ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
30 min

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
42 min

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
1 ora

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
1 ora

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
2 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
2 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
2 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
2 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
Mendrisiotto
3 ore

Concerto inaugurale per l’organo Serassi-Bernasconi

Una serie di momenti musicali e liturgici sottolineano la riapertura della chiesa di Sant’Eusebio a Castel San Pietro
Luganese
3 ore

Umberto Bottazzini ospite alla biblioteca del Liceo Lugano 2

L’esperto di storia e fondamenti della matematica farà il suo intervento martedì 13 dicembre alle 18.15
Mendrisiotto
3 ore

Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito

Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
Bellinzonese
3 ore

Egidia Bruno in scena con ‘Rossella’ al teatro Tan di Biasca

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 20.30
Bellinzonese
3 ore

A Bellinzona torna la ‘Notte dei Pupazzi’

L’iniziativa proposta da BiblioBaobab che promuove la lettura e l’amore per i libri si terrà tra venerdì 2 e sabato 3 dicembre
Bellinzonese
3 ore

Concerto del coro femminile ‘La Coralina di Gnosca’ a Bellinzona

Appuntamento per sabato 10 dicembre alle 20 nella chiesa evangelica. Ospite della serata il ‘Christmas Swing Quartet’
Locarnese
4 ore

‘MYNUSIO’, luci e suoni per il sottopasso ritrovato

Inaugurata l’opera – che cambia continuamente – concepita dai giovani artisti locarnesi Saul Savarino e Nicholas Andina
Bellinzonese
4 ore

Cade col quad nel fiume a Traversa: morto 29enne bleniese

La vittima ha fatto un volo di dieci metri nel greto del torrente Fruda: stava facendo lavori di giardinaggio accanto alla casa di famiglia
Luganese
4 ore

Lugano, per i più piccoli il Natale a bordo dei battelli

L’8 dicembre sarà l’occasione di viaggiare con San Nicolao. Domenica 18 dicembre toccherà alla ‘Crociera delle fiabe’
Bellinzonese
4 ore

Cima Piazza, più sicurezza grazie a una staccionata più lunga

Il Municipio di Bellinzona ha deciso di aderire parzialmente alle preoccupazioni delle famiglie in merito al parco di Giubiasco
Bellinzonese
5 ore

La busecca di Daro al mercato di Bellinzona

Sabato 3 dicembre in Piazza Collegiata saranno cucinati 600 litri della tradizionale specialità. Distribuzione a partire dalle 11.15
Mendrisiotto
5 ore

Ligornetto, Atte propone una visita al Museo Vela

L’Associazione ticinese terza età invita i soci alla passeggiata culturale che avrà inizio martedì 13 dicembre alle 14 davanti al museo.
08.07.2022 - 20:03

‘Era considerato uno scenario improbabile, ma siamo pronti’

La raccomandazione di una quarta dose per gli over 80 ha attivato le autorità ticinesi. Zanini: ‘In autunno i vaccini aggiornati contro le varianti’.

era-considerato-uno-scenario-improbabile-ma-siamo-pronti
Ti-Press
Da martedì somministrazioni alle persone con 80 e più anni

Via libera alla quarta dose per le persone con più di 80 anni. L’aumento dei contagi da coronavirus delle ultime settimane - oltre 2mila da lunedì solo in Ticino - ha spinto l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) ad accelerare i tempi, raccomandando il secondo richiamo già da subito. Da martedì 12, informa una nota congiunta dei dipartimenti Sanità e socialità e Istituzioni, verranno quindi somministrate le dosi del secondo ‘booster’ a chi si annuncerà tramite la piattaforma online www.ti.ch/vaccinazione o telefonando alla hotline cantonale (0800 128 128, tutti i giorni dalle 8 alle 17). «Lo consideravamo uno scenario poco probabile già in estate, ma eravamo pronti a reagire. Lo scopo è proteggere i grandi anziani. Sono la categoria più a rischio e quella che ha visto trascorrere più tempo dall’ultima dose», spiega il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini a ‘laRegione’. Il dispositivo messo in campo in Ticino prevede il potenziamento del centro vaccinale di Quartino e la riattivazione di quello a Tesserete. Le iniezioni verranno effettuate anche negli studi medici. «Un gruppo di dottori ha già dato la disponibilità, se poi parteciperanno tutti dipende anche dal momento. Alcuni studi, visto il periodo, hanno magari diversi collaboratori in vacanza».

‘Da prevedere anche una quinta dose in autunno’

Il piano prevede di poter arrivare a somministrare fino a 10mila dosi nelle prossime tre settimane, contando anche le case anziani dove le inoculazioni verranno fatte come in passato direttamente nelle strutture. Tutto dipenderà però da quale sarà la richiesta da parte della popolazione. «Ci sono pareri molto divergenti all’interno del gruppo vaccinazione, tra chi si aspetta un tasso di adesione piuttosto elevato e chi invece più basso», afferma il farmacista cantonale. «La scelta è anche in base al tipo di vita che una persona conduce e a quanti contatti ha quotidianamente. Vaccinarsi adesso per un over 80 vuol dire comunque verosimilmente fare una quinta dose in autunno, quando ci sarà una versione aggiornata del vaccino più efficace contro le varianti che circolano al momento». Perché allora fare un’iniezione anche adesso? «Il motivo è sempre lo stesso: evitare decorsi gravi. Sappiamo infatti che il vaccino attuale non protegge dalla possibilità di contagiarsi o contagiare con le varianti Omicron Ba.4 e Omicron Ba.5».

‘Non sappiamo quante dosi avremo a disposizione in autunno’

Vaccino aggiornati che dovrebbero arrivare dopo settembre. È infatti stata inoltrata la domanda di omologazione, una procedura che dovrebbe risolversi più velocemente rispetto al passato poiché si tratta di una modifica a un vaccino già omologato. «Resta ancora da capire il quantitativo che avremo a disposizione, vista la grande richiesta che ci sarà anche in altri paesi», avverte Zanini. «Non ci troveremo certo nella situazione d’inizio 2021, con poche dosi. Ma nemmeno con la grande abbondanza che abbiamo ora».

‘La comunicazione da Berna arrivata all’ultimo’

Martedì della prossima settimana entreranno dunque in funzione i due centri vaccinali. «Avremmo potuto essere operativi già oggi, se l’Ufficio federale della sanità pubblica ci avesse informato con alcuni giorni di anticipo dell’avvio della somministrazione della quarta dose alle persone con 80 o più anni: invece la comunicazione da Berna è arrivata solo martedì di questa settimana, a poche ore dalla conferenza stampa tenuta dall’Ufficio federale – commenta, da noi interpellato, il colonnello Ryan Pedevilla, capo in seno al Dipartimento istituzioni, della Sezione cantonale del militare e della protezione della popolazione –. Prudenzialmente avevamo comunque mantenuto in prontezza operativa le strutture di Quartino e Tesserete, tenuto conto, peraltro, che l’allestimento di un centro vaccinale richiede fra tutto due, tre settimane». Per ora, assicura Pedevilla, i due centri, uno nel Sopra e l’altro nel Sottoceneri, e gli studi medici che si sono messi a disposizione «dovrebbero bastare, secondo i calcoli fatti, per soddisfare le richieste di chi vuole la quarta dose: se necessario, siamo ovviamente pronti ad attivare le altre strutture vaccinali».

‘Non andate nei centri vaccinali durante le ore più calde’

Una quindicina i militi della Protezione civile che da martedì verranno impiegati nelle due strutture. «Otto a Quartino e sette a Tesserete – spiega Pedevilla –. In ognuno dei due centri saranno inoltre presenti un medico, un team di soccorritori e il personale per la preparazione dei vaccini da somministrare». Considerate le alte temperature di questo periodo e l’età che rende particolarmente vulnerabili le persone intenzionate a vaccinarsi, il responsabile della Sezione del militare e della protezione della popolazione invita le stesse «a non recarsi nei due centri nelle ore diurne centrali, quelle cioè più calde».

‘Quarta dose per viaggiare: poche richieste’

La quarta dose da qualche settimana era già disponibile, ma a pagamento e "per scopi non medici", segnala l’Ufficio federale della sanità pubblica sul proprio sito. La decisione era stata presa dalla Confederazione per andare incontro alle richieste di chi, con il certificato in scadenza, aveva la necessità di prolungarlo per recarsi all’estero. «La scelta di offrire a pagamento il secondo richiamo ci ha lasciati piuttosto perplessi», riprende Zanini. «In Ticino vengono fatte a Quartino, presentando una prescrizione medica». Si tratta in ogni caso di cifre molto contenute: sono 86 le inoculazioni di questo tipo già eseguite. La maggior parte dei paesi europei, quelli più gettonati per le vacanze estive, non richiede infatti più un certificato.

‘Nuova ondata pandemica, valgono le stesse preziose raccomandazioni’

«Bene ha fatto il Dipartimento sanità e socialità – evidenzia il presidente dell’Ordine ticinese dei medici Franco Denti – a chiedere nuovamente la disponibilità degli studi medici a collaborare e quindi a riproporre, nella somministrazione della quarta dose alle persone con 80 e più anni, anche il concetto di prossimità. Pure stavolta il medico potrà così spiegare a questi pazienti piuttosto vulnerabili, vista l’età, l’importanza di vaccinarsi».

Alla luce dell’aumento dei contagi, Denti non ha dubbi: «Siamo purtroppo alle prese con una nuova ondata pandemica, per cui in questi casi valgono per il momento le solite ma preziose raccomandazioni a titolo preventivo». Fra queste, indica il presidente dell’Ordine dei medici: «Usare la mascherina sui mezzi di trasporto e nei negozi, evitare gli assembramenti al chiuso e lavarsi le mani con una certa frequenza. Come sempre, è il buonsenso che deve prevalere».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved