ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 min

A Paradiso si parla di gotta e pseudogotta

In programma una conferenza pubblica martedì 4 ottobre alla sala multiuso con ospite il dottor Numa Masina
Mendrisiotto
13 min

Basso Mendrisiotto, ‘siano scelte consapevoli e responsabili’

Alla vigilia dell’incontro che riunirà i sindaci al tavolo, abbiamo parlato con il capo sezione Enti Locali Marzio Della Santa
Locarnese
41 min

La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada

Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Mendrisiotto
5 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
5 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
11 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
11 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
13 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
13 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
14 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
14 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
14 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
14 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
15 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
16.08.2022 - 17:47
Aggiornamento: 19:01

Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga

Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale

di Marco Marelli
costo-benzina-sulla-fascia-di-confine-la-forbice-si-allarga

È una forbice che continua ad allagarsi, quella dei prezzi dei carburanti praticati al di qua e al di là della frontiera. Anche a Como dove il pieno costa di più, rispetto alle pompe dei comuni di frontiera. Succede così da sempre, e tutto le volte che si è cercato di capire i motivi per cui a Como la benzina debba costare di più e quindi rimuoverli si è fatto un buco nell’acqua. Nel corso degli anni si è spesso individuato nella ‘carta sconto benzina’ la causa trascinante verso l’alto dei prezzi praticati nel capoluogo lariano. La ‘carta sconto benzina’ ormai da oltre un anno è finita in soffitta. Non altrettanto è accaduto per la benzina mediamente più cara a Como che, ad esempio, a Bizzarone o Cernobbio. Per non dire Cantù dove in questi giorni sono sufficienti 1,718 euro per un litro di benzina, sia in modalità servito che self: il costo più basso della benzina nella città del mobile e della pallacanestro, 1,749 euro per il gasolio. Di pochi centesimi in più i prezzi negli altri distributori ‘terzisti’, quelli senza il logo delle grandi compagnie petroliferi, che comunque sono tutte sotto 1,80 euro al litro per la benzina, e 1,82 euro per il gasolio. Prezzi per certi aspetti impietosi se confrontati con quelli praticati in due distributori di Chiasso (Piccadilly e Eni, entrambi in via Comacini): 2,20 euro al litro la benzina, 2,38 euro il gasolio. I prezzi sino qui elencati sono stati rilevati il 13 agosto.

A Como lo scorso sabato le benzina costava da un minimo di 1,78 euro al litro in modalità self (2,104 euro al litro il servito) a un massimo 1,859 euro il self e 2,120 il servito. Quello del costo dei carburanti in modalità servito sembra essere virtuale (anche se ovviamente nella colonnina dei distributori è reale), in quanto il 95 per cento (e non poteva essere diversamente) degli automobilisti fa il pieno in modalità self, anche perché è sempre possibile pagare con bancomat e carta di credito.

Prevista un’ulteriore proroga

Dopo questo lungo elenco di prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera necessari per documentare come nelle ultimissime settimane la forbice dei prezzi si è allargata, c’è da dire che i carburanti stanno beneficiando del continuo calo del costo del petrolio, salito alle stelle a seguito dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia di Putin. C’è anche da ricordare che in occasione dell’ultimo decreto aiuti varato dal governo Draghi è stato confermato il taglio complessivo di 30,5 centesimi al litro, di cui 25 centesimi dalle accise e 5,5 centesimi dall’Iva. Cosa che in Svizzera il Consiglio federale non ha mai ritenuto di dover fare, mentre recentemente lo ha deciso il governo francese che ha introdotto un taglio di 18 centesimi al litro. Lo sconto introdotto in Italia la fine dello scorso marzo è stato prorogato sino a martedì 20 settembre. Cinque giorni dopo ci saranno le elezioni politiche per il rinnovo del parlamento italiano. Già da ora è prevista una ennesima proroga che potrebbe arrivare sino alla fine dell’anno e che ricordiamo ha avuto anche l’effetto di registrare quello che nessuno poteva immaginare: una inversione a 180 gradi, in uno dei commerci di frontiera che ha contribuito a fare la storia dei commerci di confine, ovverosia il pieno di benzina, a prezzo scontato.

Pendolarismo alla rovescia

Insomma, il pendolarismo alla rovescia, con gli automobilisti svizzeri, in coda alle stazioni di servizio, lungo l’intera fascia di confine dal Vallese ai Grigioni, passando dal Ticino. A beneficiare maggiormente i benzinai delle province di Como e di Varese, per la calata degli automobilisti ticinesi che con gli attuali prezzi sono tornati a crescere. Con un pieno di 50 litri il risparmio può arrivare sino a 20 euro. Quanto basta per comprendere le sempre più diffuse preoccupazioni da parte dei benzinai ticinesi della fascia di confine che per il tramite delle loro organizzazioni di categoria hanno segnalato chiusure di attività e ridimensionamento dei livelli occupazionali (a perdere il lavoro sono soprattutto frontalieri). Su questo versante appare impossibile prevedere una inversione di tendenza in quanto la differenza dei prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera sono destinati a durare ancora a lungo. Continueranno a mancare i frontalieri che tornati a fare il pieno nei distributori sotto casa, continueranno a farlo. Se un automobilista ticinese deve mettere nel conto il costo del trasferimento e del tempo necessario per raggiungere un distributore a Como (e dintorni), per i frontalieri è tutto più comodo.

Un’ultima annotazione per dire che in questo periodo estivo chi nella vendita di carburanti sta registrando una crescita senza precedenti sono le stazioni di servizio Lario Ovest e Lario Est che si incontrano lungo l’autostrada dei Laghi, a una dozzina di chilometri dalla dogana di Brogeda. I turisti svizzeri sia all’andata che al ritorno non mancano di fare il pieno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved