la produzione in particolare del fotovoltaico non è sufficiente (in inverno) o è assente (di notte)".

Proprio per questi scopi "i laghi con delle centrali idroelettriche costituiscono delle vere e proprie soluzioni". Come? "Con le stazioni di pompaggio l’energia può essere immagazzinata, mentre con le centrali di turbinaggio questa energia può venire, in un secondo momento, rilasciata".

‘Meno dipendenza dal mercato, i prezzi ora oscillano molto’

«È un progetto che può davvero svilupparsi», sottolinea Terraneo a ‘laRegione’. Si tratta, più che altro, «di aggiornare uno studio e capire la portata dell’investimento». Ciò che per il deputato del Plr è importante sottolineare è che «questa possibilità ci renderebbe meno dipendenti dalle oscillazioni dei prezzi, che soprattutto in questo ultimo periodo sono molto altalenanti e per il futuro non lasciano ben sperare». Questa soluzione «permetterebbe di usare la stazione di pompaggio quando l’energia costa poco, e quella di turbinaggio quando costa di più. Contribuendo così ad affrontare il tema dell’approvvigionamento da più versanti».

«Siamo in un momento storico in cui non possiamo lasciare inesplorata alcuna via per assicurare due obiettivi», commenta dal canto suo il presidente liberale radicale Alessandro Speziali. Obiettivi che sono «da una parte la sicurezza dell’approvvigionamento energetico, cruciale per famiglie e imprese, dall’altra un costo socialmente sopportabile della corrente elettrica». La mozione di Terraneo, riprende Speziali, «ha il pregio di ripescare un’intuizione di qualche decennio fa che è senz’altro interessante aggiornare, sfruttando una delle nostre maggiori risorse naturali: l’acqua. E in questo senso apro un inciso da scrivere in grassetto: da subito è fondamentale che il Ticino – alleato con gli altri Cantoni alpini – possa riappropriarsi delle proprie acque, assicurando tra l’altro ossigeno (ovvero introiti finanziari) anche alle nostre valli, custodi di fiumi e sorgenti. Una lotta politica cruciale visti gli appetiti energetici, e non solo, di grossi Cantoni della Svizzera interna».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved