ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
3 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
9 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
10 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
11 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
11 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
12 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
13 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
13 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
13 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
14 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
14 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
14 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
14 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
14 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
14 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
15 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
15 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
laR
 
13.08.2022 - 05:10
Aggiornamento: 09:40

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’

aspettando-godot-e-greta-gysin-l-area-rossoverde-attende
Ti-Press
Il discorso d’area proseguirà comunque

Aspettando Godot... e Greta Gysin. Si candiderà al Consiglio di Stato? La deputata ecologista al Nazionale sarà o non sarà nella prospettata lista unitaria Ps-Verdi? Una decisione di Gysin, già parlamentare cantonale, dovrebbe essere imminente. Dovrebbe. «Il mio auspicio è che comunque entro la fine di questo mese Gysin ci comunichi le sue intenzioni – dice, contattata dalla ’Regione’, Samantha Bourgoin, che con il collega di Gran Consiglio Marco Noi coordina i Verdi ticinesi –. Entro fine mese, si augura dunque Bourgoin.

E ciò «affinché a settembre la nostra commissione cerca che si sta occupando delle candidature per le elezioni cantonali del 2023 possa cominciare a lavorare a pieno regime, avendo avuto una prima importante indicazione in un senso o nell’altro».

Elezioni 2023, che per quanto riguarda la corsa al Consiglio di Stato ha registrato, qualche mese fa a sinistra, l’avvio fra i vertici di Ps (i co-presidenti Laura Riget e Fabrizio Sirica) e Verdi (Bourgoin e Noi), con la benedizione della base dei due partiti, di trattative per verificare la possibilità di dar vita a una lista unica. Bourgoin: «Con i socialisti e il Forum alternativo stiamo allestendo una piattaforma: un documento, su una serie di temi di società e di governo, che contiamo di sottoporre al nostro Comitato cantonale, la data dobbiamo ancora fissarla, tra fine agosto e i primi di settembre. Temi e proposte per dare una svolta all’azione del Consiglio di Stato, oggi troppo spostato a destra e non abbastanza attento alle emergenze».

Tutto questo, tiene a chiarire la granconsigliera ecologista, «viene portato avanti, indipendentemente da quella che sarà la scelta della nostra consigliera nazionale, a prescindere cioè dalla sua presenza o meno in lista, poiché come co-coordinatrice dei Verdi credo, e non solo io, in questa unione di forze e nella sua utilità nella corsa al governo». Sulla composizione della squadra, Bourgoin ribadisce «la necessità della formula due, due, uno: due Verdi, due socialisti e un rappresentante della società civile con sensibilità progressiste». Come l’ex rettore Boas Erez?

Muschietti (Ps): ‘Il Ps abbia tre nomi’

Nel Ps però non la pensano tutti così. «Andiamo avanti e ci mancherebbe altro, la nostra mozione è per la trasparenza e per il rispetto delle proporzioni dei due partiti: con o senza Greta Gysin nei Verdi, noi chiediamo che il Ps abbia tre nomi in lista e gli ecologisti due». Da noi interpellato in casa socialista non arretra di un millimetro Matteo Muschietti, che circa un mese fa assieme al vicepresidente Evaristo Roncelli e a Lauro Degiorgi ha firmato la mozione con cui la minoranza del Ps ha chiesto una conferenza cantonale in luogo del Comitato cantonale previsto il 7 settembre, che sulla lista unica ci siano - appunto - tre nomi socialisti e due ecologisti, e che non ci fossero veti incrociati sulla scelta dei rispettivi candidati. Perché questa conferenza abbia luogo, la mozione dovrà essere forte della firma di un ventesimo degli iscritti al Ps, circa una cinquantina: «Siamo a un buonissimo punto, e la cosa ci soddisfa molto. Entro i termini previsti le consegneremo, ci incontreremo attorno al 20 agosto e faremo il punto della situazione» spiega Muschietti.

Che ribadisce l’importanza della loro iniziativa: «Nella base del Ps c’è uno zoccolo duro che ritiene importante avere tre nomi perché innanzitutto il posto in Consiglio di Stato, come negli ultimi cento anni, deve essere socialista. Secondo, perché le proporzioni di voto dei due partiti devono essere rispettate». Sia come sia, «in questa alleanza ci crediamo, la appoggiamo e ci mancherebbe altro. Ma mi permetto di far notare - sottolinea ancora Muschietti - che il Ps ha portato avanti battaglie per l’acqua e per l’ecologia quando i Verdi dovevano ancora nascere…».

Ma Bourgoin (Verdi): ’Con due nomi a testa proposta solida’

«La nostra richiesta – riprende Bourgoin – di avere in lista, noi e il Ps, il medesimo numero di candidati e anche un esponente della società civile è volta a smuovere le acque, a offrire una proposta solida e alternativa alla destra e alla sua politica. Se non si allarga la lista per il Consiglio di Stato ad altri rappresentanti d’area si gioca soltanto in difesa». E «non si va lontano», avverte la co-coordinatrice dei Verdi. «Esprimendomi a titolo personale, quest’alleanza - sottolinea Bourgoin – è necessaria per cercare di risolvere i problemi. Per rispondere alle esigenze dei tanti cittadini che devono fare i conti con la crisi climatica, energetica, con i rincari e il previsto rilevante aumento dei premi di cassa malati. Se nel 2023 vogliamo consolidare o addirittura raddoppiare la presenza dei progressisti in governo non vedo alternative alla collaborazione dell’area. La lista unica è una delle strade per raggiungere l’obiettivo. L’ultima parola su questo o altri scenari spetterà a Comitato e Assemblea dei Verdi».

Riget (Ps): ‘Al centro i contenuti, non i nomi’

Nella dirigenza socialista l’attesa c’è, ma fino a un certo punto: «Che si candidi o no Greta Gysin il nostro progetto va avanti», assicura a ‘laRegione’ la copresidente del Ps Laura Riget. Perché «al centro devono esserci i contenuti che ci uniscono, non la scelta di una persona piuttosto di un’altra». La strategia di presentare una candidatura forte su cui puntare e un giovane di rinnovamento «pensiamo ancora sia la strada vincente, al di là delle scelte dei Verdi che competono a loro». La base, riprende Riget, «vuole chiaramente questa alleanza, e la conferenza cantonale confermerà questa scelta». Dove per «questa scelta», Riget intende «l’accordo raggiunto con i Verdi su due nomi a testa». Però la copresidente non chiude del tutto la porta, perché pure lei è consapevole che «se prima del 7 settembre Gysin avrà sciolto le sue riserve per il sì o per il no, questo potrebbe avere un’influenza sulla discussione e vedremo questa discussione che direzione prenderà».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved