ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
43 min

Scambio di auguri con la sezione Plr di Riviera

Appuntamento in programma mercoledì 7 dicembre alle 18 presso il ristorante Eurobar di Lodrino
Locarnese
1 ora

Sbanda e centra la Giudicatura di pace

Singolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
1 ora

Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’

La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
3 ore

Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri

Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
6 ore

Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’

Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
6 ore

Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino

Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
6 ore

Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo

Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
14 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
14 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
14 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
15 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
15 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
15 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
16 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
16 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
laR
 
19.07.2022 - 05:30

Il Plr: ‘Pannelli solari sopra tutti gli edifici pubblici’

Una mozione di Paolo Ortelli chiede al governo di agire per un rapido sviluppo della produzione di energia fotovoltaica. Si pensa pure a un fondo apposito

il-plr-pannelli-solari-sopra-tutti-gli-edifici-pubblici
Ti-Press
Non solo a Bellinzona, ma in tutti gli stabili pubblici

Un piano per promuovere un rapido sviluppo della produzione di energia fotovoltaica sfruttando i tetti degli stabili comunali, entro i prossimi quattro anni. A chiederlo al Consiglio di Stato è una mozione del Plr con primo firmatario il deputato Paolo Ortelli (e sottoscritta dai granconsiglieri Cedraschi, Quadranti, Ris e Speziali), che sottolinea come "per adempiere a questo scopo oltre agli incentivi già presenti nel programma di Svizzeraenergia, vi è anche la possibilità di istituire un fondo che favorisca una rapida realizzazione degli investimenti".

Il ruolo del pubblico, oltre ai privati

Partendo da un dato di fatto: "Nel contesto di un aumento della produzione di energia rinnovabile, oltre al ruolo imprescindibile dei privati, ci sono anche gli attori pubblici che si potrebbero prestare all’installazione di pannelli fotovoltaici ma che, almeno per il momento, non sono ancora stati valorizzati da questo punto di vista e per i quali non esiste per ora una regia generale verso il potenziamento delle energie rinnovabili".

‘Gli stabili sono migliaia’

Si tratta di non perdere un’occasione quindi, per i liberali radicali. Si tratta anche di sfruttare un patrimonio non indifferente. Ortelli, infatti, scrive che "tenuto conto che il numero di questi stabili è quantificabile verosimilmente nell’ordine di grandezza delle migliaia (sommando scuole, stabili pubblici di vario tipo, impianti sportivi, eccetera...) è evidente che c’è un grande potenziale che non viene ancora utilizzato perché la tendenza è quella di attendere il momento in cui si procede a un risanamento totale degli stabili". Una tendenza definita "certamente pragmatica" dai mozionanti, ma "fortemente limitante rispetto agli obiettivi attesi a breve termine".

Obiettivo: ‘Stoccaggio giornaliero e stagionale’

Fatta questa premessa, Ortelli ritiene che "il Cantone, assieme ai Comuni, debba elaborare un piano che si ponga come obiettivo il riuscire a fare in modo che - laddove tecnicamente possibile e ragionevole - vengano installati impianti di produzione fotovoltaica su tutti gli stabili pubblici nei prossimi quattro anni".

Il tutto con la richiesta che "progettazione e installazioni dovranno fornire risposte concrete anche dal punto di vista dello stoccaggio sia giornaliero, sia stagionale. Un elemento, questo, che oggi è ancora fortemente limitante nel procedere alla promozione e all’installazione di nuovi impianti".

Il perché di un fondo a supporto

La crisi delle materie prime, il conflitto in Ucraina e tutte le pesanti conseguenze della crisi energetica che si ripercuotono su aziende e popolazione rendono urgente stimolare il più possibile le energie rinnovabili e locali. E a questo scopo, suggerisce il Plr, "è possibile prevedere un fondo per un supporto agli investimenti, in particolare per realtà comunali che non fossero in grado di sopportare autonomamente l’investimento o nel caso che questo sia troppo oneroso". Un fondo che "dovrebbe pure occuparsi, in collaborazione sinergica con le autorità comunali e i loro uffici tecnici, di sviluppare una mappatura territoriale degli edifici pubblici potenzialmente adatti a un intervento, con lo scopo di fissare delle priorità".

Questo fondo e questa modalità di agire per Ortelli e i cofirmatari liberali radicali dovrebbero essere in grado "di stimolare e supportare efficacemente le singole amministrazioni comunali. Si tratta di strumenti che non solo aiuterebbero a raggiungere gli obiettivi climatici ma sarebbero anche in grado di generare processi di risanamento del patrimonio edile pubblico dell’intero cantone a beneficio della nostra economia, provocando anche effetti di sviluppo di ‘know how’ e professionalizzazione delle aziende locali".

Schnellmann: ‘Produrre acqua catturando l’umidità’

Il Plr è attivo anche su un altro tema ambientale e di forte attualità: la siccità. Con un’interrogazione firmata dal deputato Fabio Schnellmann, infatti, si rileva che "in Svizzera esistono sistemi intesi a catturare l’umidità ambientale, e la relativa condensa, fino a creare acqua. Quest’ultima viene filtrata, quindi sottoposta a un trattamento antibatterico e infine mineralizzata. Il processo finale fornisce acqua potabile di alta qualità". Inoltre, "questo sistema consente di destinare questa acqua a seconda delle puntuali esigenze: umane, agricole o industriali". In considerazione di ciò, Schnellmann chiede al Consiglio di Stato se intenda valutare questo sistema "a parziale compensazione della carenza d’acqua".

Speziali: ‘Il nostro contributo pragmatico’

Energia rinnovabile da un lato, tecniche all’avanguardia e sfruttamento di scoperte scientifiche dall’altro. «L’offensiva liberale si muove evidentemente anche sul piano dell’energia e della sicurezza dell’approvvigionamento», commenta da noi interpellato il presidente liberale radicale Alessandro Speziali. Che aggiunge: «Parliamo di un’emergenza concreta e attuale che tocca la nostra quotidianità, di famiglie e aziende. Ecco dunque - dice ancora Speziali - che continuiamo a dare il nostro contributo con proposte percorribili e attente a coniugare ambiente, energia e potere d’acquisto. Tre dimensioni inscindibili e che la politica che deve affrontare con coerenza, nel solco del nostro approccio che mira a un’ecologia senza ideologia».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved